Lega DNB – Tutta la 2a Giornata, del Girone C

Lega DNB – Tutta la 2a Giornata, del Girone C

Commenta per primo!

Sicoma Valdiceppo – Giulianova 67 – 75

Parziali: 21-20, 34-31, 46-51, 67-75

Arbitri: Posti e Leonelli

Sicoma Valdiceppo: Santantonio 5, Burini, Meschini 15, Orlandi 10, Ramenghi 16, Portillo, Rath 3, Casuscelli 9, Serino 9, Guede. All. Traino

Giulianova: Marmugi 19, Pira 5, Cianella, Sacripante 9, Andreani 14, Mennilli 3, Caruso 15, Scarpetti, Travaglini 1, Gallerini 11. All. Francani

Grande cornice di pubblico al Pala-Cestellini e clima caldissimo per l´esordio casalingo della Sicoma Valdiceppo opposta all´esperta formazione di Giulianova, capace nel primo turno di imporsi in casa con la Telematica Orvieto. Le sopramaglia disegnate appositamente con la griffe Taboo e indossate dai giocatori ponteggiani recano una scritta in inglese che dice: vincere o perdere, comunque vada daremo tutto. Ed in effetti questa è la sintesi migliore di una gara giocata dai bianco-blu senza risparmiarsi, provando ad opporre alla mole e alla caratura degli avversari un ritmo forsennato ed una pressione difensiva continua. Elementi che hanno consentito di mantenere a lungo il controllo delle operazioni, prima che nella fase finale qualche ingenuità e le percentuali davvero ragguardevoli dei Giuliesi da tra punti (59%) facessero sfumare l´occasione di conquistare i primi due punti di questo campionato.
L´avvio, come dicevamo, è di quelli a cento all´ora: Ramenghi si mette subito in evidenza (buono il bilancio finale del lungo perugino con 16 punti e 9 rimbalzi), ma Andreani e Gallerini rispondono immediatamente dall´arco e ricuciono il primo allungo dei locali. Il gap di chili e centimetri tra le due squadre è notevole, e la sfida tattica subito chiara: Valdiceppo vuole allungare la difesa e proteggere i lunghi vicino a canestro con continui aiuti, mentre gli ospiti vogliono punire ogni sbavatura difensiva con grande circolazione della palla e conclusioni sempre molto pertinenti dal perimetro, Due triple consecutive di Orlandi scrivono un altro piccolo break, ma Andreani non molla un centrimetro e alla fine della prima frazione siamo sempre lì, 21-20. La gara è piacevole, di grande livello agonistico, anche se nella seconda frazione lo sforzo fisico si fa sentire e le squadre perdono un po´ di fluidità in chiave offensiva. Per i padroni di casa Meschini è il più abile ad attaccare il ferro e proprio dalle sue iniziative nascono scarichi velenosi per i compagni sul perimetro, mentre sull´altro versante Caruso si guadagna diverse gite in lunetta.
All´intervallo la SICOMA è avanti di 3, ma l´avvio della seconda metà di gara non è altrettanto convincente e la tripla immediata di Marmugi riporta il match in perfetta parità. Ramenghi viene pescato per tre volte consecutive, ma l´inerzia sfugge di mano ai ponteggiani, privi ancora di Urbini, nonostante i 3 canestri di fila dello stesso Ramenghi. A complicare ancora le cose è la situazione falli, con Santantonio e Meschini gravati entrambi da 4 falli, mentre Burini non riesce a sbloccarsi e ad entrare in partita. Tra i lunghi invece da sottolineare l´esordio del giovane Gabriel Portillo, classe ´95, ed il positivo apporto di Serino in termini di energia e dinamismo. Sotto di qualche lunghezza, intanto, i padroni di casa sono costretti a rischiare di più con il pressing e la zona, ma la Globo fa ancora male da tre punti, prima con Marmugi e poi con Sacripante e Andreani. Gli risponde capitan Casuscelli, e la volata finale dell´ultimo quarto parte con 5 punti da recuperare. Rath e Orlandi la mettono da lontano, e rimettono i bianco-blu in carreggiata, ma il problema resta quello di fermare la manovra avveraria: gli uomini di Francani hanno preso confidenza con la partita ed il pick and roll centrale è molto efficace: l´argentino Caruso sale in cattedra, rientra anche Gallerini che mette una tripla e argina la rimonta dei padroni di casa.
La SICOMA non molla, torna in partità a quota 57, commette però un paio di ingenuità decisive e deve fare i conti con una squadra che non ha nessuna intenzione di farsi sorprendere, e riesce a portare a casa il risultato finale vanificando la scelta del fallo sistematico finale.
“Abbiamo messo in campo tutto quello che avevamo” il commento dell´assitant coach Seveso “commettendo anche qualche errore ma con grande generosità. Non ce l´abbiamo fatta, ma non possiamo certo rimproverarci di non averci provato. Peccato per qualche ingenuità che a questo livello si paga cara.”
La SICOMA Valdiceppo sarà di nuovo in campo al Pala-Cestellini sabato prossimo, 19 Ottobre alle ore 21 per il derby con la Telematica Orvieto.

AMATORI PESCARA – BCC VASTO 61 – 59 d. t. s.

AMATORI PESCARA: Pepe 9, Rajola 6, Maino 23, Buscaino 6, Masciarelli, Timperi Mar. 3, Timperi Mat., Di Donato 5, Di Carmine A., Dip 9. Allenatore: Fabbri

BCC VASTO: Sergio 12, Di Carmine G. 4, Di Pierro 13, Di Tizio 8, Ierbs, Durini 9, Menna, Marinelli 2, Salvatorelli, Serroni 11. Allenatore Di Salvatore

Arbitri: Spinelli (Roma) e Bernassola

I biancorossi pescaresi riescono a piegare nell’overtime, e con scarto minimo, la BCC Vasto nel primo derby stagionale della DNB giocato davanti ad un pubblico numeroso con larga tifoseria ospite. Una vittoria giunta al termine di una gara nella quale si è evidenziato più l’agonismo che la tecnica, con i pescaresi che non sono stati capaci di tutelare un vantaggio di dieci punti (45 – 35) che avevano a 5 minuti dalla fine. Gara comunque equilibrata, con molti errori su entrambi i fronti e con il Vasto che ha guadagnato l’overtime con un canestro a pochi secondi dalla fine di Marinelli da sotto (52 – 52). Per i pescaresi la vittoria è arrivata con Maino migliore in campo, che recupera in difesa, va in contropiede, subisce il fallo e centra i due tiri liberi della vittoria, il tutto a quattro secondi dalla fine. Ora, lo sguardo va a Latina (domenica 20 ottobre) contro una delle formazioni meglio attrezzate per la vittoria del girone.

STELLA AZZURRA ROMA – OASI DI KUFRA FONDI 47-49

STELLA: Olivieri, Moretti 2, Carosi, Alibegovic, Giancarli 11, Leonzio 5, Forte, Gasperini, Cucci 9, Latorre, D’Ascanio 12, Pappalardo 8. All. D’Arcangeli G.

FONDI: Di Manno, Pietrosanto 17, Romano 6, Cappiello 12, Fazzone, Lilliu 7, Di Rocco 3, Gattesco 2, Porfido, Refini 2, Di Marzo. All. Di Fazio F.

PARZIALI: 12-12 23-25 37-41

Prima vittoria stagionale per la Virtus Fondi che espugna l’arena Altero Felici della Stella Azzurra. Due punti importantissimi per la truppa di coach Di Fazio che ha avuto il merito di non mollare mai anche quando la bilancia sembrava pendere per i padroni di casa. Una gara non bella, contornata da moltissimi errori al tiro (tant’è vero che nel primo tempo le due formazioni non han raggiunto nemmeno il 15% dei tiri totali) che però è sempre stata sul filo dell’equilibrio. Ad inizio terza frazione gli stellini parevano aver trovato la bussola dando un parziale di 10-2, l’Oasi di Kufra che ha dovuto far a meno di Lilliu in panca con 4 falli commessi nei primi 20′ e Di Manno uscito per un colpo alla testa ha però assorbito e restituito i colpi con un contro break di 1-14 grazie ai più esperti Pietrosanto e Romano. Negli ultimi minuti dell’ultimo quarto è nato un match ad alta tensione, nonostante continuassero i molti errori le due squadre han combattuto colpo su colpo, nel finale Pietrosanto mette due liberi importantissimi, al contrario, Pappalardo fa 1/2. L’ultimo possesso è per i padroni di casa che con Giancarli non riesce ad impattare, la sirena sorride e premia la squadra fondana. Gran partita di Pietrosanto, vero man of the match, sempre pronto in ogni circostanza, bene anche Cappiello in netta ripresa e il giovane Di Rocco. Adesso la squadra fondana è attesa ad un tour de force casalingo con le regine del campionato Latina e Rieti.

Pall. Palestrina – Latina Basket 63-72 (17-18, 13-18, 22-19, 11-19)

IL DETTAGLIO

Pall. Palestrina: Baroni 5 (1/2, 1/2), Perna 4 (2/5, 0/3), Rossi 12 (3/9, 2/5), Molinari 3 (0/1, 1/2), Omoregie 5 (2/6), Di Giacomo 10 (5/5), Nozzolillo 9 (1/3, 2/6), Brenda 6 (3/5), Samoggia 9 (1/4, 1/3)

Tiri Liberi: 6/15 – Rimbalzi: 32 24+8 (Rossi 7) – Assist: 4 (Rossi 2)

Latina Basket: Bolzonella 22 (6/8, 2/6), Pastore 10 (0/1, 2/2), Santolamazza 6 (1/1, 1/3), Tagliabue 9 (2/5, 1/5), Squeo, Pilotti 20 (6/9, 2/4), Uglietti, Carrizo 5 (1/3, 1/4), Nardi

Tiri Liberi: 13/19 – Rimbalzi: 31 26+5 (Tagliabue 11) – Assist: 7 (Tagliabue 2)

Arbitri:Napolitano,Ascenzi

Ecoelpidiense PSE – EuroBasket Roma 76-86

Parziali: 21-21;39-38;52-61

Arbitri: De Panfilis e Ferretti

Spettatori: 750

Ecoelpidiense PSE: Torresi 6, Pozzetti 6, Fabi 14, Ferroni ne, Chiericozzi 2, Giampieri 3, Boffini 20, Coviello 17, Traini ne, Romani 5. All. Schiavi

EuroBasket Roma: Vaiani 3, Fanti 16, Ciambrone, Guagliardi 7, Staffieri 5, Pierangeli 19, Stella 3, Tomasello 11, Barraco 13, Casale 9. All.re Bongiorno

Non riesce il bis alla Ecoelpidiense che dopo l’esordio col botto a Montegranaro deve piegarsi in casa all’Eurobasket Roma, formazione anch’essa neopromossa che si sta rivelando tra le più in forma in questo inizio di stagione.
Eppure l’avvio prometteva bene con i biancoazzurri di casa sorretti da Fabi e da un pubblico versione play-off. Dopo soli tre minuti Ecoelpidiense già +10 con Romani che fissava il punteggio sul 12-2. Roma, non ancora entrata in partita, trovava la via del canestro solo con Fanti. La fisicità dei capitolini però, crea non pochi problemi ai biancoazzurri che soffrono nell’area pitturata la presenza di Tomasello e Barraco. Un parziale di 15-5 pro Roma rimette tutto in discussione e alla prima sirena è perfetta parità (21-21).
Coviello e Pozzetti tentano di aumentare l’intensità ma è Staffieri in avvio di parziale a firmare il sorpasso (21-24). Ancora Pozzetti insieme all’altro ex Stamura Giampieri rispondono colpo su colpo a Casale e Fanti per una gara che è sempre più vibrante e combattuta. Il periodo è equilibrato e all’intervallo lungo i biancoazzurri conducono di un punto (39-38). Il terzo quarto è la chiave del match. Dopo una partenza ancora all’insegna dell’equilibrio il break di 8-17 in favore di Roma accenda la spia della riserva in casa elpidiense che continua a subire l’aggressività dei giocatori in completo blu. Barraco e Guagliardi con l’aggiunta dell’ex Recanati Pierangeli chiudono il parziale sul 52-61 spostando l’inerzia del match tutta verso la Capitale. I ragazzi di coach Schiavi però non ci stanno e sospinti da Boffini e Coviello tornano prepotentemente in partita. E’ la bomba del numero 10 che esalta i tifosi elpidiensi e riporta i suoi a solo una lunghezza (60-61) nonostante dall’altra parte Pierangeli non lascia nulla al caso. L’esterno romano non si placa e in un amen l’EuroBasket torna di nuovo a 7 lunghezze di vantaggio (62-69) a 5’ dall’ultima sirena. E’ un divario che Romani e compagni non riusciranno più a ricucire perché ancora Pierangeli con due bombe consecutive ed un fallo tecnico fischiato alla panchina biancoazzurra faranno calare il sipario sulla disputa. Roma vince con merito 76-86, per la Ecoelpidiense nessun dramma, c’è da lavorare e lo si sapeva. La vittoria di Montegranaro non cancella le pecche di una squadra giovane che ha ancora ampi margini di miglioramento e che già da domenica e Pescara (campo neutro) contro Vasto, dovrà riprendere la corsa all’unico vero obiettivo stagionale ossia la salvezza.

Telematica Orvieto-Dino Bigioni Shoes 65-60

Telematica Orvieto: Ciriciofalo 1, Agliani 10, Rovere 9, Palmerini 12, Mirone, Marcante 14, Negrotti 13, Candido 6. All: Brandoni.

Dino Bigioni Shoes: Perin 8, Redolf 6, Berdini 19, Sabbadini, Carpineti 10, Temperini 5, Catakovic 4, Nobile 2, Magrini 6. All: Bianchi.

Arbitri: William Raimondo di Roma e Mirko Picchi di Ferentino (Frosinone)

Note: Parziali: 13-18, 31-26, 47-41.

Seconda sconfitta consecutiva per la Dino Bigioni Shoes Poderosa Montegranaro battuta in trasferta ad Orvieto per 65-60 dalla Telematica. In una gara molto equilibrata, sono stati gli episodi a fare la differenza soprattutto in avvio di contesa quando gli umbri hanno messo in campo qualche cosa di più rispetto ai gialloneri. Eppure, dopo i primi 10’, Berdini e compagni hanno saputo tenere bene testa agli avversari, il capitano è stato il migliore dei suoi con 19 punti, questo però non è bastato ad evitare questo secondo passo falso.
Iniziavano meglio i padroni di casa che dopo 10’ erano avanti 13-8. La Poderosa si scuoteva e iniziava a proporre una buona pallacanestro. La gara rimaneva in equilibrio e al riposo lungo il punteggio era di 31-26.
Al ritorno in campo i gialloneri cercavano in tutti i modi di pareggiare le sorti della contesa, Orvieto però teneva bene botta soprattutto sotto i tabelloni dove alla fine raccattavano 42 palloni contro i 29 della Poderosa. Al termine del terzo quarto il punteggio era di 47-41. C’erano ancora tutti i margini per potersela giocare fino in fondo, la Poderosa ci provava senza però riuscire nell’intento. Alla fine vinceva Orvieto, per la Poderosa un’altra sconfitta che con un po’ più di attenzione poteva essere evitata.

GOLDENGAS SENIGALLIA – NPC RIETI 64 – 58

GOLDENGAS SENIGALLIA 64: Battisti 11, Maddaloni 6, Meccoli 9, Pierantoni 10, Perini 10;
Pasquinelli 3, Savelli ne, Locapo ne, Sartini 9, Catalani 6. All. Valli

NPC RIETI 58: Giampaoli 12; Benedusi 8, Scodavolpe 1, Caceres 6, Ferraro 6;Musso 8, Auletta ne, Mascagni 2, Ponziani ne, Feliciangeli 15.All. Nunzi

Arbitri: Ardone di Pesaro e Patti di Chieti.

Parziali: 15-13 28-34 54-45 64-58.

Note – Spettatori 300 circa.
l calendario non era stato tenero nei confronti della Pallacanestro Goldengas Senigallia, che nelle prime due giornate di DNB doveva affrontare quelle che a detta di tutti gli addetti ai lavori erano le squadre più forti.
Ma dopo la giusta – benché dignitosa (61-73) – sconfitta di Latina, la squadra di Valli ribalta il pronostico e supera meritatamente nell’esordio al PalaPanzini la Npc Rieti, 64-58.
Gli ospiti non sembrano ancora al meglio – pure fisicamente – e nel finale si abbandonano al nervosismo; ma la Goldengas convince per atteggiamento e voglia di portare a casa i due punti, trovando un contributo prezioso dai propri giovani: al di là di qualche ingenuità, bene infatti Battisti (nel quintetto di partenza come playmaker) e Sartini, determinante dalla panchina.
Cronaca. 7 punti proprio di Battisti nel primo quarto lanciano i locali a un pur minimo vantaggio (15-13 al 10?); Rieti sembra poter scappare nel secondo periodo grazie soprattutto all’eterno Feliciangeli (39 anni) che dimostra di non aver giocato in serie A per caso e propizia – col pesarese Giampaoli – il + 8 per i suoi (21-29). La Goldengas regge, e va al riposo sotto di 6 lunghezze: 28-34. Splendido l’inizio di partita dei locali dopo la pausa lunga: tanta intensità difensiva con un ottimo Battisti ma è decisivo anche Sartini, che con Pierantoni e Perini permette il break che dal 45-45 porta il punteggio sul 54-45 al suono della terza sirena. E’ ancora presto per festeggiare, anche perché Senigallia fa fatica non trovando più il canestro ad inizio del quarto periodo; tuttavia, trova un pò di respiro dalla lunetta (55-49 al 34?) e poi allunga di nuovo con una penetrazione di Maddaloni (59-49). Negli ultimi 4?, qualche ingenuità dei locali – che perdono pure Battisti infortunato – vanificata da un esagerato nervosismo nei confronti degli arbitri da parte dei reatini, che regalano tiri liberi per un fallo tecnico fischiato a Benedusi: Meccoli ne mette 3 su 4, e chiude il discorso (62-53 al 38?). Finisce 64-58.

LA CLASSIFICA

GIULIANOVA BASKET 85 4 2 2
LATINA BASKET 4 2 2
EUROBASKET ROMA 4 2 2
PALL. PESCARA 4 2 2
PORTO S.ELPIDIO BASKET 2 2 1
PALL. SENIGALLIA 2 2 1
NPC RIETI 2 2 1
VIRTUS BASKET FONDI 2 2 1
BCC VASTO 2 2 1
ORVIETO BASKET 2 2 1
PALL. PALESTRINA 0 2 0
PODEROSA BASKET MONTEGRANARO 0 2 0
STELLA AZZURRA ROMA 0 2 0
REALE MUTUA VALLECEPPI 0 2 0
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy