Lega DNB – Tutta la 2a Giornata, del Girone D

Lega DNB – Tutta la 2a Giornata, del Girone D

Commenta per primo!

Polisportiva Agropoli – Cestistica Bernalda 84-54
Arbitri:Esposito,Roca

Cus Jonico Taranto – Basket Francavilla 77-79 (30-27, 15-27, 15-14, 17-21)

Cus Jonico Taranto: Leoncavallo 10 (4/7), Fanelli 12 (1/3, 3/5), Moliterni 24 (6/8, 4/7), Giuffre’ 5 (1/2, 1/2), Gianfranco 2 (1/3, 0/1), Salerno 2 (1/4, 0/2), Pizzo 7 (2/4, 1/2), Sarni 15 (4/11 da tre)
Tiri Liberi: 6/10 – Rimbalzi: 31 23+8 (Sarni 8) – Assist: 24 (Giuffre’ 8)

Basket Francavilla: Dagnello 17 (7/8, 1/6), Hidalgo 14 (5/10, 0/3), Battaglia, Coluzzi 6 (1/2, 1/2), Di Marco 12 (1/4, 3/7), Dalovic 14 (4/4, 2/7), Camerini 9 (3/6, 1/1), Medizza 7 (3/3)
Tiri Liberi: 7/13 – Rimbalzi: 23 15+8 (Camerini 7) – Assist: 17 (Di Marco 7)

Arbitri:Tammaro,Carotenuto

Il PalaMazzola non porta bene al Cus Jonico Basket Taranto che perde in casa contro Francavilla una partita che sembrava vinta a pochi secondi dalla fine ed invece è stata persa rocambolescamente negli ultimi possessi con due canestri di Davlovic e Di Marco che hanno reso vani i 24 punti di Moliterni, il buon impatto del giovane Pizzo e le doppie cifre di Leoncavallo, Fanelli e Sarli.
La partita inizia con grande tensione ma anche spettacolo con le squadre che si affrontano in campo aperto. Parte bene Francavilla fino alla tripla di Sarli per il sorpasso, 8-6. Ma è Moliterni il protagonista del primo quarto con i suoi 10 punti che portano il Cus al vantaggio 18-10 a metà quarto e poi al 30-17 al suono della prima sirena che vede protagonista anche il nuovo arrivato, Gaspare Pizzo, under con poca paura e già tanta esperienza.
Nel secondo quarto l’altra faccia del Cus Jonico, quella che non si vorrebbe vedere. I ritmi scendono e soprattutto calano le percentuali realizzative. Arrivano solo 15 punti con qualche isolato sprazzo, come una tripla di Giuffrè. A metà quarto è ancora 37-24, poi il crollo grazie anche all’inserimento del giovane Hidalgo che segna 8 punti e trascina gli altri, Dagnello e Di Marco fino a sfiorare il pareggio con la “preghiera” di Di Marco che viene ascoltata poco prima dell’intervallo per il 45-44 Cus Jonico.
Inizio di terzo quarto al cardiopalmo, Fanelli, Sarli e Dagnello si sfidano a colpi di tiri da tre che generano sorpassi e controsorpassi. Si va quindi in parità a quota 54 con il punteggio che si ferma sul 56-56 per buona parte di fine quarto quando le difese e le imprecisioni hanno la meglio. Moliterni e Salerno in finale di tempo trovano due canestri che valgono oro e il minimo vantaggio a fine quarto: 60-58.
Sarli infiamma l’inizio degli ultimi 10’ con la tripla del 63-58 ma l’inerzia del Cus viene fermata da un antisportivo, dubbio, fischiato a Valentini. Taranto si blocca e subisce un parziale di 11-1 che capovolge il vantaggio a favore dei brindisini. Leale ora sceglie di tenere in campo Pizzo. Proprio l’under siciliano con Moliterni e Giuffrè trascinano il Cus dapprima alla rimonta con un paio di azioni nel finale. Il sorpasso sul 71-70 lo firma Giuffrè, di Moliterni la tripla del 77-73. Davlovic non si arrende e rimette Francavilla a -2 a 30” dalla fine poi la beffa arriva con la tripla di Di Marco per il 77-78 ospite che Giuffrè non riesce a ribaltare. Finisce 79-77 per Francavilla. Per Taranto ora alle porte due trasferte, ancora due derby: San Severo e Martina.

Nuova Pallacanestro Monteroni – Lanciano Basket 57-75 (12-16, 11-16, 14-21, 20-18)

Nuova Pallacanestro Monteroni: Ingrosso 7 (2/8, 1/6), Paiano 15 (7/12), Provenzano 7 (2/7 da tre), De Giorgio 7 (3/5, 0/2), Serio, Errico 2 (1/2, 0/2), Spada 3 (0/1, 1/1), Di Giandomenico, Brunetti 4 (0/3, 0/2), Martino 12 (3/7, 2/5)
Tiri Liberi: 7/10 – Rimbalzi: 38 22+16 (Brunetti 11) – Assist: 8 (Ingrosso, Brunetti, Martino 2)

Lanciano Basket: Muffa, Di Marco 4 (1/1), Castelluccia 9 (0/3, 3/6), Grosso 19 (1/1, 5/10), De Vincenzo 4 (2/3, 0/1), Bomba 1 (0/1), Ucci 15 (4/4, 2/5), Di Matteo 2 (1/1), Martelli 15 (3/4, 3/5), Polonara 6 (3/7, 0/2)
Tiri Liberi: 6/12 – Rimbalzi: 30 26+4 (Castelluccia, Polonara 7) – Assist: 13 (Ucci 4)
Arbitri:Spano,Lillo

Colpaccio della Bper Lanciano che strapazza Monteroni a domicilio nel secondo turno di campionato, su un parquet reso viscido dalla condensa e al limite della praticabilità.
I frentani hanno disputato una gara perfetta andando a condurre sin dalla prime battute, mettendo a ferro e fuoco la retina avversaria, bombardata dalle conclusioni dal perimetro di Grosso, Ucci, Martelli e Castelluccia, stasera scatenati nel tiro dalla lunga distanza.
Merito del Lanciano è stato quello di difendere con fisicità il proprio canestro, concedendo solo conclusioni difficili agli avversari, mentre in attacco i gialloblù sono stati cinici e spietati, meritando di vincere la prima trasferta dell’anno e tornando a casa con 2 preziosissimi punti ai fini della salvezza.
L’inizio è subito di marca frentana, con Martelli che mette subito in chiaro le cose e che realizza 7 punti nel primo quarto, quarto che si chiude 12 a 20.
La Bper continua a giocare bene anche nella seconda frazione e, dopo aver toccato il +16 verso la fine del tempo, va al riposo sul 23 a 36. Ma è nella terza frazione che i ragazzi di coach Salvemini alzano il ritmo, attuando una circolazione di palla veloce ed efficace che culmina con le conclusioni chirurgiche delle sue guardie.
Il coach salentino Gianluca Quarta è costretto al time-out. Paiano e compagni sono sulle ginocchia a 2 minuti dal termine della terza frazione, con Lanciano avanti di 25 lunghezze (32-57).
Grosso e soci devono solo amministrare nell’ultimo periodo e lo fanno senza troppi patemi, mandando a segno nel finale anche il giovane Di Matteo. La contesa termina 57 a 75.
La Bper inaspettatamente si ritrova a punteggio pieno dopo 2 turni. Il recupero di capitan Ucci dopo un anno di inattività e l’innesto dei nuovi arrivati hanno rinforzato non poco i gialloblù, che ora sognano a occhi aperti la salvezza nel campionato Dnb.
I prossimi 2 impegni però saranno senz’altro più proibitivi. Lanciano li giocherà enbtrambi in casa contro Bisceglie e Scafati, due corazzate in lizza per la promozione. Esami importanti in vista per i ragazzi di Salvemini, che per ora si godono questo spumeggiante avvio.

SSD Cestistica San Severo – Pall. Molfetta 98-69 (31-17, 24-17, 25-21, 18-12)

IL DETTAGLIO

SSD Cestistica San Severo: Stella 18 (6/8, 1/4), Mirando 6 (0/1, 2/3), De Fabritiis 6 (3/4, 0/5), Mastromatteo, Cicive 6 (3/3), Pozzi 19 (8/9, 1/6), De Gregorio 2 (1/2), De Lucretiis, Sorrentino 2 (1/3, 0/1), Scarponi 39 (6/7, 9/12)
Tiri Liberi: 3/9 – Rimbalzi: 28 23+5 (Scarponi 7) – Assist: 23 (Stella 15)

Pall. Molfetta: Grimaldi 14 (3/5, 2/4), Sallustio, Spadavecchia 3 (1/2), De Falco 2 (1/3, 0/1), Bertona 9 (4/9), Longobardi 18 (5/9, 1/3), Azzollini 3 (1/1 da tre), Corazzon 2 (1/1, 0/2), Maggi 18 (6/10, 2/5)
Tiri Liberi: 9/14 – Rimbalzi: 30 26+4 (Bertona, Maggi 8) – Assist: 16 (De Falco 7)

Arbitri:Gaudino,Barbiero

FORTITUDO MARTINA – GIVOVA SCAFATI 68-74 (Parziali: 13-15, 35-36, 51-49, 68-74)

FORTITUDO MARTINA – Di Bello, D’Anna 9, Fedele, Cantagalli 24, Potì 8, Verri 11, Vignali 3, Maritano 6, Friuli, Raffaelli 7. All. Fantozzi

GIVOVA SCAFATI – Pirrone n.e., Di Capua 10, Izzo 6, Zaccariello 14, Argentieri n.e., Requena 12, Chiacig 11, Ruggiero 8, Canavesi 13, Matrone

Ambrosia Bisceglie- Pall. San Michele Maddaloni 88- 70

Bisceglie: Torresi 26, Gambarota 6, Chiriatti 2, Cancellieri 11, Drigo 17, Abassi 7, Storchi 4, Cena 14, Rianna 1, Lombardi, All. Scoccimarro.

Maddaloni: Piscitelli 10, Mastropietro n.e., Pascarella 5, Desiato 14, Loncarevic 14, Salanti n.e., Garofalo 2, Moccia 3, Rusciano 6, Chiavazzo 16, All. Massaro, Ass. All. Ricciardi, Ass. All. Sasso.

Parziali: 24- 19; 46- 38; 69- 54; 88- 70.

Arbitri: Danilo Lucarella di Leporano (TA) e Massimiliano D’Errico di Pulsano (TA).
Note: 500 spettatori circa. Usciti per 5 falli Chiavazzo. Fallo tecnico a Cancellieri e Garofalo. Fallo antisportivo a Loncarevic.
Esce sconfitta in quel di Bisceglie la Pall. San Michele, che dopo un primo tempo combattuto deve arrendersi ad un infallibile Ambrosia, che ha tirato con delle percentuali davvero ‘monstre’. L’inizio vede le due compagini affrontarsi a viso aperto, in pienio equilibrio, seppur a condurre nel punteggio sono sempre i padroni di casa. Con grande energia i pugliesi arrivano nel pitturato avversario e insaccano nel cesto. Di contro, il Maddaloni prima soffre questa verve, e poi inizia a prenderci confidenza, riuscendo anche e soprattutto a superare il pressing a tutto campo che la squadra casalinga aveva disegnato su misura.
Il Bisceglie sta in palla, e si vede sul parquet. Corrono e difendono come dei dannati. Il Maddaloni però, riprende il bandolo della matassa e comincia a mettere in difficoltà i padroni di casa, che si vendono non solo recuperare nel punteggio, ma avvertono che l’inerzia della partita stava per cambiare padrone. I biancazzurri sono bravi a far girare il pallone e a pescare il taglio sul fondo dei lunghi, che puntualmente puniscono la retroguardia avversaria. Di contro, ai pugliesi scendono quasi drasticamente le proprie percentuali, anche se al riposo lungo riescono comunque ad andare con otto lunghezze di vantaggio.
Al rientro dagli spogliatoi avviene il break decisivo. Il Bisceglie scende sul parquet con una voglia matta di giocare, e vincere naturalmente questo match. Sono diverse le triple che gli esterni pugliesi mandano a segno in appena 2’ di gioco, che permettono al Bisceglie di portarsi sul 54-40. Il ritmo imposto dai padroni di casa è forsennato, e gli ospiti si vedono precipitare addirittura a venti lunghezze di distacco (61-41 al 26’) senza batter ciglio.
L’ultimo quarto viene giocato praticamente senza troppo agonismo. In che senso. Il Bisceglie non accennava ad alzare il piede dall’acceleratore, mentre il Maddaloni non è mai riuscito a reagire come doveva. Mentre i padroni di casa si sono anche concessi una girandola di cambi, dando spazio a tutti gli effettivi, gli ospiti hanno dovuto innanzitutto fare di necessità virtù, avendo alcuni rientranti e ancora un indisponibile, e cosa principale, emotivamente i calatini hanno abbandonato la gara non appena il divario si è rivelato incolmabile.

POLISPORTIVA AGROPOLI 4 2 2
GIVOVA SCAFATI 4 2 2
LANCIANO BASKET 4 2 2
SSD CESTISTICA SAN SEVERO 4 2 2
BASKET FRANCAVILLA 2 2 1
PALL. MOLFETTA 2 2 1
LIONS BISCEGLIE 2 2 1
NUOVA PALLACANESTRO MONTERONI 2 2 1
S.MICHELE MADDALONI 0 2 0
CESTISTICA BERNALDA 0 2 0
DYNAMIC VENAFRO 0 1 0
MARTINA FRANCA 0 1 0
CUS JONICO TARANTO 0 2 0
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy