Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone A

Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone A

Commenta per primo!

Named SAT Crocetta Torino – Oleggio Basket 60-78 (19-20, 13-20, 15-18, 13-28)

Named SAT Crocetta Torino: Berta 2 (1/1, 0/3), D’Affuso 12 (2/6, 2/8), Giordana 4 (1/1, 0/2), Ceccarelli 14 (4/9, 2/4), Vetrone 11 (2/6, 2/5), Tarditi, Francione 5 (1/1, 1/5), Riviezzo 12 (5/8), Chirio, Antonietti Tiri Liberi: 7/15 – Rimbalzi: 32 20+12 (Vetrone 11) – Assist: 11 (Ceccarelli, Vetrone 3) Allenatore: Tassone
Oleggio Magic Basket: Remonti M. 5 (2/6, 0/1), Remonti P. 11 (3/9 da tre), Mecca 2 (1/1), Ferrari 16 (6/11, 0/7), Marini, Kapedani 7 (3/8), Sacco 20 (3/7, 4/9), Negri 9 (4/8, 0/1), Biganzoli 8 (2/2, 1/1) Tiri Liberi: 12/19 – Rimbalzi: 42 25+17 (Kapedani, Negri 8) – Assist: 12 (Sacco 5) Allenatore: Zanotti

La Named SAT Crocetta trova alla prima di campionato una Oleggio rinforzata e carrozzata il giusto per candidarsi dalla prima di campionato come favorita sulla carta per la promozione in DNB. Si parte subito con un dominio degli uomini di Tassone che lascia sperare il pubblico torinese. Con Silvio Riviezzo e Vetrone sotto canestro la Named SAT prende subito le distanze da Magic Oleggio e dopo le bombe di Ceccarelli e Francione, la Named SAT piazza un +10 che dà tranquillità. Ma Remonti non ci sta e si chiude con un +7.
Nel secondo periodo si arriva al massimo vantaggio casalingo con tripla di D’Affuso ma dopo la tripla del ritrovato Vetrone (26-12) ecco che inizia la lenta rimonta di Oleggio. Bomba di Sacco e poi di Remonti fanno rientrare in gara la squadra di Zanotti che con i suoi lunghi comincia a dominare nel pitturato. Con Negri si raggiunge la parità. Giordana e Ceccarelli insaccano ancora ma Ferrari e Sacco mandano tutti negli spogliatoi con un 32-32.
Tassone sprona i suoi tutti, sapevamo che contro Oleggio bisogna dare il cento per cento. Riviezzo firma 5 punti subito ma Sacco insacca da tre e Remonti lo imita sotto il ferro. Equilibrio totale fino a che Oleggio prende il sopravvento e chiude + 3 grazie ad una tripla di Biganzoli. L’ultimo periodo vede protagonista la squadra ospite che fa valere la sua fisicità, con uomini di grande peso e qualità anche in panchina come Kapedani (7 punti, 8 rimbalzi) che in questo periodo fa dei punti decisivi. Ferrari inanella due canestri che mettono un +9 per Oleggio. Vetrone insacca la sua seconda bomba ma Ferrari lo insegue e fa il 50-59. Ormai Sacco e compagni ci hanno preso gusto e volano indisturbati in ogni senso. Vetrone insacca ancora un paio di volte ma il gap per Oleggio continua ad aumentare. La Named SAT ha mollato la preda. D’Affuso fa una bomba ancora per la cronaca e Riviezzo chiude il 60-77, punteggio ingiusto che non rispecchia comunque una gara condotta fino all’ultimo periodo. Biglietto di visita importante per Oleggio che ha un roster fortissimo e strappa un parziale di 13-28 devastante nel quarto periodo che vale i primi due punti del campionato. La nota positiva il rientro di Vetrone con una doppia doppia (11 punti e 11 rimbalzi) dopo 7 mesi di assenza, la prestazione di Riviezzo (12 punti e 7 rimbalzi), Ceccarelli (14 punti e 3 assist), i 12 punti di D’Affuso e le due stoppate di Tarditi che non sono però bastati per fermare l’armata oleggese con Sacco in regia con 20 punti, 7/16 da 3, 7 rimbalzi e 5 assist.
Il calendario riserva ora due gare difficili, la prossima in trasferta a Borgosesia e la terza in casa contro Domodossola. La squadra dovrà riprendersi e rimettersi in moto per affrontarle con altro atteggiamento, quello visto nella scorsa stagione nei momenti di difficoltà. Si riparte da zero e dobbiamo ancora conquistare i due primi punti.

7LAGHI GAZZADA SCHIANNO – SPEZIA BASKET CLUB 83-70

SPORTIVA BOFFALORA – OLIMPO BASKET ALBA 53-51

Desio (Gallazzi 16, M. Rossetti 14) supera in Aldo Moro Borgosesia col punteggio di 71-48 (43-23); prossimo impegno sabato 12 ottobre alle 21.15 sul parquet di Alba

Pool 2000 Loano – Team ABC Cantù 59-83 (25-19, 31-36, 46-60)

Pool 2000 Loano: Pichi 9, Cerutti 4, Bussone 5, Giulini 4, Vallefuoco 2, Zavaglio 4, Prato 8, Cacace 14, Nicoletti 7, Guida 2. All. Prati Ass. Dagliano-Guarnieri
Team ABC Cantù: Pagani 17, Carpani 4, Molteni Marco 8, Molteni Mattia 5, Pifferi 10,Pedalà 13, Scuratti 6, Zugno 11, Siberna 8, Ukaegbu 1. All. Visciglia Ass. Zaccardini

Gioca due quarti alla pari con Cantù per poi cedere nella seconda metà dell’incontro il giovane Pool all’esordio nel campionato DNC. I padroni di casa riscattano le ultime scialbe prestazioni con un primo quarto approcciato con il piglio giuste in entrambe le metà campo con Giulini e Cacace subito a bersaglio. Quando Cantù rientra sul 9-9 sono le triple di Pichi e Nicoletti che piazzano il break di 10-1 che porta al massimo vantaggio locale (19-10). L’ingresso di Zugno da più verve ai lombardi ma il Pool chiude bene il quarto toccando quota 25. Al rientro dalla pausa breve Cantù sale in difesa con Siberna che è una dinamo vivente e l’attacco Pool inizia a faticare concedendo alcune sanguinose palle perse (21 punti su turnover alla fine della partita per i lombardi) che generano facili contropiedi ospiti. I loanesi hanno il merito di non cedere in difesa e anche Cantù fatica a difesa schierata non riuscendo a mettere le mani sulla partita malgrado tengano i liguri a solo 6 punti nel quarto. A 20″ dalla fine del quarto il punteggio è 33-31 per Cantù con la difesa Pool che si lascia sfuggire un rimbalzo che darebbe l’ultimo attacco del quarto e gli ospiti ringraziano. Tripla di Pagani e sul successivo attacco omaggio di Nicoletti che sul rimbalzo a 1″ dalla fine del quarto regala due tiri liberi a Piferi che con un 1 su 2 fissa il punteggio 37-31 con cui le due squadre vanno all’intervallo. La partita di fatto finisce quì con al rientro dagli spogliatoi un Pool che continua a lottare ma non con la stessa intensità dei primi due quarti e un Cantù più solido ed esperto che progressivamente prende il controllo della partita dilatando man mano il divario sino al 83-59 finale. Le parole di coach Prati: “Affrontiamo un campionato in cui tutte le squadre hanno organici ad oggi più profondi ed esperti di noi ed ogni partita deve essere un’occasione di crescita. Oggi siamo comunque stati all’altezza per un quarto nella metà campo offensiva e due in quella difensiva. Da un lato non è poco dall’altro non è abbastanza. Il tempo che ci servirà per raggiungere la capacità di mantenere intensità fisica e mentale per 40 minuti è il tempo che ci separa a quando potremo portare a casa un referto rosa in DNC.”

FOLLO – ABET BRA 83-80

PARZIALI: 13-18, 22-24, 22-22, 26-24
FOLLO: Valenti 15 , Leonardi 2, Marchetti 32, Rege Cambrin 0, Ferrari 4, Benites NE, Bambini 10, Casettari 2, Vercellotti 7, D’imporzano 0. All. Gioan
ABET: Gramaglia 0, Giusto 9, Cirla 12, Tunzi 15, Carchia 14, Gatto 0, Agazzani 16, Rinaldi 11, Cortese NE, Maccagno 3. All. Lazzari

Esordio per i ragazzi della prima squadra di Bra a La Spezia contro la neo promossa Follo.
Lazzari schiera in campo Giusto, Rinaldi, Tunzi, Carchia e Maccagno, mentre i padroni di casa schierano Valenti, Marchetti, Ferrari, Bambini e Casettari.
Prima contesa vinta dall’Abet, ma i primi tre punti vengono realizzati dai padroni di casa con Marchetti e la maggior intensità a rimbalzo offensivo gli permette di portarsi sul 5-0.
Giusto ferma tutto con due liberi realizzati, sbloccando i tabellini della nuova stagione e finalmente Bra prende il ritmo con Pippo in cabina di regia e Rinaldi ad aprire il fuoco, 7-7 dopo 3’.
Intensità difensiva è la chiave dei braidesi che recuperando numerosi palloni provano a portarsi avanti ma senza riuscire a approfittarne al meglio.
L’Abet finalmente aggiusta le cose in fase offensiva e le bocche da fuoco iniziano a scaldarsi, Tunzi prima e Carchia poi, così a due minuti dalla fine il tabellone recita 11-16 Abet.
Follo prova a ricucire qualcosa ma Carchia sulla sirena tiene il divario a 5 lunghezze di vantaggio 13-18.
Nella seconda frazione Carchia riparte da dove aveva interrotto, bomba e massimo vantaggio della gara +7, 14-21.
Agazzani contribuisce e il vantaggio aumenta, 14-23. Bambini non ci sta e con la bomba punisce le disattenzioni difensive braidesi, ma ancora una volta Carchia con la stessa medicina e arma letale va a segno. Dopo 6’ gli ospiti sono avanti 19-30. Tunzi si infiamma sia difensivamente che offensivamente e regala il massimo vantaggio +13.
Raffica di triple da parte di Tunzi e Rinaldi infiammano i tifosi accorsi da Bra e quando mancano 3’ al termine il risultato e partita è in totale controllo di Bra, 25-40.
Qualche disattenzione difensiva, soprattutto a rimbalzo permettono ai locali di rientrare parzialmente con un parziale di 10-2 e chiudere così sulla sirena 35-42 sciupando il buono fatto negli ultimi 3’.
Lazzari negli spogliatoi e furibondo, chiede più aggressività a rimbalzo, visto gli 11 concessi nei primi 20 minuti.
Si rientra dagli spogliatoi e Follo dopo gli ultimi 3’, ha acquisito una sicurezza incredibile riportandosi subito sul -5, Abet prova a realizzare e riportare sulla giusta via la partita e con un guizzo di Tunzi ci riesce sul nuovo +8, 38-46. Con la stessa medicina i padroni di casa rispondono mantenendosi a contatto. Tunzi è incontenibile e con 5 punti in fila carica i suoi riportando a 10 lunghezze di vantaggio l’Abet.
La partita rimane sempre in equilibrio, Abet mantiene le 10 lunghezze ma non riesce a scrollarsi di dosso i liguri, infatti a 3’ dalla fine Follo, con Bambini riesce a dimezzare lo svantaggio, 52-58.
Le incursioni di Agazzani riportano la gara nel giusto equilibrio, ma sono troppe le palle perse dovute alla forte pressione a tutto campo, e Follo ne approfitta solo in parte.
Ma proprio a una manciata di secondi dalla fine l’Abet si inceppa e commettendo una serie di errori consecutivi, si vede di nuovo raggiungere sul risultato di 57-64.
I locali ripartono nella quarta frazione con il botto, palla recuperata e schiacciata in contropiede di Ferrari che infiamma il pubblico. Agazzani subisce fallo e con un 2/2 dalla lunetta rimette le cose in pari.
La lucidità non è più dai braidesi, troppe forzature in palleggio permettono a Ferrari e company di portarsi sotto prepotentemente 64-66. Vercellotti realizza due liberi dopo aver subito fallo e impatta sul 66-66.
Abet prova a fermare questa emorragia, ma Follo ne ha di più e sul ribaltamento di fronte realizza un comodo lay up.
Le guardie braidesi perdono palloni su palloni e Follo scaltramente ne approfitta, per prendere il vantaggio tanto atteso, 70-68. Agazzani ancora con il lay up impatta, ma le continue palle perse lasciano ampio spazio alle giocate in contropiede dei padroni di casa.
Partita i forte equilibrio, botta e risposta dalla linea della carità e a 1’30’’ il risultato dice 75-74 Follo.

Marchetti ha più energie e con 5 punti in fila, 3 firmati dalla lunetta e 2 in appoggio porta i suoi sul 80-74.
Cirla subisce fallo e realizza 1 su 2 dalla lunetta, Carchia prende il rimbalzo offensivo e serve Cirla che piazza il tiro dai 6.75 che vuol dire -2, 80-78. Time out da parte di coach Gioan, che vuole organizzare l’attacco. Ci si aspetterebbe un fallo immediato della squadra di coach Lazzari ma stranamente non avviene, così con 12 secondi alla sirena Follo piazza la bomba che vuol dire partita chiusa, 83-78. Cirla realizza ancora un jumper sulla sirena ma non basta.Follo vince portando a casa i due punti e chiudendo con il risultato di 83-80.
Molta amarezza da parte dei braidesi che sciupano un buon vantaggio di 15 lunghezze, costruito nei primi 17’, e lasciando negli ultimi 5 minuti l’aggancio ai liguri.
“Non abbiamo saputo giocare con la giusta aggressività – commenta lo staff tecnico braidese – abbiamo concesso troppo a rimbalzo in attacco e gestito molto male la loro pressione difensiva, perdendo una serie incredibile di palloni e lasciandogli ampio spazio in contropiede. In settimana valuteremo l’accaduto e ci prepareremo al meglio per la prima gara interna contro Domodossola.”
Prossimo appuntamento domenica 13 ottobre alle ore 18 al palazzetto dello sport di Bra contro Domodossola.

ROSMINI DOMODOSSOLA – AMATORI SAVIGLIANO 77-68

Vittoria al’esordio cotnro Savigliano con super Villani autore di 21 punti e con 36 di valutazione. La prima partia della stagione va in archivio coni due punti per Domo che supera Savigliano per 77-68 con un super VIlani. Bene anche per la squadra di coach Andrea Pedroni con 18 di Foti, 13 di Gijnai e 12 di Petricca. Clicca qui per il tabelino completo della partita. Buono il colpo d’occhio del Palaraccagni.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy