Lega DNC, Girone B – tutte le cronache, della 6a Giornata

Lega DNC, Girone B – tutte le cronache, della 6a Giornata

Commenta per primo!

Pall. Lissone – Freestation Saronno 66-52 (17-15, 15-15, 11-14, 23-17)

Pall. Lissone: Galimberti 9 (2/7 da tre), Radaelli 9 (0/1, 2/6), Ballarate 7 (2/4, 1/5), Pietrobon, Vigano’ 2 (0/3), Meroni 10 (4/7, 0/1), Formentini 2 (1/7), Orsemiso, Enrico Danelutti 12 (5/9), Cacciani 15 (3/5, 3/9)

 

Tiri Liberi: 12/19 – Rimbalzi: 41 32+9 (Enrico Danelutti 13) – Assist: 8 (Meroni, Enrico Danelutti 2)

Freestation Saronno: Minoli 2 (0/2, 0/1), Gorla, Collini 9 (2/5), Bossola 9 (3/6, 1/4), Leva 5 (1/3, 1/5), Mario Albani 5 (1/3, 1/4), Villa 7 (2/5, 0/3), Bianchi 14 (1/4, 4/9), De Piccoli 1 (0/2, 0/4) N.E.: Borroni

 

Tiri Liberi: 11/23 – Rimbalzi: 38 28+10 (Collini 10) – Assist: 7 (De Piccoli 3)

Ko esterno per la Robur Basket Saronno, sconfitta dalla Pallacanestro Lissone nella sesta giornata del campionato di Dnc.

Nella partita giocata sabato, avara di punti, sera il risultato è stato dunque a favore dei brianzoli, 66-52.

Alla squadra del coach Renato Biffi non è bastata la buona prova di Bianchi, miglior marcatore con 14 punti. Dopo il promettente inizio di stagione, Saronno scivola al decimo posto della classifica, con solo 4 punti all’attivo.

===============================================

Castiglione Murri Bk2012 – Virtus Bergamo Terno 70-61 (15-13, 21-13, 13-26, 21-14)

Castiglione Murri Bk2012: Mazzoli, Riguzzi 17 (3/8, 0/2), Ventura, Beccari 6 (3/5, 0/3), Lollini 18 (5/10, 1/7), Botteghi 15 (7/13, 0/3), Di Rauso, Albertini 14 (3/9, 2/4) N.E.: Gandolfi, Secchi

 

Tiri Liberi: 19/28 – Rimbalzi: 43 26+17 (Botteghi, Albertini 12) – Assist: 12 (Beccari 4)

Virtus Bergamo Terno: Drusin 19 (4/10, 3/9), Gotti 4 (2/3, 0/1), Bernardi 5 (1/1, 1/6), Mercante 9 (3/5, 0/2), Beretta 4 (2/4), Deleidi 7 (3/5, 0/1), Masper 11 (3/5, 0/1), Guffanti 2 (1/3, 0/2), Ghislandi, Perdon

 

Tiri Liberi: 11/15 – Rimbalzi: 26 20+6 (Mercante, Masper, Guffanti 6) – Assist: 9 (Bernardi 3)

Cade a Bologna la Co.Mark Virtus Bergamo, che vede così chiudersi a tre la striscia di vittorie maturate nelle ultime settimane.

Che Castiglione Murri e la trasferta a Bologna rappresentassero un test probante lo si sapeva e ce lo si aspettava, che in campo si regalasse un intero tempo un po’ meno…

I locali cominciano la gara con RiguzziBeccari, LolliniBotteghi e Albertini, mentre la Virtus recupera in extremisBernardi e gli affianca DrusinMercanteBeretta e il neo acquisto Gotti. Primi sette minuti in sostanziale equilibrio, si segna poco e le difese sembrano preparate al meglio contro gli schemi avversari. 6-6 a 3’30 dalla fine del quarto, con i canestri diLollini e Beccari rintuzzati da quelli di GottiBeretta e Bernardi. Il parziale di 9-2 negli ultimi minuti porta energia ed entusiasmo ai bolognesi, che aprono i secondi dieci minuti con un ulteriore parziale di 5-0, propiziato da un incontenibileLollini (10 punti consecutivi a cavallo dei primi due quarti).

La Co.Mark cerca di svegliarsi dal torpore, lo staff tecnico bergamasco prova a trovare il quintetto giusto attingendo a piene mani dalla panchina ma in attacco si continua a segnare col contagocce.  Masper fa il suo ingresso in campo al 17’, portando sostanza e tre punti consecutivi nonostante le sue precarie condizioni fisiche. E’ però la tripla del lungo di casa Albertini a chiudere il primo tempo con l’eloquente punteggio di 36-21 per i biancoblu.

La tanto aspettata reazione orobica arriva nel terzo quarto. Pungolati nel vivo, Guffanti e compagni rientrano dagli spogliatoi con l’atteggiamento giusto, facendo salire l’intensità difensiva e la conseguente fiducia in attacco. Drusin Masper suonano la carica in un quarto da 26-13 di parziale, riaprendo di fatto la gara (49-47 Castiglione dopo 30’).

E’ un buon Lorenzo Deleidi a tenere a contatto a inizio ultimo quarto i Virtussini (54-52 a 6’46”), che presto però si innervosiscono per i troppi viaggi in lunetta dei bolognesi . Il parziale di 6-0 che traccia un nuovo solco nella gara arriva tutto dalla linea della carità, e il tecnico comminato a Guffanti a tre minuti dal termine chiude di fatto la gara.

 

===============================================

Pall. Crema – Carpe Diem Basket Calolziocorte 90-50 (17-6, 33-6, 17-13, 23-22)

Pall. Crema: Denti 6 (2/6), Galiazzo 11 (2/4, 1/4), Tagliaferri 3 (0/2, 1/2), Bosio 18 (3/4, 3/5), Persico 8 (4/5), Anzivino 7 (2/4, 0/2), Cardellini 10 (1/2, 1/7), Fontana 2 (1/2), Degli Agosti 8 (0/1, 2/2), Colnago 17 (5/7, 2/3)

 

Tiri Liberi: 20/32 – Rimbalzi: 43 33+10 (Anzivino 16) – Assist: 18 (Galiazzo 5)

Carpe Diem Basket Calolziocorte: Casati 5 (0/4, 1/2), Paduano 4 (1/1, 0/4), Amadio, Brambilla 9 (2/7, 1/3), Borghi 13 (5/9, 0/2), Milan 5 (1/2, 1/5), Corbetta 2 (1/4, 0/3), Giacchetta 12 (5/10), Floreano N.E.: Frigerio

 

Tiri Liberi: 11/15 – Rimbalzi: 33 24+9 (Corbetta, Giacchetta 6) – Assist: 6 (Borghi 2)

Convincente prova dell’Erogasmet Crema che supera con il punteggio di 90 a 50 la Carpe Diem Calolziocorte, rilanciandosi dopo la brutta sconfitta della settimana scorsa a Lissone all’inseguimento della coppia di testa Imola-Milano3. Gara interessante solamente per i primi 10 minuti, con gli ospiti che appaiono ben disposti, aprendo l’incontro con una tripla di Casati, alla quale dopo due liberi del rientrante Denti replica dai 6 metri a 75 Degli Agosti. Resteranno le uniche due conclusioni da tre punti messe a segno in un primo quarto nervoso, con le due squadre un po’ contratte per l’importanza della posta in palio. Si gioca punto a punto, con l’ultimo vantaggio ospite sul 6 a 7. A quel punto i leoni biancorossi trovano il primo allungo, chiudendo la frazione sul 17 a 9.

Nel secondo quarto l’Erogasmet scarica a terra tutti i cavalli del proprio motore, con Bosio che infila sei punti consecutivi che portano il vantaggio cremasco in doppia cifra. I padroni di casa non mollano un centimetro in difesa, sporcando continuamente i rifornimenti ai tiratori avversari ed ostruendo le linee di passaggio del gioco di Calolziocorte, ed alzano decisamente le percentuali di realizzazione dalla lunga distanza. La seconda parte di frazione e’ tutta di Colnago, che si infila imprendibile nella zona di coach Bertari e contribuisce a dilatare a dismisura il vantaggio cremasco. Quando le due formazioni vanno al riposo, il punteggio recita 50 a 15 ed il match e’ praticamente concluso. Il terzo quarto si apre con un curioso time-out chiamato da Calolziocorte 27″ dopo il rientro sul parquet delle due formazioni, con il tecnico ospite evidentemente insoddisfatto dell’approccio al secondo tempo dei suoi. L’Erogasmet mantiene alta la concentrazione, nelle fila ospiti si segnalano alcune buone iniziative del baby Brambilla, tra i cremaschi trova il canestro anche il prodotto del vivaio Fontana. Per la prima volta in stagione la truppa di Galli vince senza dover ricorrere all’overtime e guarda con fiducia alla prossima trasferta di Bernareggio.

===============================================

Virtus Spes Vis. Pall. Imola – Milanotre Basket 65-73 dts (11-15, 12-15, 19-19, 15-10, 8-16)

Virtus Spes Vis. Pall. Imola: Pieri 4 (0/2, 1/4), Sabattani, Corazza 6 (1/3, 1/3), Grillini 7 (2/3, 1/7), Di Placido, Preti 2 (0/3, 0/2), Carlos Massari 18 (7/8, 1/5), Guglielmo (k) 4 (2/3, 0/1), Porcellini 24 (6/16, 1/2) N.E.: Dall’Osso

Tiri Liberi: 14/26 – Rimbalzi: 33 23+10 (Porcellini 8) – Assist: 6 (Carlos Massari 3)

Milanotre Basket: Tandoi 9 (3/6, 1/3), Giocondo 15 (5/15, 0/1), Iacono 27 (6/13, 3/3), Delmenico, Darwish 5 (2/5, 0/2), Carlo Colombo 7 (1/5, 1/4), Piva 6 (3/5), Soresina 4 (2/4) N.E.: Picco, Palumbo

Tiri Liberi: 14/19 – Rimbalzi: 33 23+10 (Piva 9) – Assist: 5 (Tandoi, Carlo Colombo 2)

Il grande cuore non salva la Virtus che, con Milano 3, rimedia la prima sconfitta in campionato. Il ko coi lombardi non ridimensiona però le ambizioni degli imolesi, bravi comunque a restare in partita fino ai supplementari quando solo la maggior freschezza di Giocondo e compagni impedisce a Imola di conquistare la sesta vittoria consecutiva. Ancora una volta, e non è una novità, Porcellini si rivela il migliore in campo dei suoi.
Massari contro tutti. Si può riassumere così il primo quarto di Virtus – Milano. Il lungo italo-argentino si carica sulle spalle i compagni di squadra, apparsi meno concreti del solito, e li tiene aggrappati al match. Sono i suoi 9 punti (su 11 segnati da Imola) a tenere a galla i gialloneri di coach Solaroli.
E la musica non cambia a inizio secondo quarto. Imola fatica ad accendersi, Massari prova a a darle la scossa. Non è la solita Virtus di inizio campionato e Milano ne approfitta. Con Giocondo e Soresina i lombardi scavano il primo importante solco della partita: 16-23. I primi punti di un Porcellini non ancora al top e la tripla di Grillini riaprono prepotentemente il match, ma proprio quando i gialloneri agguantano il pareggio, Milano si risveglia e infila cinque punti di seguito che chiudono la prima parte di partita sul 23-28.
Ci si aspetta la reazione giallonera ed eccola che, puntuale come una sveglia, arriva. Corazza e Porcellini trascinano Imola fino al -1, Guglielmo firma il primo vantaggio giallonero. È un punto a punto emozionante che si interrompe solo nell’ultimo minuto del quarto, quando Darwish e Iacono trovano due canestri in fila che riportano Milano avanti di cinque.
Ma la Virtus c’è. E lo dimostra con un parziale di 11-3 (8 di Porcellini) ad inizio ultimo quarto con cui gira il match a suo favore. Milano però è dura a morire e non molla un centimetro, restando aggrappata alla partita con i suoi uomini migliori: Iacono e Giocondo. È una lotta su ogni pallone e su ogni tiro, si decide tutto allo sprint: 54-53 a un minuto dallla fine. Guglielmo fa zero su due dalla lunetta. Darwish realizza da sotto. Fallo in attacco di Grillini e Colombo ne approfitta: due su due ai liberi. Milano a +3. Porcellini riporta i suoi a -1 e compie fallo tattico. Il pallone pesa come un macigno: Tandoi fallisce i due tiri liberi. Giocondo fa fallo su Porcellini che pareggia dalla lunetta (1/2). Mancano 7 secondi, c’è ancora un’azione con Milano in attacco. Colombo però fallisce il tiro della vittoria sulla sirena. Si va ai supplementari.
Ormai è una lotta tra Porcellini e Milano. Il campione forlivese risponde colpo su colpo agli avversari, ma, prutroppo per Imola, Basiglio ha più benzina nel motore e fugge a più 6. Porcellini tenta un ultimo disperato arrembaggio, ma ormai non c’è più nulla da fare.

===============================================

Pall. Pisogne – Corona Platina 65-71 (16-19, 19-19, 14-20, 16-10)

Pall. Pisogne: Salvetti 6 (3/6), Perazzi 4 (0/1, 1/2), Bianchi 2 (1/1, 0/1), Finulli, Nava 6 (1/3, 1/3), Filippi 7 (0/5, 1/3), Acquaviva 19 (5/9, 1/9), Olivieri 21 (9/10, 0/1) N.E.: Leone, Tignonsini

Tiri Liberi: 15/21 – Rimbalzi: 31 26+5 (Olivieri 12) – Assist: 8 (Perazzi, Filippi 2)

Corona Platina: Vacchelli 14 (1/2, 4/9), Casali 2 (0/1 da tre), Moscatelli 14 (6/12), Castagnaro 16 (5/11, 0/1), Lottici, Malagutti 6 (0/1, 1/1), Grobberio 13 (5/9, 1/3), Paolo Marenzi 6 (2/3) N.E.: Bigot, Toninelli

Tiri Liberi: 15/20 – Rimbalzi: 28 20+8 (Moscatelli 13) – Assist: 9 (Lottici, Malagutti, Grobberio 2)

===============================================

Basket 2000 Reggio Emilia – Pall. Bernareggio 69-79 (19-21, 9-21, 17-16, 24-23)

Basket 2000 Reggio Emilia: Astolfi 3 (0/4, 1/4), Codeluppi, Brogio 6 (3/4), Bartoccetti 26 (3/7, 3/7), Ganapini 8 (3/5, 0/1), Montanari 12 (3/8, 2/5), Gruosso 14 (3/8, 2/4), Giudici N.E.: Spaggiari, Levinskis

Tiri Liberi: 15/19 – Rimbalzi: 39 27+12 (Gruosso 9) – Assist: 8 (Giudici 4)

Pall. Bernareggio: Gatto 6 (3/4, 0/3), Cacciavillani 21 (4/10, 2/6), Bardotti, Farinatti, Carrera 17 (1/4, 3/4), Villa 5 (1/2, 1/4), Spinelli 8 (4/7), Pizzul, Quartieri 16 (5/11, 2/5), Taborelli 6 (3/7)

Tiri Liberi: 13/19 – Rimbalzi: 36 24+12 (Quartieri 9) – Assist: 13 (Quartieri 7)

Parte meglio la formazione lombarda, che dopo il 2-0 di Montanari, si porta sul 2-7; la Bmr reagisce e si porta in vantaggio prima sull’11-10 (tripla di Bartoccetti) e poi sul 14-12 (tripla di Montanari). Ancora una conclusione pesante, stavolta di Gruosso, permette agli scandianesi di chiudere in parità il primo periodo, terminato 19-19. Nella seconda frazione la squadra di Spaggiari litiga col canestro, segnando il primo canestro dopo quasi 3’: Bernareggio ne approfitta e allunga decisamente, arrivando anche al +14,con Quartieri e Cacciavillani che sono rebus irrisolti per la difesa locale. La ripresa si apre con un canestro di Ganapini che sembra essere benaugurante, ma gli ospiti prendono saldamente in mano le redini del match, volando al +18 sul 32-50 (canestro di Taborelli); solo nel finale del terzo periodo ancora Ganapini ed Astolfi riportano Scandiano a distanza accettabile, firmando il 45-56 del 30’. La Bmr ha la forza per tornare in partita ad inizio quarta frazione: un 8-0 firmato Gruosso-Astolfi vale il 53-56, ma purtroppo la rimonta non si concretizza a causa di un nuovo allungo ospite firmato dai soliti Quartieri e Cacciavillani, oltre a Carrera.

====================================

Nervianese – Basket Save My Life San Lazzaro 68-74 (14-12, 19-12, 21-22, 14-22)

Nervianese: Rondena 19 (6/14, 2/6), Finazzi 9 (3/4, 0/3), Vanzulli 2 (1/2, 0/7), Cappellotto, Crippa 15 (2/5, 3/10), Ardizzone 8 (4/10, 0/5), Bandera 15 (6/8, 0/2), Rossetti N.E.: Croci, Mantica

Tiri Liberi: 9/15 – Rimbalzi: 43 25+18 (Cappellotto 12) – Assist: 8 (Rondena, Crippa, Ardizzone 2)

Basket Save My Life San Lazzaro: Gianasi 34 (11/22, 2/2), Fabbri, Pancaldi, Rambelli 11 (1/3, 3/11), Rossi 16 (5/9), Bosco 5 (0/2, 1/1), Bianchi 4 (2/10), Governatori, Maria Sgorbati 4 (2/3) N.E.: Masrè

Tiri Liberi: 14/21 – Rimbalzi: 49 37+12 (Bianchi 15) – Assist: 8 (Gianasi, Rossi, Bosco 2)

Prima ed importantissima vittoria esterna della BSL che torna da Nerviano con due punti che fanno classifica e morale, al termine di una partita combattutissima che i ragazzi di Bettazzi hanno fatto loro solamente nelle ultime curve del match.

L’inizio gara è tutto di marca biancoverde. San Lazzaro entra in campo mettendo maggiore determinazione ed approfitta della rilassatezza di Nerviano per piazzare un 14-4 in 5 minuti frutto dei canestri di Rossi e Rambelli ed al controllo dei tabelloni grazie ai rimbalzi di Bianchi che garantiscono secondi tiri. Il vantaggio sale fino al 18 a 6, ma l’ingresso nel match di Finazzi ha il merito di cambiare l’inerzia della gara. Punti, difesa, rimbalzi per la giovane ala di casa, ed insieme a lui si scuotono tutti i giocatori di Ferrari che iniziano a mordere in difesa costringendo San Lazzaro a perdere parecchi palloni che costano un controparziale di 18 a 4 a favore dei padroni di casa, che continuano a sparacchiare dalla lunga distanza ma assumono il controllo dei tabelloni  garantendosi secondi tiri. San Lazzaro ha il merito di non sbandare e di andare alla pausa stto solo di 3 punti grazie ai canestri di Rossi ed alle iniziative di Gianasi.

Al rientro dagli spogliatoi la BSL si mette subito a zona e la mossa dà i suoi frutti garantendo 5 recuperi consecutivi, che però gli uomini di Bettazzi sciupano tra infrazioni di passi e forzature offensive. Nonostante questo si procede sui binari dell’equilibrio, con Nerviano che tenta di allungare grazie ai canestri di Rondena e Bandera (44-38 al 25’) ma San Lazzaro ha il merito di rispondere colpo su colpo. Tripla di Rambelli e tripla di Bosco per il -2 all’ultima sirena.

L’ultimo quarto si apre con Nerviano che va a segno con uno scatenato Bandera ed una tripla di Rondena per il +5, ma pian piano Bettazzi trova le giuste contromisure difensive, tenendo l’attacco milanese a soli 9 punti negli ultimi 7 minuti.

Bosco ha il merito di sfiancare il “cervello” di casa Rondena, mentre il terzetto Bianchi/Rambelli/Rossi assume il controllo dei tabelloni. Il resto lo fa il capitano Matteo Gianasi autore di un ultimo quarto praticamente perfetto. 7/8 al tiro conditi da due bombe e 18 punti complessivi messi a referto.

San Lazzaro sale sul 72 a 68 a 1’30” dalla fine, ma non riesce a chiudere il match, ed allora Nerviano ha per ben due volte la palla del -2 ma fallisce tutte le conclusioni da fuori ed allora è  Gianasi a chiudere la contesa grazie al 2/2 dalla lunetta a 30” dalla fine.

LA CLASSIFICA

1 Milanotre Basket 10 6 5 1 444 385 59 2 1 3 0 3 WLWWW
2 Virtus Spes Vis. Pall. Imola 10 6 5 1 428 379 49 2 1 3 0 -1 WWWWL
3 Castiglione Murri Bk2012 8 6 4 2 422 418 4 2 1 2 1 1 WWLLW
4 Pall. Crema 8 6 4 2 465 440 25 2 1 2 1 1 LWWLW
5 Pall. Lissone 8 6 4 2 393 353 40 3 0 1 2 3 WLWWW
6 Virtus Bergamo Terno 8 6 4 2 414 389 25 3 0 1 2 -1 LWWWL
7 Basket Save My Life San Lazzaro 6 6 3 3 443 453 -10 2 1 1 2 1 LWWLW
8 Nervianese 6 6 3 3 421 413 8 1 2 2 1 -1 LWWWL
9 Pall. Pisogne 4 6 2 4 407 427 -20 1 2 1 2 -1 LWLWL
10 Pall. Bernareggio 4 6 2 4 416 444 -28 1 2 1 2 1 WLLLW
11 Corona Platina 4 6 2 4 419 433 -14 1 2 1 2 2 LLLWW
12 Freestation Saronno 4 6 2 4 406 416 -10 1 2 1 2 -4 WLLLL
13 Basket 2000 Reggio Emilia 2 6 1 5 398 440 -42 1 2 0 3 -5 LLLLL
14 Carpe Diem Basket Calolziocorte 2 6 1 5 317 403 -86 1 2 0 3 -4 WLLLL
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy