Lega DNB – Tutta la 4a Giornata, del Girone A

Lega DNB – Tutta la 4a Giornata, del Girone A

Commenta per primo!

Pall. Piacentina – Don Bosco Livorno 74-78 (19-24, 29-24, 11-19, 15-14)

Pall. Piacentina: Gambolati 16 (2/6, 2/3), Zampolli 20 (8/11, 0/3), Massari 2 (0/4 da tre), Antonini, Bonaiuti 13 (4/4, 1/3), Italiano 3 (1/1 da tre), Mazzocchi, Speronello 10 (2/2, 2/2), Garofalo 10 (3/7, 0/3) N.E.: Rombaldoni

Tiri Liberi: 18/20 – Rimbalzi: 22 18+4 (Bonaiuti 6) – Assist: 13 (Bonaiuti 5)

Don Bosco Livorno: Sanguinetti 10 (4/5, 0/1), Della Rosa 1 (0/2, 0/2), Sollitto 7 (2/4 da tre), Mazzantini 4 (2/3, 0/4), Marchini 3 (0/1, 1/2), Lemmi 4 (2/3), Gigena 27 (6/9, 3/5), Artioli 2, Malfatti 4 (2/4), Benvenuti 16 (4/7, 2/3)

Tiri Liberi: 14/18 – Rimbalzi: 28 21+7 (Sanguinetti 8) – Assist: 13 (Sanguinetti 5)

Arbitri:Liberali,D’Errico

Non manca il cuore alla Pallacanestro piacentina, ma manca la lucidità finale che è il limite che sta limitando le potenzialità della squadra di Coppeta. Ma vale la pena raccontare la partita dalla fine, quando la Bakery arrivata a meno 1 e con la palla in mano a meno i 30 secondi dalla fine esce dal time out con le idee chiare: attaccare il ferro per trovare punti e falli di una squadra in bonus e caricata di falli come Livorno. Invece Piacenza dopo pochi secondi cerca il tiro da tre con Zampolli che non trova il canestro. Don Bosco allunga con due liberi a più tre ed ancora Piacenza sbaglia la scelta con un tiro da tre corto di Garofalo e due giochi negli ultimi secondi con due tentativi da due invece che provare il tiro da tre. Finisce con una sconfitta contro una Livorno giovane intensa e di qualità con un Gigena che dimostra grande classe. Ma i limiti di Piacenza sono chiari, la stanchezza e l’importanza degli ultimi palloni sono spesso giocati con troppa voglia di strafare dimenticandosi del gioco di squadra.

Coppeta dovendo rinunciare ancora a Rombaldoni parte con Massari in regia, Zampolli, Bonaiuti, Garofalo e Gambolati. L’inizio è di Livorno che grazie ad una maggiore facilità nel trovare canestro si porta sul più + 9 sul 7-16. Piacenza rientra piano piano fino a chiudere il quarto sonno di 2. Il secondo è il migliore per i piacentini che segnano 29 punti chiudendo il secondo quarto in vantaggio. Le note negative vengono dai 3 falli di Italiano mentre ossigeno, punti e lucidità vengono dall’under Speronello.

L’impatto con il terzo quarto è negativo con Livorno che passa subito in vantaggio e mantiene sempre un vantaggio intorno ai 5 punti. Il recupero di Piacenza sospinto dal pubblico è definitivo quando si entra nell’ultimo minuto ma proprio li la squadra di Coppeta sbaglia tutte le scelte.

Prossimo appuntamento, la trasferta di Cecina domenica 3 novembre ore 18.00

Benedetto XIV 2011 Cento – Us Empolese 75-74 (14-13, 22-13, 23-19, 16-27)

Benedetto XIV 2011 Cento: Mabilia 11 (2/4, 1/4), De Pascale 5 (1/2, 1/2), Ikangi 15 (6/9, 1/1), Nieri 8 (4/5), Di Trani 14 (1/3, 2/5), Carretti 15 (7/16), Silimbani 4 (1/4, 0/2), Agusto 3 (0/1, 1/1) N.E.: Balboni, Masina

Tiri Liberi: 13/19 – Rimbalzi: 34 23+11 (Ikangi 9) – Assist: 14 (Silimbani 4)

Us Empolese: Galligani, Mariotti 16 (5/9, 2/7), Manetti S. 3 (0/1, 1/1), Sesoldi 2 (1/3), Terrosi 22 (5/8, 3/8), Manetti S. 12 (1/2, 3/4), Ravazzani 6 (3/5), Berni 2 (1/1, 0/2), Cappa 11 (2/2, 2/4) N.E.: Bacci

Tiri Liberi: 5/11 – Rimbalzi: 26 21+5 (Ravazzani 18) – Assist: 7 (Mariotti 3)

Arbitri:D’Orazio,Bonotto

La Tramec riscatta subito la sconfitta rimediata sul campo della capolista Cecina, sconfiggendo una coriacea Computer Gross al Palabenedetto.

A Cento manca Bona, a Empoli Delli Carri: alla palla a due gli emiliani si presentano con Ikangi per Agusto mentre i toscani rispondono con Galligani e Sebastiano Manetti, nel tentativo di allungare la rotazione vicino a canestro.

Cento esce meglio dai blocchi con un ispirato Ikangi (15 punti col 70% dal campo, 9 rimbalzi, 2 assist e 2 recuperi per lui), che firma sei dei primi dieci punti di marca locale: 8-3 al 3′, 10-6 al 5′. Il secondo fallo personale di Di Trani e l’ingresso in campo di Cappa e Samuele Manetti consentono però a Empoli di rientrare e sorpassare: 12-13 al 9′, 14-15 un minuto più tardi.

La Tramec si riprende l’inerzia dell’incontro in apertura di secondo quarto, grazie a cinque punti consecutivi di De Pascale (19-15), Sesoldi impatta a quota 21 ma Cento torna avanti con Ikangi e Mabilia (26-21). Quilici ferma la partita, ma dopo la sospensione arrivano soltanto cattive notizie per gli ospiti: il secondo fallo di Ravazzani, il canestro da due punti di Nieri e quelli da tre di Agusto e Mabilia che valgono il massimo vantaggio interno sul 34-22 (19′).

La Computer Gross torna in scia tra la fine del secondo quarto e l’inizio del terzo, principalmente grazie alla coppia formata da Mariotti e Terrosi (38-37), che costringe Giuliani al primo time-out della ripresa. Al rientro in campo, Cento riprende il comando delle operazioni con un appoggio e una schiacciata a difesa schierata di Ikangi (53-46). Il momento migliore dei biancorossi coincide però con quello a cavallo fra terzo e quarto periodo, quando Nieri, Di Trani e Mabilia allargano la forbice fino al 63-49, con la complicità degli altrui errori dalla lunetta e di un fallo tecnico a Quilici. Otto minuti sono però un’eternità per una partita di pallacanestro: a maggior ragione, quando si ha di fronte la seconda forza del campionato precedente, una squadra che non molla un centimetro e infatti riesce nell’impresa di riportarsi ancora una volta a un solo possesso di distanza dagli avversari, nel momento in cui Ravazzani aggiorna il punteggio sul 65-63, con poco più di due minuti sul cronometro. La Tramec ricaccia indietro Empoli coi liberi di Di Trani e Mabilia e un fondamentale rimbalzo difensivo di Agusto, prima di chiudere i conti con un gioco da tre punti di Carretti (72-64), a 56 secondi dalla fine. Nel finale Cento mantiene sempre almeno un paio di possessi di vantaggio fino alla conclusione sulla sirena di Samuele Manetti, quella che manda in archivio la partita sul 75-74.

La Tramec tornerà quindi in palestra lunedì per preparare al meglio la sfida di sabato 2 novembre, data in cui affronterà la Tulipano Bologna al Palabenedetto: a tal proposito la società invita i tifosi ad acquistare i biglietti in prevendita, dato il sempre più probabile “tutto esaurito”. A tal proposito sarà attivo un apposito sportello presso l’impianto centese, tra le ore 18 e le ore 20 di lunedì (per i soli abbonati), e da martedì fino all’esaurimento dei tagliandi per tutti, sempre alla stessa ora. Per Empoli invece rientro in campo sabato sera alle 21.15: alla Lazzeri arriva Mortara.

===============================================

Abc Castelfiorentino – Basket Team E.Battaglia 72-76 (17-20, 11-20, 19-15, 25-24)

Abc Castelfiorentino: Montagnani 4 (2/7, 0/5), Crotta 8 (2/6), Tommei 24 (4/7, 4/9), Bertolini 9 (1/3, 2/3), Venucci 18 (3/6, 1/6), Stefanelli, Mastroianni 3 (1/3 da tre), Papi 4 (2/2), Dolic 2 (0/1) N.E.: Belli

Tiri Liberi: 20/27 – Rimbalzi: 41 31+10 (Crotta 12) – Assist: 7 (Venucci 6)

Basket Team E.Battaglia: Del Sorbo 3 (0/3, 0/3), Fant, Cavallaro 26 (4/7, 5/6), Grugnetti 17 (5/11, 0/2), Mossi 16 (5/12, 1/2), Manuelli 3 (1/1 da tre), Tardito 7 (3/8), Di Paola 4 (2/4, 0/1) N.E.: Bossi, Ratti

Tiri Liberi: 17/21 – Rimbalzi: 33 26+7 (Tardito 11) – Assist: 6 (Grugnetti 3)

Arbitri:Venturi,Venturini

Arriva la prima sconfitta casalinga per i ragazzi di Angelucci: con Mortara finisce 72-76. Adesso però è già tempo di rialzarsi e ripartire.

Una serata storta capita a tutti, anche ai più forti. E stasera quella serata storta è capitata all’ABC di Massimo Angelucci.

Proprio una serata-no in cui non siamo riusciti a ribadire ciò che di buono avevamo fatto vedere a Torino. Forse mancava quella “fame” che abbiamo mostrato in terra piemontese, forse la concentrazione non era quella richiesta, o forse abbiamo soltanto attraversato una di quelle serate in cui niente va come dovrebbe andare. E gli ospiti sono stati bravi a saperne approfittare portando a casa una vittoria meritata.

Tanti errori, troppi in casa ABC. E nonostante tutto siamo arrivati a 30” allo scadere sotto di due punti e con in mano la palla del possibile overtime o addirittura della vittoria. Ma certo questa sconfitta non è maturata per una palla persa allo scadere, è una sconfitta maturata in 40 minuti in cui, soltanto a brevi sprazzi, abbiamo visto l’ABC che ci aspettiamo.

Una serata in cui abbiamo concesso troppo, ed in cui nello stesso tempo non siamo riusciti a concretizzare in attacco. Ma nonostante i tanti errori e la serata completamete storta, abbiamo tenuto viva la gara fino alll’ultimissimo istante. E per queso la sconfitta brucia ancora di più.

Crediamo però che soltanto chi ha imparato a perdere, ed ha imparato nello stesso tempo e rialzarsi e a tornare in campo più determinato che mai, potrà imparare a vincere davvero. Adesso, dunque, è questo quello che dobbiamo fare: imparare dai nostri errori, resettare, rialzarci e tornare a vincere. E con il calore che stiamo sentendo scorrere in queste prime partite al PalaRoosevelt siamo certi che ci rialzeremo presto, prestissimo. Un immenso e doveroso GRAZIE ancora al nostro pubblico e a tutti i nostri ragazzi e ragazze: siete stati faantastici. Avanti così, TUTTI INSIEME.

LA CRONACA. L’ABC si affida al quintetto formato da Montagnani, Venucci, Papi, Bertolini, Crotta. Ottima partenza per i gialloblu che in un batter d’occhio si portano sul 6-0 con Venucci, Papi e Crotta. Gli ospiti rispondono con Cavallaro e Tardito ma l’ABC fa la voce grossa e con un mini-break di 7-0 trova il +9 (13-4) al 5′. Mortara, guidata da uno scatenatissimo Cavallaro, affonda il contro-break fino a trovare la parità (13-13) e portarsi anche in vantaggio con Grugnetti (15-17), finchè Bertolini chiude la frazione in perfetta parità (17-17).

Nel secondo periodo la tripla di Mastroianni ristabilisce il +1 ABC (22-21), ma Mossi e Del Sorbo portano i lombardi a +6 (22-28 al 14′). La tripla di Bertolini vale il nuovo -3 (28-31), ma gli ospiti trovano sei punti consecutivi con Mossi e Di Paola che mandano tutti all’intervallo lungo sul +9 Mortara (28-37).

Al rientro dagli spogliatoi tanti errori da entrambe le parti, finchè sono gli uomini di Zanellati ad allungare e trovare il massimo vantaggio con Tardito e Grugnetti (29-43 al 23′). L’ABC però si mantiene in scia con la doppia tripla di Tommei che riporta i suoi a -6 (46-52) al 28′ e, dalla lunetta, è sempre il n.7 gialloblu a chiudere il parziale sul 47-52.

In apertura dell’ultima frazione il 3/3 dalla lunetta di Cavallaro e il canestro di Mossi portano i lombardi di nuovo a +9 (48-57), finchè la tripla di Venucci dà il via alla rimonta castellana (51-57 al 33′). Ancora Cavallaro dall’arco permette ai suoi di mantenere l’inerzia del match (55-63), ma il fallo di Tardito su Venucci, cui seguono il tecnico e l’espulsione del n. 15 ospite, riaprono completamente il match: Venucci dalla lunetta fa 4/5 e il tabellone segna 61-63 quando mancano 4′ allo scadere. Tommei in penetrazione mette in ghiaccio la parità (63-63) e adesso diventa una battaglia punto a punto. Prima è Mortara ad allungare con 5 punti consecutivi di Cavallaro (63-69), poi è l’ABC che non molla e affonda la controffensiva con Tommei e Venucci (72-73 con 30” a giocare). Dall’altra parte il fallo di Tommei manda in lunetta Grugnetti che fa 1/2: 72-74. Ultimo possesso in mano ai gialloblu che però non riescono a gestire: la palla passa di nuovo agli ospiti e il fallo su Grugnetti fa calare il sipario sul match. Dalla lunetta Mortara chiude 72-76, e per l’ABC è la prima sconfitta casalinga della nuova stagione. Una sconfitta da cui rialzarsi immediatamente.

===============================================

Derthona Tortona – Cus Torino 66-55 (17-12, 21-12, 16-12, 12-12)

Derthona Tortona: Rotondo 26 (7/15), Cernivani, Vitali 6 (1/4, 0/5), Stanojevic, Gioria 11 (4/6, 0/1), Campeggi 2 (0/1), Gatti, Samoggia 17 (3/7, 1/4), Max Strotz 4 (1/1)

Tiri Liberi: 31/35 – Rimbalzi: 37 23+14 (Rotondo 11) – Assist: 5 (Gioria 2)

Cus Torino: Alberti, Fevola 9 (1/4, 1/3), Persico 9 (4/9, 0/1), Ficetti 9 (2/4, 1/5), Liberati 2 (1/2, 0/2), Carlos Canelo 9 (2/6, 1/2), Tucci 4 (1/4), Mollura 3 (0/1, 1/2), Raucci 8 (3/5, 0/4), Sodero 2 (1/2, 0/2)

Tiri Liberi: 13/15 – Rimbalzi: 29 16+13 (Fevola, Persico 6) – Assist: 3 (Fevola, Ficetti, Liberati 1)

Arbitri:Quaia,Gazze’

La cifre condannano il CUS: 19/58 da due, 4/21 da tre, 21 palle perse, 8 rimbalzi in meno dell’avversario, 33 falli fatti, 35 tiri liberi subiti (31 dei quali a bersaglio). Ma leggere la prestazione messa in scena a Tortona soltanto alla luce dei numeri sarebbe riduttivo: per larghi tratti del match Torino ha messo in grossa difficoltà i padroni di casa e, dopo aver sofferto e stretto i denti nel quarto d’ora centrale, nel periodo finale, con un piede e mezzo nella fossa, non ha mai mollato ed è andata anche vicinissima a riaprire clamorosamente tutto fallendo due grosse occasioni per tornare a contatto.
Avvio equilibrato, mira da registrare su entrambi i fronti e punteggio che si mantiene basso. Il primo sorpasso cussino arriva al 4’ con una tripla di Fevola: 6-7. Rotondo commette infrazione di passi e ancora Fevola sul ribaltamento costringe Vitali al fallo: 2/2, 6-9. Sulle prime rotazioni il CUS ribadisce di non voler lasciare nulla di intentato: dalla difesa attenta e pressante nasce una tripla di Mollura, quindi recupero e canestro di Persico: 9-16 all’8’. Per mettere i bastoni tra le ruote ai biancoblù il Derthona mischia le difese e si affida in attacco a Gioria e Rotondo (26+11 rimb. alla fine) che lo riportano sotto, anche se i padroni di casa segnano in pratica soltanto dalla lunetta (il computo finale sarà 31 su 35 a gioco fermo), faticando tantissimo ad eludere il fortino torinese: 17-19 al 9’.
Le battute inaugurali del secondo periodo sono ancora nel segno dell’intensa difesa ma pure della decisione degli ospiti: le iniziative di Canelo, Ficetti e Tuci tengono il CUS al comando: 19-25 al 12’. Gli errori in fase conclusiva dei bianconeri alessandrini sono parecchi, specie dalla lunga distanza (1/13 da tre il totale), ma il CUS non ne approfitta del tutto tenendosi a +6 con Raucci: 21-27. Accorcia Strotz, replica da tre Ficetti (25-30), poi sale in cattedra Gioria che prima segna in entrata, quindi fa 1/2 dalla lunetta: 28-30 al 16’. L’Orsi sfrutta appieno il bonus per pareggiare e passare in testa con Campeggi, Vitali e Rotondo (5/6 complessivo dalla linea). Il CUS non solo accumula falli (Raucci e Fevola ne hanno 3) ma, fatto altrettanto grave, smette di segnare ed incassa un break di 11-0 (36-30 al 18’) interrotto da un antisportivo a Rotondo, su cui Ficetti realizza l’unico punto torinese nei 5’ finali del tempo. Dopo altri due liberi messi dentro dallo stesso Rotondo, le lunghezze tra le due squadre all’intervallo sono 7: 38-31 (parziale di 13-1).
Il CUS apre la ripresa in maniera battagliera con Persico e Raucci: 38-35. L’Orsi ci mette un po’ a riprendere le misure ma con Vitali e Samoggia riallunga, costringendo ancora l’avversario a bruciare in fretta i 4 falli di squadra: 2/2 di Vitali, 47-37 al 26’. Ficetti sblocca l’impasse biancoblù, Tortona raggiunge però per due volte il +12 con Samoggia e una coppia di liberi di Strotz: 51-39 al 28’. La pesante situazione falli e il predominio avversario a rimbalzo (Rotondo è un vero fattore per Tortona) rendono la salita ogni minuto più ripida per il CUS, che ha il merito di crederci sempre e sul 56-43 di piazzare un minibreak che lo rimette a -6. Sul 56-49 del 35’ Canelo ha per due volte in mano la palla del riavvicinamento, ma prima non centra il bersaglio da tre, poi fallisce anche da dentro all’arco. In 8’ i padroni di casa mettono insieme soltanto 6 tiri liberi e danno l’’impressione di essere in piena riserva: sul 60-52 del 37’ il CUS getta al vento altre due occasioni per tornare in corsa con gli errori di Canelo e Fevola. Samoggia, manco a dirlo dalla linea (4/4 in 30”), riporta il distacco sopra la decina: 64-52. Il +14 di Rotondo a 80” dalla sirena spegne le residue speranze cussine.

===============================================

Montecatini Sc 1949 – Pavia Basket 71-77 (18-18, 23-18, 17-23, 13-16)

Montecatini Sc 1949: Quartuccio 15 (1/4, 4/7), Biagini, Russo 15 (2/6, 2/8), Fiorentino, Giarelli 8 (3/10, 0/1), Bianchi, Caroli 8 (1/1, 2/6), Donati 10 (3/6, 1/2), Doveri 15 (5/10, 1/4) N.E.: Panetta

Tiri Liberi: 11/18 – Rimbalzi: 36 19+17 (Quartuccio, Caroli 8) – Assist: 11 (Quartuccio 4)

Pavia Basket: Fossati (k) 16 (2/5 da tre), Politi 9 (3/6), Degrada 13 (3/7, 1/2), Tassone 17 (4/6, 1/1), Appendini 2, Terzaghi 7 (2/6, 1/1), Sanlorenzo 10 (4/9), Cristelli 3 (1/5, 0/2) N.E.: Rossi, Frontini

Tiri Liberi: 28/40 – Rimbalzi: 36 26+10 (Politi 10) – Assist: 9 (Degrada, Tassone 3)

Arbitri:Zavatta,Restuccia

===============================================

Fortitudo Pallacanestro – Alessandria Basket 79-66 (18-11, 20-11, 19-12, 22-20)

Fortitudo Pallacanestro: Caroldi 7 (3/4, 0/1), Seravalli 4 (1/3, 0/2), Bartolozzi 2 (1/2), Fin (k) 13 (2/2, 3/7), De Min 14 (4/8, 1/3), De Ruvo 2 (1/1, 0/1), Spizzichini 4 (2/5, 0/1), Pederzini 17 (8/16, 0/1), Sabatini 8 (1/2, 1/2), Venturelli 8 (4/7, 0/1)

Tiri Liberi: 10/12 – Rimbalzi: 38 30+8 (Spizzichini 8) – Assist: 20 (Caroldi 5)

Alessandria Basket: Milone, Danna 2 (1/1, 0/2), Salvatore 14 (4/6, 1/7), Grilli 9 (3/7, 0/8), Palmesino, Bazzoli 16 (3/9, 3/7), Ferri 12 (4/5, 1/2), Pavone 8 (3/7), Stassi 5 (2/3) N.E.: Francescato

Tiri Liberi: 11/15 – Rimbalzi: 33 27+6 (Pavone 10) – Assist: 12 (Salvatore 5)

Arbitri:Battista,Papini

===============================================

Basket Golfo Piombino – Basket Cecina 24-18 PARTITA SOSPESA

DERBY SOSPESO  : Prima azione del secondo quarto Listwon prende un rimbalzo offensivo, scivola goffamente a terra scarica a Sanna che tira a tempo scaduto, palla a Piombino siamo sul 24 a 18 maturato nel primo quarto, purtroppo quello di Liswon non era il primo ed unico scivolone e quindi gli arbitri interrompono il gioco chiamano a se i capitani e gli allenatori e dopo un breve tentativo da parte degli inservienti di asciugare il parquet, gli stessi fanno notare che dove già asciugato si forma di nuovo l´umidità, quindi dopo un breve conciliabolo partita sospesa e squadre negli spogliatoi.
Nonostante occorra riconoscere l´effettiva pericolosità per l´incolumità dei giocatori, peccato, perché il Piombino era partito veramente bene portando dalla sua l´inerzia della partita, pronti via 11 a 0 con Modica che fa tre su tre dal campo, con una bomba, Iardella dalla lunetta e Iannilli da sotto fissano il più 11, Cecina in confusione non pervenuto 4 tiri sbagliati e due palle perse, poco dopo Magnani con una bomba da tre fissa il più 12, ancora Magnani con un´altra bomba caccia indietro un timido tentativo di rimonta di Cecina portando il punteggio sul 17 a 6, nel finale di tempo grazie principalmente a Sanna (10 punti) Cecina si rifà sotto, Bianchi continua il festival delle bombe per Piombino (4 su 6) e ricaccia i cecinesi a meno 9, Caroti in arresto e tiro e Del Testa con una bomba da distanza siderale riportano gli ospiti a meno 4 dall´altra parte Modica ispiratissimo al suo 9° punto, su assist molto bello di Iannilli chiude il parziale 24 a 18.
Ora occorrerà aspettare il responso del giudice sportivo, che sulla base del referto degli arbitri deciderà se ripartire da dove si era arrivati (24 a 18) o ripetere.

LA CLASSIFICA

BASKET CECINA 6 3 3 0
PAVIA BASKET 6 4 3 1
DON BOSCO LIVORNO 6 4 3 1
BASKET TEAM E.BATTAGLIA 4 4 2 2
ABC CASTELFIORENTINO 4 4 2 2
CENTO 4 4 2 2
DERTHONA TORTONA 4 4 2 2
FORTITUDO PALLACANESTRO 4 4 2 2
MONTECATINI SC 1949 4 4 2 2
US EMPOLESE 4 4 2 2
BASKET GOLFO PIOMBINO 2 3 1 2
PALL. PIACENTINA 2 4 1 3
ALESSANDRIA BASKET 2 4 1 3
CUS TORINO 2 4 1 3
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy