Lega DNB – Tutta la 3a Giornata, del Girone C

Lega DNB – Tutta la 3a Giornata, del Girone C

Commenta per primo!

Sicoma Valdiceppo – Orvieto    54 – 69

Parziali: 23-17, 10-17, 3-14, 18-21

Sicoma Valdiceppo: Santantonio 16 (4/9, 1/6), Burini, Meschini, Orlandi 6 (0/4, 2/7), Ramenghi 7 (3/8), David Rath 15 (4/6, 2/5), Casuscelli 2 (1/5, 0/6), Serino 4 (2/5), Urbini 2 (1/1), Cedric Guede 2 (1/1)

Tiri Liberi: 7/12 – Rimbalzi: 34 19+15 (Ramenghi 9) – Assist: 8 (Santantonio, Orlandi, David Rath 2)

Orvieto Basket: Trinchitelli 1, Ciriciofolo 1 (0/2), Quercia, Agliani 11 (2/4, 1/1), Rovere 15 (3/5, 3/3), Palmerini 14 (2/5, 3/3), Mirone, Marcante 7 (2/4, 0/1), Negrotti 11 (3/6, 0/5), Candido 9 (1/3)

Tiri Liberi: 22/34 – Rimbalzi: 41 35+6 (Marcante 9) – Assist: 13 (Marcante, Negrotti 3)

Arbitri:Ciccodicola,Cardano

Niente da fare per una volenterosa Valdiceppo, che dopo un avvio promettente è costretta ad arrendersi alla maggiore solidità degli avversari, che nel terzo quarto piazzano l´allungo decisivo. A condannare i ponteggiani sono le percentuali dalla lunga distanza, normalmente uno dei punti di forza di Casuscelli e compagni, che hanno dovuto fare i conti con una difesa davvero ben organizzata che ha concesso pochissimo e contro la quale i bianco blu hanno perso lucidità ed efficacia. Con soli tre punti realizzati nell´intero terzo quarto, la Sicoma perde il controllo sulla partita e peggiora le cose cercando di reagire con troppa frenesia e senza la necessaria circolazione della palla. A chiudere definitivamente i conti ci pensa poi un Rovere chirurgico dalla linea dei 6,75: tre triple in un amen che spengono le residue speranze di rimonta per i padroni di casa.

Bella e calorosa la cornice di pubblico, che ha gremito il Palacestellini in ogni ordine di posto, e davvero simpatica l´iniziativa dei pre-match games, dedicati questa volta al Torneo del Cioccolato per la categoria scoiattoli, con tante gare, divertimento e cioccolata per tutti, in attesa del derby.

Subito dopo gli inni nazionali premiazioni e ringraziamenti per i due ex: Simone Trinchitelli, che lo scorso anno ha indossato la maglia della Ponte Vecchio in una stagione sfortunatissima per l´infortunio al ginocchio che ha tenuto il playmaker orvietano lontano dal parquet per molti mesi. E poi Lorenzo Negrotti, capitano della Telematica, che ha lasciato a Ponte S. Giovanni davvero un bellissimo ricordo per le sue capacità tecniche e lo spessore umano.

Quando si comincia i ponteggiani dimostrano di volerci provare sul serio, affidandosi alle iniziative di Santantonio, che mette 6 punti in fila e si carica sulle spalle i compagni. Gli risponde lo stesso Negrotti, che si guadagna una gita in lunetta e poi manda a bersaglio una bella conclusione in uscita dai blocchi, subito supportato da un Palemerini solido e preciso. Sono due canestri da tre punti di Rath a segnare il primo parziale positivo per la Valdiceppo, che alla prima sirena è avanti di 6 lunghezze ed incrementa ancora nei primi minuti del secondo quarto con un buon contributo di Serino e di Urbini (ancora in recupero dopo l´infortunio) dalla panchina.

Basta però alzare il piede dall´accelleratore per un istante e Orvieto riesce a ricucire prima con Agliani, e poi a passare in vantaggio di uno sulla sirena con Palmerini 33-34. Poi, come dicevamo, nel terzo quarto in campo c´è solo la Telematica, che chiude tutti i varchi in difesa, e poi finalizza in contropiede con Rovere. La reazione dei padroni di casa è scomposta, anche se il pressing costringe comunque gli avversari ad un numero molto alto di palle perse. A lungo andare però, non riuscendo a sbloccarsi e a concretizzare i molti recuperi difensivi, i ponteggiani perdono fiducia, devono correre qualche rischio di troppo e perdono per 5 falli anche capitan Casuscelli, fino a che Rovere chiude definitivamente i conti.

“Abbiamo reagito con poca lucidità quando le cose si sono messe per il verso sbagliato” il commento di coach Traino “un problema che non abbiamo ancora superato e che ci è costato molto anche nelle due precedenti partite. Al resto di ha pensato Orvieto, che ha difeso molto bene sulle penetrazioni, ci ha tolto ritmo e ha meritato la vittoria. Peccato, perchè non siamo riusciti a giocare come speravamo, davanti ad un pubblico davvero straordinario che sia io che i ragazzi vogliamo ringraziare davvero.”

54-69 il saldo finale, con la Sicoma attesa nel prossimo turno dalla trasferta contro una delle grandi del girone, il Basket Rieti.

Virtus Basket Fondi – NPC Rieti 72-89

(13-30, 19-30, 19-23, 21-8)

Virtus Basket Fondi: Di Manno, Pietrosanto 14 (3/7, 1/7), Romano 2 (1/3), Cappiello 9 (2/4, 0/2), Lilliu 32 (6/13, 3/7), Di Rocco 4 (1/1), Gattesco 11 (4/5, 1/3), Porfido, Refini, Di Marzo

Tiri Liberi: 23/31 – Rimbalzi: 31 23+8 (Gattesco 9) – Assist: 7 (Lilliu 4)

Npc Rieti: Giampaoli 23 (2/2, 6/12), Biasich 2 (1/1, 0/2), Benedusi 13 (3/4, 0/1), Granato 3 (0/1, 1/6), Feliciangeli 4 (1/3), Manuel Caceres 5 (2/4, 0/1), Ferraro 10 (4/5, 0/5), Ponziani, Victorio Musso 13 (3/5, 2/2), Mascagni 16 (0/1, 5/7)

Tiri Liberi: 15/21 – Rimbalzi: 42 32+10 (Manuel Caceres 9) – Assist: 19 (Ferraro, Victorio Musso 5)

Arbitri:Pagano,De Prisco

La NPC vince a Fondi una partita mai messa in discussione. La terza giornata del campionato DNB celebra una NPC colma di riposte positive alle domande del dopo Senigallia, risposte che parlano di un gioco di squadra pulito, fluido e aggressivo.

Una partita mai in discussione per la truppa di Luciano Nunzi che sbanca il Palavirtus senza troppi patemi. Seppur contro una delle due regine del campionato per l’Oasi di Kufra è una sconfitta amara. Una partita che già nei minuti iniziali pende a favore degli ospiti bravissimi nella circolazione della palla, aiutati anche dalla difesa non pervenuta dei padroni di casa. Una difesa che nel primo tempo ha permesso al duo Giampaoli-Mascagni di scatenarsi dai 6.75 (10/17 da 3 punti nei primi ’20). Uniche note positive per Di Fazio la prova offensiva di Lilliu e la prestazione di Pietrosanto nonostante le non eccellenti percentuali al tiro. In crescita il lungo Gattesco (in foto). Per Romano e compagni però non c’è tempo per recriminare, sabato al Palavirtus arriverà la favorita numero uno, la corazzata Latina Basket, altro test che sulla carta si preannuncia più che difficile.

Ferma in difesa e decisa in attacco, la NPC si impone fin dai primi minuti di gioco, scavando un solco sempre più profondo. Un Giampaoli in grande spolvero, autore di ben 23 punti in 17 minuti (2/2 da due punti, 6/12 da tre e 1/1 ai liberi con 3 rimbalzi difensivi) suona la carica degli amarantocelesti a cui, tra tutti, il giovane Mascagni risponde prontamente con 5/7 da tre punti.

All’intervallo lungo Rieti è in vantaggio di 26 punti (32-58), ma entra negli spogliatoi con il play titolare infortunato. Giampaoli, purtroppo, riscendendo dal balzo di un tiro da fuori area appoggia sul piede di un difensore che si era fatto troppo sotto e storce la caviglia. Dovrebbe trattarsi di una distorsione, ma solo gli accertamenti medici a cui da domani si sottoporrà l’atleta sapranno dare un esito certo.

Musso, Granato, Benedusi, Caceres e Ferraro inaugurano la seconda parte della gara dove la NPC è brava a gestire il vantaggio. I ragazzi in parte allentano la tensione, ma non perdono la concentrazione, le rotazioni si ampliano: c’è spazio per tutti.

Col passare dei minuti i padroni di casa, grazie anche ad un ottimo Lilliu, recuperano parte dello svantaggio, ma restano sempre troppo lontano dai leoni amarantocelesti che stasera ruggiscono prepotenti. La gara termina sul 72-89, con molta soddisfazione e una discreta preoccupazione per gli infortunati che ora sono due: Giampaoli e Scodavolpe.

“Sono soddisfatto – afferma coach Luciano Nunzi – per la risposta della squadra in tutto quello che non era andato a Senigallia. Abbiamo dimostrato che possiamo giocare in modo pulito, far circolare la palla fluidamente e costruire buoni tiri. La difesa ha lavorato bene, alla fine della terza frazione avevamo incassato solo 50 punti, in attacco siamo stati molto positivi. Abbiamo disputato un primo tempo super, Giampaoli non si è risparmiato e Mascagni che è stato molto bravo, ha capito quello che serviva alla squadra, interpretandolo in maniera positiva. I tre lunghi Feliciangeli, Caceres e Ferraro hanno dato un grande contributo recuperando ben 20 rimbalzi, tuttavia è limitativo parlare dei singoli, la prestazione è stata concreta da parte di tutti. La partita era insidiosa, anche perché venivamo dalla brutta prestazione della scorsa domenica, ma devo dire che le risposte ci sono state tutte. Ora speriamo di recuperare gli infortunati in tempi brevi”.

EUROBASKET – GLOBO GIULIANOVA 60-67 (14-11, 33-30, 46-48) (a cura di Marco Cesta, Ufficio Stampa Eurobasket Roma)

Eurobasket Roma: Vaiani 8 (2/3, 0/1), Casale 6 (2/3, 0/5), Fanti 8 (3/8, 0/2), Guagliardi 2 (1/1, 0/2), Staffieri 4 (1/6, 0/2), Berardinelli 8 (1/4, 2/5), Pierangeli 10 (3/4, 1/9), Tommasello 6 (3/5), Barraco 8 (3/6) N.E.: Stella

Tiri Liberi: 13/22 – Rimbalzi: 47 28+19 (Fanti 11) – Assist: 8 (Pierangeli 3)

Giulianova Basket 85: Marmugi 9 (3/7, 0/4), Pira, Cianella, Sacripante, Andreani 8 (0/2, 2/4), Mennilli 7 (1/1, 1/1), Caruso 15 (2/5, 2/4), Travaglini, Gallerini 28 (5/10, 4/11) N.E.: Scarpetti

Tiri Liberi: 18/23 – Rimbalzi: 30 25+5 (Andreani 9) – Assist: 4 (Andreani 2)

Arbitri:Tarascio,Scarfò

La Globo Giulianova sbanca il campo dell’Eurobasket, conquistando così il terzo successo consecutivo in campionato, secondo di fila lontano dal PalaCastrum e condannando così i ragazzi di coach Bongiorno alla prima sconfitta stagionale. Il 60-67 finale è giunto al termine di una gara dove i padroni di casa hanno messo in più frangenti in difficoltà i giallorossi che però nei due quarti finali hanno dimostrato maggiore lucidità e freddezza, il tutto condito da una ottima difesa. Da sottolineare la prestazione di Gallerini, con 28 punti, vero MVP della gara.

Arriva quindi contro Giulianova, e dopo una gara giocata a viso aperto per tutti i 40’, la prima sconfitta stagionale in Divisione Nazionale B della Virtus Eurobasket. E’ stata una gara ben giocata e a tratti anche esaltante, con alcuni dei protagonisti in campo autori di giocate di assoluto livello. La differenza, soprattutto nei momenti finale della gara, l’ha fatta la maggiore precisione al tiro degli uomini di Francani trascinati da un Danilo Gallerini vero e proprio mattatore dell’incontro. I nostri ragazzi hanno pagato le basse percentuali al tiro ed alcune scelte discutibili nei momenti topici del match, ma va dato comunque atto a Casale & co. di averci creduto fino alla fine e di aver gettato il cuore oltre l’ostacolo nel tentativo di conquistare i due punti. Gli abruzzesi hanno dimostrato di essere squadra coesa ed esperta…oltre ad avere quel cinismo che poi ha fatto la differenza negli ultimi 2’ di gara.

Lorenzo Brunetti, vice allenatore della squadra, ci racconta le sue impressioni sulla gara: “Siamo arrivati molto fiduciosi a questa sfida dopo aver conquistato le vittorie contro Valdiceppo e Porto Sant’Elpidio ed eravamo consapevoli della qualità di Giulianova, non soltanto per i 4 punti in classifica, ma anche per la qualità e l’esperienza dei loro giocatori. Insieme a Luciano e ad Umberto abbiamo preparato la partita con l’idea di sfruttare la profondità e l’atletismo del nostro roster, cercando di tenere alti i ritmi e di avere un’intensità difensiva costante per tutti i 40’. A differenza delle prime due gare, nelle quali abbiamo segnato 88 punti di media, non siamo riusciti ad essere sempre lucidi in attacco e questo ci ha portato ad avere qualche difficoltà nel costruirci tiri aperti e a trovare la via del canestro…anche per merito della difesa di Giulianova che ci ha costretto a tiri forzati e ad uscire dai nostri giochi. Nonostante qualche problema offensivo, però, siamo rimasti in partita fino alla fine tentando di alzare il livello difensivo con cinque piccoli pur sapendo che avremmo potuto subire qualcosa in termini di chili e centimetri. Prendiamo questa sconfitta come una lezione positiva per lavorare ancora più sodo in palestra…l’obiettivo rimane quello di migliorare per poterci giocare al meglio ogni partita in un campionato difficile come la DNB.”

Dopo una partenza razzo dell’Eurobasket che fruttava un parziale di 14-4, dopo 6′ dalla palla a due iniziava la vera partita della Globo Giulianova che grazie ad un Gallerini particolarmente ispirato, prima metteva a segno un parziale di 6-0 che consentiva di chiudere il primo quarto sotto di un solo possesso (14-11) e dopo, al ritorno in campo, con due triple dello stesso “Gallo”, per la prima volta nella gara riusciva a portarsi in vantaggio: 18-20. I giallorossi sembravano avere in mano le chiavi della gara e non cedendo nulla ai padroni di casa, seppure con qualche palla persa di troppo, volavano addirittura sul +10 (20-30). Il contro break però non si faceva attendere, l’Eurobasket, passava a zona e questo permetteva ai ragazzi di coach Bongiorno di mettere un freno alle bocche da fuoco della Globo, mettendo nel carniere al contempo un parziale di 13-0 che rimescolava le carte in tavola mandando Gallerini e soci al riposo lungo sotto di tre lunghezze (33-30).
Al ritorno in campo nonostante l’Eurobasket continuava con la “zona” la Globo iniziava a giocare un basket diverso cercando di appoggiare più palloni sotto le plance. Il gioco espresso in campo risentiva di qualche errore banale ma veniva gettate le basi per l’allungo operato nell’ultimo periodo. Dopo aver iniziato gli ultimi 10′ avanti di due punti (48-46) i ragazzi di coach Francani erano bravi a non permettere ai padroni di casa di avvicinarsi troppo nel punteggio, e quando lo facevano, Mennilli dalla lunga era bravo a rispondere colpo su colpo (54-51). Negli ultimi minuti veniva fuori la maggior esperienza dei giuliesi. Marmugi, da sotto, segnava 9 punti consecutivi, Andreani dalla linea della carità non tradiva (60-63) e Gallerini anche lui con un percorso netto dalla lunetta regalava il 60-67 che dava alla Globo un’importantissima vittoria, alla luce anche del fatto che più che per i 28 punti di Gallerini ed i 15 di Caruso, gran parte del merito andava attribuito ad una difesa capace di tenere a 60 punti una squadra capace di ben altri exploit realizzativi.

Poderosa Basket Montegranaro – Pall. Palestrina 90-72 (24-18, 16-18, 23-17, 27-19)

Poderosa Basket Montegranaro: Cernivani, Perin 9 (1/1, 2/2), Redolf 8 (0/1, 2/3), Berdini 7 (3/6, 0/1), Sabbadini 6 (2/4), Carpineti 10 (3/7), Temperini 28 (1/5, 7/11), Catakovic 8 (3/4), Nobile 9 (3/4), Magrini 5 (0/4 da tre)

Tiri Liberi: 25/29 – Rimbalzi: 33 26+7 (Perin 6) – Assist: 23 (Berdini 10)

Pall. Palestrina: Baroni 7 (2/8, 1/2), Perna 6 (3/3, 0/5), Rossi 18 (5/8, 2/7), Molinari 9 (1/1, 1/3), Omoregie 8 (4/7), Di Giacomo 11 (4/5, 1/1), Nozzolillo, Brenda, Samoggia 13 (4/8, 1/5) N.E.: Casale

Tiri Liberi: 8/11 – Rimbalzi: 25 16+9 (Di Giacomo, Samoggia 6) – Assist: 8 (Rossi 3)

Arbitri:Ardone,Fanesi

Primo successo stagionale per la Dino Bigioni Shoes Poderosa Montegranaro che in casa ha sconfitto Palestrina con il punteggio finale di 90-72. Non è stata però una partita facile per i gialloneri che sono stati bravi a gestire la contesa nel terzo periodo quando i laziali erano riusciti ad operare il sorpasso. Tutti hanno messo un mattone importante, Temprini è stato il miglior realizzatore con 28 punti (1/5 7/11) e 22 di valutazione.

L’avvio di gara era equilibrato poi, sul 10-9 per la Poderosa, Palestrina riusciva con un break di 0-7 a portarsi al massimo vantaggio, 10-16 con un canestro di Di Giacomo dopo 5’. La reazione della Poderosa produceva un controparziale di 11-0 (21-16). Al termine del primo periodo il punteggio era di 24-18.

Il secondo quarto si apriva con un canestro di Catakovic (buona anche la sua prova con 8 punti e oltre 16’ in campo). La Dino Bigioni provava ad allungare senza riuscirci e al riposo lungo il suo vantaggio era di quattro lunghezze, 40-36.

L’equilibrio continuava a regnare anche dopo la pausa, Palestrina però grazie a cinque punti consecutivi di Samoggia operava il sorpasso, 46-48 dopo 5’. Perin impattava immediatamente, la squadra di Bianchi si scuoteva, con un parziale di 9-0 riprendeva il comando delle operazioni sul 55-48. Nel finale di terzo periodo tre liberi messi a segno da Temperini davano alla Poderosa il più 10, 63-53.

Nell’ultimo quarto Palestrina difendeva a zona 2/3, questo accorgimento difensivo però non produceva gli effetti sperati, Temperini con due bombe metteva a nudo la difesa avversaria, 69-55. Funzionava il pressing avversario che portava a diversi palloni recuperati. La Dino Bigioni però non tradiva emozioni e alla fine trionfava con il puntegio finale di 90-72.

Il Commento del coach Piero Bianchi

“ In questo primo successo stagionale – ha detto Bianchi – è stato decisivo il break che siamo stati in grado di imporre nel terzo periodo quando da meno due abbiamo avuto l’impennata che ci ha portato a più dieci al 30’. Sapevamo che non sarebbe stato facile perché sapevamo che Palestrina con il suo pressing a tutto campo per 40’ ci avrebbe potuto creare dei problemi. Abbiamo limitato il numero di palle perse e allo stesso tempo siamo stati bravi ad attaccare il pressing battendoli con tiri facili da sotto dopo aver superato la loro prima linea. Era una partita importante da vincere sia per la classifica che per lo stato d’animo della squadra e adesso siamo più sereni”.

 

Latina Basket – Pall. Pescara 80-75 (20-27, 22-27, 18-19, 20-20)

Latina Basket: Bolzonella 25 (4/5, 3/5), Pastore, Santolamazza 5 (2/7, 0/1), Tagliabue 5 (0/1, 1/3), Squeo 3 (0/1, 1/1), Pilotti 34 (8/10, 4/7), Bonacini 6 (2/5, 0/3), Carrizo 2 (0/1 da tre) N.E.: Mathlouti, Nardi

Tiri Liberi: 21/21 – Rimbalzi: 35 29+6 (Santolamazza 12) – Assist: 9 (Santolamazza, Bonacini 3)

Pall. Pescara: Pepe 5 (1/2, 1/4), Rajola 6 (2/7, 0/3), Maino 20 (2/8, 3/5), Buscaino 10 (4/7, 0/2), Timperi M. 10 (4/6, 0/1), Di Donato 7 (1/4, 1/1), Marcelo Dip 17 (7/14) N.E.: Masciarelli, Timperi M., Di Carmine

Tiri Liberi: 18/27 – Rimbalzi: 26 20+6 (Pepe 10) – Assist: 9 (Rajola 5)

Arbitri:Guida,Nicosia

 

Bcc Vasto – Porto S.Elpidio Basket 76-79 (15-12, 13-12, 18-16, 30-33)

Bcc Vasto: Sergio 9 (2/2, 1/5), Di Carmine 18 (8/12), Dipierro 16 (2/3, 2/6), Di Tizio 4 (2/2, 0/2), Durini 7 (0/2, 2/3), Marinelli 12 (6/10), Serroni 10 (1/1, 2/4) N.E.: Ierbs, Salvatorelli, Bucci

Tiri Liberi: 13/17 – Rimbalzi: 30 25+5 (Marinelli 9) – Assist: 22 (Di Tizio 5)

Porto S.Elpidio Basket: Torresi 7 (2/2, 1/2), Pozzetti 7 (1/5, 1/2), Fabi 10 (2/3, 2/4), Ferroni, Chiericozzi, Giampieri 5 (2/3, 0/1), Boffini 21 (4/5, 2/3), Coviello 19 (2/5, 3/7), Romani 10 (4/8, 0/2) N.E.: Postacchini

Tiri Liberi: 18/22 – Rimbalzi: 24 18+6 (Romani 8) – Assist: 8 (Fabi 3)

Arbitri:Vittori,Galassi

 

Pall. Senigallia – Stella Azzurra Roma 78-64 (17-14, 23-14, 16-19, 22-13)

Pall. Senigallia: Locapo, Pierantoni 8 (4/6, 0/3), Maddaloni 2 (0/1, 0/3), Savelli, Catalani 20 (4/4, 3/8), Meccoli Matejka 12 (3/3, 1/8), Battisti 16 (3/12, 3/6), Perini 4 (2/3, 0/3), Pasquinelli 10 (2/3, 2/4), Sartini 6 (2/4 da tre)

Tiri Liberi: 9/12 – Rimbalzi: 36 15+21 (Battisti 11) – Assist: 11 (Battisti 3)

Stella Azzurra Roma: Alibegovic 10 (4/6, 0/4), Giancarli 10 (3/7, 1/1), Leonzio 10 (5/14, 0/1), Gasperini, Cucci 5 (2/7), D’Ascanio M. 12 (3/5, 2/4), Pappalardo 14 (2/3, 3/6), Smorto 3 (0/1, 1/2) N.E.: D’Ascanio L., Forte

Tiri Liberi: 5/9 – Rimbalzi: 33 18+15 (Leonzio 11) – Assist: 2 (Leonzio, Pappalardo 1)

Arbitri:Giancecchi,Bianchi

Secondo successo consecutivo per la Pallacanestro Goldengas Senigallia che mantiene imbattuto il PalaPanzini. Nella terza giornata di DNB, i biancorossi vincono 78-64 contro la giovane Stella Azzurra Roma, formazione dall’età media di vent’anni, grazie anche ad uno dei migliori settori giovanili italiani. Dopo un inizio un po’ sofferto (17-18 al 10?), la squadra di Valli prende in mano il match nel finale del secondo periodo, quando grazie ai canestri di Catalani, Pierantoni e Battisti, allunga (40-32). Senigallia sembra poter scappare dopo il riposo lungo ma i romani non mollano e con la tripla di Leonzio e il gioco da tre punti di Pappalardo rimangono incollati al suono della terza sirena (56-51). E’ un altro giovane, stavolta però della squadra di casa, Sartini, a offrire un contributo determinante all’inizio del quarto periodo: sua la tripla che dà il via al break senigalliese, completato poi da uno scatenato Catalani, che negli ultimi 10? segna a ripetizione. La Goldengas guadagna un margine in doppia cifra e poi chiude definitivamente il discorso con Pasquinelli, che infila la bomba del + 14 (71-57) a 4? dalla fine.

Finisce 78-64.

Sabato 26 ottobre trasferta a Giulianova, contro una delle due formazioni ancora imbattute.

 

LA CLASSIFICA

GIULIANOVA BASKET 85 6 3 3 0
LATINA BASKET 6 3 3 0
PORTO S.ELPIDIO BASKET 4 3 2 1
PALL. SENIGALLIA 4 3 2 1
NPC RIETI 4 3 2 1
EUROBASKET ROMA 4 3 2 1
ORVIETO BASKET 4 3 2 1
PALL. PESCARA 4 3 2 1
VIRTUS BASKET FONDI 2 3 1 2
BCC VASTO 2 3 1 2
PODEROSA BASKET MONTEGRANARO 2 3 1 2
PALL. PALESTRINA 0 3 0 3
STELLA AZZURRA ROMA 0 3 0 3
SICOMA VALDICEPPO 0 3 0 3
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy