Lega DNB – Girone C, tutte le cronache della 6a Giornata

Lega DNB – Girone C, tutte le cronache della 6a Giornata

Commenta per primo!

Stella Azzurra Roma – Pall. Pescara 77-75 dts (13-23, 13-23, 20-13, 19-15, 12-10)

Stella Azzurra Roma: Giancarli 2 (1/3, 0/2), Leonzio 26 (8/17, 1/3), Forte, Cucci 14 (5/8), La Torre 15 (5/7, 1/2), Ndiaye, D’Ascanio M. 12 (4/9, 0/1), Pappalardo 8 (4/10, 0/4), Smorto N.E.: D’Ascanio L.

Tiri Liberi: 17/24 – Rimbalzi: 29 18+11 (Cucci 11) – Assist: 7 (Leonzio, La Torre, D’Ascanio M. 2)

Pall. Pescara: Pepe 13 (4/5, 1/4), Rajola 6 (2/3, 0/5), Maino 18 (1/4, 3/12), Masciarelli, Timperi M. 11 (2/4, 1/2), Timperi M., Di Carmine 9 (3/3, 1/2), Marcelo Dip 18 (6/9) N.E.: Buscaino, Battaglia

Tiri Liberi: 21/26 – Rimbalzi: 33 27+6 (Marcelo Dip 11) – Assist: 7 (Rajola 3)

Arbitri:Gaudino,Roca

C’è molto rammarico per la sconfitta di Roma contro la Stella Azzurra, maturata solo nel tempo supplementare. I ragazzi di coach Fabbri hanno avuto un approccio positivo alla gara, che si sapeva dura e combattuta, e si sono spesi fino al 45? senza risparmio, ma purtroppo sono mancati nell’ultimo giro di lancetta. Nonostante l’assenza di due titolari per infortunio (Di Donato è rimasto fuori, Buscaino è andato in panchina ma senza poter essere schierato), i biancorossi sono stati avanti fino al 34?, dopo una prima frazione equilibrata, e con le due successive che li ha visti condurre costantemente con uno scarto medio di 10 punti (massimo vantaggio al 27? sul 38-50). Ovviamente in campo minori possibilità di rotazione per i più esperti, e maggior minutaggio per i babyes Marco Timperi e Di Carmine che hanno fornito un adeguato contributo nella bolgia romana. Dopo il recupero dei locali, gli ultimi minuti di fuoco hanno portato ancora i pescaresi in leggero vantaggio, ma a 13 secondi dalla fine è stata una tripla di La Torre a consentire ai propri colori di accedere ai supplementari (65-65). Nell’overtime i canestri di Timperi e Maino hanno portato nuovamente l’Amatori al vantaggio (71-75) fino a 42 secondi dalla fine, quando l’uscita per falli di capitan Rajola ha complicato le cose sulle ultime rimesse, favorendo ancora un recupero di La Torre per i due punti della vittoria. Buona prestazione, conferma del buon stato di forma, peccato per il risultato. Si pensa già a domenica 17 in casa con il Senigallia per un pronto riscatto.

===============================================

Poderosa Basket Montegranaro – Sicoma Valdiceppo 86-81 (20-22, 26-22, 17-19, 23-21)

Poderosa Basket Montegranaro: Perin 8 (0/1, 2/3), Redolf 13 (2/3, 2/3), Berdini 13 (3/6), Sabbadini 4 (1/2), Carpineti 6 (2/4), Temperini 22 (4/4, 4/8), Catakovic 7 (2/3, 0/1), Nobile 11 (5/9), Magrini 2 (1/4, 0/2) N.E.: Cernivani

Tiri Liberi: 22/27 – Rimbalzi: 33 28+5 (Nobile 7) – Assist: 17 (Berdini 6)

Sicoma Valdiceppo: Santantonio 10 (1/6, 2/7), Burini 9 (2/6 da tre), Meschini 30 (7/9, 4/12), Orlandi 5 (1/3, 1/4), Ramenghi 8 (4/12), David Rath 3 (0/2, 1/3), Casuscelli 14 (1/2, 4/8), Serino, Urbini 2 (1/1, 0/1), Cedric Guede N.E.: Parretta

Tiri Liberi: 9/14 – Rimbalzi: 37 22+15 (Santantonio 9) – Assist: 16 (David Rath 6)

Arbitri:Vita,Ferretti

 

Secondo successo consecutivo per la Dino Bigioni Shoes Poderosa Montegranaro che sul campo amico ha avuto ragione della Sicoma Valdiceppo per 86-81. I gialloneri hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie per venire a capo di un avversario giovane, smaliziato e anche bravo. Nel finale giocato punto a punto l’asse play-pivot formato da Berdini e Nobile ha fatto tutta la differenza del mondo, onore e merito però alla compagine umbra che fino alla fine ha provato a violare il palasport veregrense.

Cronaca – Partiva bene la Dino Bigioni Shoes che grazie ai canestri di Magrini, Nobile, Berdini e Redolf si portava subito avanti sull’8-3 dopo 2’50”. Casuscelli e Ramenghi tenevano però a galla la Sicoma che si riportava subito in scia sul 10-8. Si segnava con regolarità da una parte e dall’altra, poi Valdiceppo grazie ad una tripla di Meschini ( alla fine per lui 30 punti e 24 di valutazione) metteva la testa avanti, 16-17 dopo 8’45”. Un canestro di Temperini a 2” dalla prima sirena, portava ancora avanti i gialloneri sul 20-19.

Il secondo periodo si apriva con una tripla di Burini, 20-22 poi, sei punti di Carpineti e due tiri liberi di Sabbadini regalavano il nuovo vantaggio alla Poderosa sul 28-24. La gara rimaneva sempre piacevole e aperta ad ogni risultato, Perin con due liberi realizzati portava la sua squadra sul più 5, 33-28 dopo 5’10”. A questo punto la Dino Bigioni si schierava in difesa a zona 2/3. Questo accorgimento permetteva ai gialloneri di tenere a bada le bocche di fuoco avversarie e grazie a due triple di Temperini e a due liberi di Catakovic di raggiungere anche il massimo vantaggio, 41-31 dopo 7’10”. Orlandi e Meschini riducevano il disavanzo, tre liberi messi a segno da Redolf e un canestro di Temperini ricacciavano indietro il tentativo di riavvicinarsi degli avversari e al ripo lungo il punteggio era di 46-41.

Al ritorno in campo andava in scena il festival delle bombe da una parte e dall’atra con Valdiceppo che riusciva ad impattare sul 49 pari dopo 3’35”. La gara rimaneva in equilibrio, poi la Poderosa aveva un lampo che la portava avanti sul 60-55. Nek finale di terzo periodo il pressing avversario produceva palle recuperate e dopo 30’ si era sul 63-60.

Nell’ultimo quarto, Due triple di Santantonio e una di Redolf facevano tornare la sfida in parità. 66-66 dopo 2’20”. Santantonio sbagliava du liberi, Burini ne realizzava uno che valeva oil sorpasso, 66-67. Urbini portava i suoi sul più tre, 66-69 dopo 4’30”. La gara si faceva in salita per la Poderosa che però grazie a Nobile e Catakovic riusciva ad effettuare il controsorpasso, 70-69 dopo 5’17”. Successivamente veniva sanzionato con un fallo antisportivo Casuscelli, Berdini segnava i liberi, nell’azione successiva Perin una tripla dall’angolo, 75-69. La partita tornava in mano ai gialloneri che con tre liberi messi a segno da Berdini e Catakovic  si portavano avanti sul 78-71. Nel finale, Meschini trovava ancora conclusioni pesanti che riportavano in partita la Sicoma, 81-78 A 34” dalla sirena. L’ultimo acuto era quello di Rath che metteva a segno una tripla quella dell’84-81. Temperini però era glaciale dalla lunetta e alla fine vinceva la Poderosa per 86-81.

 

===============================================

Virtus Basket Fondi – Eurobasket Roma 75-85 (23-21, 16-21, 19-27, 17-16)

Virtus Basket Fondi: Di Manno 2 (1/1), Pietrosanto 15 (3/6, 2/5), Romano 5 (1/6, 1/1), Cappiello 17 (4/6, 1/3), Fazzone, Di Rocco 6 (1/5, 1/2), Gattesco 5 (1/3, 1/2), Porfido 23 (5/5, 3/10), Di Marzo 2 (1/2) N.E.: Ruggieri

Tiri Liberi: 14/21 – Rimbalzi: 28 23+5 (Pietrosanto, Porfido 6) – Assist: 18 (Cappiello 8)

Eurobasket Roma: Vaiani 21 (7/9, 0/2), Casale 10 (2/7, 1/4), Romeo, Guagliardi 10 (2/2, 1/2), Staffieri 5 (2/5, 0/3), Berardinelli 6 (0/1, 2/8), Montesi, Pierangeli 17 (7/9, 1/6), Tommasello 9 (3/7), Barraco 7 (3/7)

Tiri Liberi: 18/30 – Rimbalzi: 45 27+18 (Vaiani 10) – Assist: 10 (Casale, Pierangeli 3)

Arbitri:Posti,Leonelli

 

La Virtus esce sconfitta nella 6°giornata di campionato contro i romani dell’Eurobasket. I padroni di casa si presentano alla contesa senza Lilliu squalificato e Refini fermo ai box per infortunio. Nonostante la pesante assenza del miglior marcatore della scorsa stagione della DNB la Virtus gioca nei primi 16′ il miglior basket offensivo dall’inizio del campionato con una buonissima circolazione di palla e tutti i giocatori in campo a referto salvo riscontrare qualche sofferenza contro la pressione difensiva della squadra capitolina. Dal rientro dello spogliatoio però la squadra rossoblù stacca mentalmente la spina, gli ospiti piazzano il break ed arrivano addirittura fino al +15. Sul finire del quarto però i fondani grazie alle giocate di Porfido, Cappiello e Pietrosanto tornano sul -5. Nell’ultimo parziale però alcune dormite difensive e a rimbazlo permettono all’Eurobasket di allungare di nuovo e di arrivare alla sirena finale con un buon margine di vantaggio. Partita dai due volti per l’Oasi di Kufra, per quasi tutto il primo tempo la formazione guidata da Di Fazio ha dimostrato grinta, voglia e capacità di sacrificarsi per la squadra, Sul finire del secondo quarto qualche meccanismo si è inceppato, i padroni di casa hanno abbassato la concentrazione, troppi gli errori difensivi commessi e i rimbalzi offensivi concessi agli avversari che hanno così potuto piazzare il solco decisivo per vincere il match. Migliore in campo Porfido (nella foto), ha lottato e ha cercato di caricarsi la squadra sulle spalle nel finale insieme a Cappiello e Pietrosanto. Un’ottima notizia per la truppa fondana, se l’ala nativa di Caserta gioca con questa fiducia per l’Oasi di Kufra ci sarà qualche ingranaggio in meno da sistemare. Il prossimo impegno per i fondani sarà domenica 17 a Porto Sant’Elpidio, squadra ostica attualmente a 6 punti.

===============================================

Pall. Senigallia – Pall. Palestrina 78-66 (19-23, 23-23, 11-13, 25-11)

Pall. Senigallia: Pierantoni 17 (5/5, 1/3), Maddaloni 9 (3/6, 1/3), Savelli 2 (1/2), Catalani 11 (1/1, 3/6), Meccoli Matejka 13 (1/1, 2/3), Battisti 10 (3/6, 1/3), Perini 10 (5/11), Sartini 6 (2/3 da tre) N.E.: Locapo, Tagnani

Tiri Liberi: 10/15 – Rimbalzi: 27 21+6 (Pierantoni 9) – Assist: 18 (Battisti 6)

Pall. Palestrina: Perna L. 9 (3/5, 1/3), Rossi 12 (4/11, 1/6), Molinari 6 (2/4, 0/1), Omoregie 12 (4/4, 1/1), Casale 7 (2/2, 1/1), Cara, Brenda 6 (3/8, 0/1), Samoggia 14 (3/7, 1/3) N.E.: Perna S., Di Mauro

Tiri Liberi: 9/9 – Rimbalzi: 24 18+6 (Omoregie 7) – Assist: 3 (Rossi, Cara, Samoggia 1)

Arbitri:Soavi,Bergamini

Un Palestrina decimato e in grossa difficoltà al PalaPanzini per la sesta giornata di DNB. Fuori Baroni, Nozzolillo e Di Giacomo, il rientrante Cara solamente in panchina alla palla a due, out invece Pasquinelli per i locali che cercano la quarta vittoria. E’ un buon avvio per i prenestini, Brenda e Samoggia, lanciati in quintetto, ripagano la fiducia e portano subito avanti la Citysightseeing anche di quattro lunghezze, poi è la prima tripla del cecchino Maddaloni a smuovere l’inerzia e Senigallia ne approfitta per operare il primo sorpasso. Tutto sommato un quarto gradevole, condito dalla risposta arancio verde che porta alla conclusione dalla lunga distanza Omoregie (9-11), per proseguire con l’appassionante tete-a-tete con Pierantoni, Molinari e Perini in rapida successione. Parità all’8°, la vecchia guardia di Palestrina suona ancora la carica e ripropone il vantaggio ospite, Brenda impatta nuovamente e nell’azione succesiva Molinari va dentro a mettere il 17-19. Ultimo tentativo per il ’93 Battisti che centra il bersaglio: primo intervallo 19-19.
Tanti giovani sul parquet, Senigallia mette in mostra il lungo Sartini (24-21), mentre Longano trova energie fresche in panchina con un positivo Casale. Due punti per la guardia e gioco da tre per Omoregie che sigla il 24-26. Marchigiani che trovano allora la terza bomba della serata e vanno 27-26 a 6’40” dalla fine del secondo periodo, non si va però oltre il canestro di distanza tra le due contendenti, un duello acceso ed equilibrato, con un grande Omoregie nelle fila degli ospiti a riavvicinare i suoi (29-28). A Maddaloni replica Samoggia che ritrova la retina con due liberi, Casale invece continua a riscuotere applausi incaricandosi della prima tripla degli arancio verdi (31-33). Pochi attimi e Meccoli Matejka lo imita, il vantaggio però viene annullato dall’altro neo entrato, Luca Perna, è un Palestrina capace di trovare da tutti i componenti giocate importanti. Momento scintillante condito dalla schiacciata di Omoregie e la bomba dello stesso Perna: 34-40. Rossi ha anche la palla del +8 ma è invece Perini a fare centro e rimettere in scia Senigallia, poco prima del percorso netto in lunetta di Samoggia. Nell’ultimo minuto fa il suo ritorno sui campi anche Augusto Cara ma bastano un paio di disattenzioni per essere prontamente puniti e la squadra di Valli recupera terreno confezionando quasi sulla sirena il tiro da tre che Catalani non fallisce: 42-42.
Necessario e vitale non abbassare la tensione, lo sa Omoregie e cerca di dimostrarlo aprendo il secondo tempo con il meglio del suo repertorio, la schiacciata, ma Maddaloni non vuole lasciar scappare Palestrina, 44-44, e dopo l’ennesima carambola in attacco catturata dai tentacoli di Omoregie arriva anche per Samoggia il momento del sorriso dai 6.75. Per lui anche un tiro aggiuntivo e col fondamentale canestro di Rossi il 44-50 è servito. Senigallia in estrema difficoltà, Rossi puntella il vantaggio, la difesa di Longano sembra tornata ai livelli ammirati lo scorso anno, al mancato +9 fa seguito il secondo canestro del quarto operato da Pierantoni e nonostante tutto la Goldengas è lì. Il capitano biancorosso è scatenato e sostiene da solo il tentativo di rimonta, Rossi e Perna si alternano tenendo a bada il recupero: 52-55 al 27°. Qualche segnale di stanchezza con le due squadre che sbagliano qualcosa di troppo ed il punteggio resta incollato, mosso solamente da un 1/2 di Battisti. Un quarto felice per la Citysightseeing eppure gli avversari costruiscono l’azione del possibile sorpasso, le polveri bagnate dei prenestini non evitano comunque di avviarsi all’ultimo tempino sul +2.
Equilibrio in fin dei conti ristabilito, Meccoli Matejka porta anche per Senigallia il 55° punto, e costringe Longano al time-out riguadagnando il comando (dopo oltre un quarto) con una bomba di Battisti. Punti nelle mani che ha Gianmarco Rossi e da lui arriva il -1, mentre Cara apporta il suo mattoncino servendo a Samoggia l’occasione di far pendere la bilancia a favore di Palestrina. Tre minuti trascorsi sul cronometro ed incertezza che la fa da padrona, Battisti segna ma spreca il tiro supplementare, va molto meglio ai lunghi Pierantoni e Sartini che incrementano la percentuale dei marchigiani da tre. Due episodi che spaccano il match, i locali volano 66-59, difficoltà per una Palestrina in debito di ossigeno che allora chiama il minuto tecnico. Ferita riassorbita in parte da Samoggia, Perini la riallarga forse decisivamente (70-61), Palestrina vacilla e perde pezzi. Poco più di tre minuti per rimediare, attingendo alle risorse più nascoste, ed allora sono gli esterni a caricarsi di responsabilità: Rossi insacca dall’arco, Perna aumenta il bottino personale, un giro di lancette se ne è andato e siamo 72-66. La parola fine la colloca Meccoli Matejka, seconda opportunità in attacco capitalizzata al massimo, Senigallia ancora letale da tre e vittoria in cassaforte.

===============================================

Bcc Vasto – Giulianova Basket 85 80-60 (22-14, 14-14, 21-16, 23-16)

Bcc Vasto: Sergio 14 (1/2, 4/4), Di Carmine 11 (4/5, 1/2), Dipierro 22 (4/5, 4/8), Magri’, Di Tizio 1 (0/2 da tre), Durini 16 (2/5, 4/5), Marinelli 6 (3/4, 0/2), Salvatorelli, Serroni 10 (3/7, 1/1) N.E.: Ierbs

Tiri Liberi: 4/8 – Rimbalzi: 31 23+8 (Di Carmine 8) – Assist: 15 (Dipierro 5)

Giulianova Basket 85: Marmugi 15 (5/10, 1/3), Cianella 8 (1/1, 2/6), Sacripante 2 (0/3, 0/1), Marinucci 4 (2/2), Travaglini 18 (6/11, 1/6), Scarpetti 4 (2/2, 0/2), Gallerini 9 (2/5, 0/6) N.E.: Andreani, Mennilli, Caruso

Tiri Liberi: 12/14 – Rimbalzi: 23 11+12 (Travaglini 7) – Assist: 7 (Marmugi, Travaglini 2)

Arbitri:Dionisi,Fanesi

==============================================

Npc Rieti – Porto S.Elpidio Basket 72-52 (27-11, 14-11, 10-12, 21-16)

Npc Rieti: Giampaoli 13 (2/4, 3/9), Biasich, Colantoni, Benedusi 3 (1/3, 0/3), Granato 4 (2/2, 0/5), Feliciangeli 7 (2/6, 1/2), Manuel Caceres 19 (8/11, 1/2), Ferraro 14 (3/6, 1/3), Ponziani 2 (1/2), Victorio Musso 10 (3/6, 1/2)

Tiri Liberi: 7/9 – Rimbalzi: 40 28+12 (Ferraro 12) – Assist: 17 (Ferraro 5)

Porto S.Elpidio Basket: Torresi 2 (1/5, 0/1), Pozzetti 5 (1/4, 1/3), Fabi 3 (1/4, 0/2), Ferroni, Giampieri, Boffini 8 (3/7, 0/3), Coviello 15 (6/9, 0/5), Traini 3 (0/1, 1/1), Romani 16 (6/12, 1/2) N.E.: Postacchini

Tiri Liberi: 7/8 – Rimbalzi: 34 24+10 (Coviello 9) – Assist: 8 (Boffini, Romani 2)

Arbitri:Giacalone,Lombardo

La quarta vittoria di fila si concretizza per la NPC Rieti contro Porto Sant‘Elpidio nella seconda domenica di Novembre.

Tra le mura amiche del Palasojurner si è celebrato il successo di una squadra che appare matura e presente a se stessa, un gruppo ben organizzato e molto, molto concreto.

Gli avversari ben preparati da coach Marco Schiavi, si sono scontrati contro una squadra concentrata fin dalle prime battute e capace di un primo quarto eccezionale, con uno strepitoso Caceres, autore di  11 punti che diventeranno 19 per il miglior realizzatore dell’incontro.

L’attacco fluido e la difesa pressante sulle bocche da fuoco marchigiane,merito di un ottimo Benedusi, ma anche dei lunghi Ferraro, Caceres e Feliciangeli, hanno permesso ai reatini di imporsi nella prima frazione di gioco per 27-13.

Nel secondo quarto i leoni amaranto celesti stringono ancora di più la difesa ed i marchigiani che usualmente dispongono di un attacco pericoloso, non riescono a concretizzare. Schiavi prova a mischiare le carte, cambiando spesso difesa, ma i nostri sono bravi a trovare sempre le soluzioni migliori (41-24).

Nel terzo quarto le percentuali al tiro dei padroni di casa si abbassano, ma la difesa non cede il passo, così che Porto Sant’Elpidio non riesce a ricucire il gap (51-38).

L’ultima frazione di gioco non riserva sorprese, la NPC gestisce il vantaggio e la partita si chiude tra gli applausi per 72-52.

Le chiavi dell’incontro sono state una intensità costante per 40 minuti e la difesa che ha consentito alla NPC di fermare a 55 punti una squadra che fin qui ha viaggiato a 75,5 di media.

===============================================

Latina Basket – Orvieto Basket 77-53 (23-9, 20-9, 17-11, 17-18)

Latina Basket: Bolzonella 7 (1/3, 1/4), Pastore 10 (1/2, 2/3), Santolamazza 2 (1/3), Tagliabue 3 (0/4, 1/3), Pilotti 19 (5/6, 3/3), Uglietti 4 (2/4, 0/1), Bonacini 11 (2/4), Carrizo 12 (4/5, 0/1), Nardi, Gagliardo 9 (3/8, 1/1)

Tiri Liberi: 15/17 – Rimbalzi: 31 27+4 (Tagliabue 8) – Assist: 11 (Carrizo 3)

Orvieto Basket: Ciriciofolo 12 (3/5, 2/5), Quercia, Agliani 2 (1/5, 0/2), Rovere 6 (3/3, 0/2), Palmerini 6 (0/5, 2/4), Mirone 2 (1/5), Marcante 19 (6/15, 1/3), Candido 6 (3/9) N.E.: Trinchitelli, Battistelli

Tiri Liberi: 4/9 – Rimbalzi: 31 20+11 (Marcante 11) – Assist: 5 (Candido 2)

Arbitri:Spinelli,Bernassola

===============================================

Dynamic Venafro – Nuova Pallacanestro Monteroni 77-70

Arbitri:Tammaro,Barbiero

 

LA CLASSIFICA

1 Latina Basket 12 6 6 0 457 368 89 4 0 2 0 6 WWWWW
2 Npc Rieti 10 6 5 1 459 344 115 3 0 2 1 4 LWWWW
3 Pall. Pescara 8 6 4 2 451 424 27 3 0 1 2 -1 WLWWL
4 Pall. Senigallia 8 6 4 2 410 384 26 3 0 1 2 2 WWLWW
5 Giulianova Basket 85 8 6 4 2 389 396 -7 2 1 2 1 -2 WWWLL
6 Bcc Vasto 6 6 3 3 428 391 37 2 1 1 2 1 LLWLW
7 Porto S.Elpidio Basket 6 6 3 3 429 445 -16 1 1 2 2 -2 LWWLL
8 Poderosa Basket Montegranaro 6 6 3 3 441 446 -5 2 2 1 1 2 LWLWW
9 Stella Azzurra Roma 6 6 3 3 378 413 -35 2 1 1 2 3 LLWWW
10 Eurobasket Roma 6 6 3 3 467 460 7 1 2 2 1 1 WLLLW
11 Orvieto Basket 4 6 2 4 367 398 -31 1 1 1 3 -3 WWLLL
12 Sicoma Valdiceppo 2 6 1 5 404 479 -75 1 2 0 3 -1 LLLWL
13 Virtus Basket Fondi 2 6 1 5 375 438 -63 0 4 1 1 -4 WLLLL
14 Pall. Palestrina 0 6 0 6 384 453 -69 0 2 0 4 -6 LLLLL
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy