Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone C

Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone C

Commenta per primo!

TITANO SAN MARINO – AMB VIGOR CONEGLIANO 50-46

Titano San Marino: Macina, Gamberini 2, Saccani 10, Agostini 10, Cardinali 6, Casadei 3, Zanotti, Bedetti 9, Giannotti, Botteghi 10. All. Del Bianco.

AMB Vigor Conegliano: Dl Pos 7, Boato 3, Cescon 3, El Sissy, Nardin, Mattiello 15, Mariani 2, Cinganotto 6, Bortolini 6, Terrin 4. All. Sfriso.

Arbitri: Latini e Toffanin.

Note: parziali 13-19; 24-28; 44-41. San Marino TL 18/25, T3pti 2 Saccani. Uscito per cinque falli Casadei, tecnico a Bedetti. Conegliano: TL 10/19, T3pti 2 Mattiello, uscito per cinque falli Terrin.

San Marino, 6 Ottobre 2013: nonostante una prestazione molto al di sotto delle aspettative, fino a metà gara la trasferta all’estero di ieri sera sembrava seriamente alla nostra portata. I Titani, infatti, dopo il nostro avvio a spinta con il primo punto dopo piu’ di tre minuti, si erano visti raggiungere e superare arrivando al primo break sotto di 5. Stesso spartito anche nel secondo quarto con le squadre che sembravano giocare (male) nello stesso modo e prevalenza dei nostri alla sirena con uno scarto ridotto ma netto. Tanti errori, poca lucidità ma tanto agonismo da entrambe le parti. Quindi partita piuttosto scadente dal punto di vista tecnico ma davvero palpitante per il buon pubblico che riempiva la tribuna del bellissimo centro polisportivo sanmarinese. Alla ripresa del gioco, con il loro migliore quarto della serata, i locali mettevano il naso avanti e la nostra scarsa vena offensiva faceva il resto. Troppe occasioni sprecate, troppi tiri approssimati, frenesia offensiva e idee confuse ci portavano a meno 3 senza tuttavia segnare definitivamente il match. Ultimo e decisivo parziale di nuovo in equilibrio con la palla del pareggio a meno di due minuti dalla fine che Boato insaccava dall’angolo; peccato che la scarpa dell’esordiente atleta coneglianese fosse fuori di qualche centimetro. Canestro annullato e sempre meno tre, Un po’ di sfortuna, qualche altra scelleratezza offensiva, l’esperienza di Agostini che faceva valere il suo peso in area e la sirena finale segna un meno 4 che non fa scandalo ma che da fastidio. Niente che non siamo in grado di curare, fra i mali dei Rusteghi di stasera, e quindi niente di nuovo nel ricettario di Sfriso, pertanto nessuna preoccupazione per quelle che sono lacune ben note al tecnico dei bianco rossi. Peccato per i due punti che potevano inaugurare in modo significativo la nostra classifica e che invece restano a San Marino a condire e insaporire ulteriormente le prelibatezze che Dado, sponsor dei locali, produce per i felini italiani. Prima di chiudere permettetemi un pensiero per le molte vite che si sono perse a Lampedusa. Il minuto di silenzio,che ci aspettavamo non c’è stato e forse è stato meglio cosi. E’ il momento di una riflessione che duri ben piu’di un minuto ma sopattutto ci aiuti a trovare soluzioni vere ad un problema che non è umano ignorare.

SCIREA BERTINORO vs VIRTUS PADOVA 62 – 60

(7-11; 17-36; 38-54)

SCIREA – Frigoli 15, Solfrizzi 7, Merenda 2, Marisi 31, Godoli, Ruscelli, Grassi 1, Caroli, Sangiorgi 6, Chezzi. All. A. Serra

PADOVA – Busca, Gasparello 5, Mancini 18, Sabbadin 5, Salvato 10, Schiavon, Di Fonzo 17, Roin 3, Contin 2, Allegro ne. All. M. Friso.

Partita che vede subito avanti Padova, squadra costruita per vincere il campionato. Sempre padroni dei cesti i veneti, mettono in scacco Bertinoro che fatica a trovare la strada del canestro. Serra prova ogni tipo di difesa ma la regia impeccabile di Leo Busca (top player di DNC conalle spalle una decina di anni in serie A) e soprattutto la vena incredibile di Mancino scavano un solco che rimane costantemente sui venti punti. La svolta arriva nell ultimo quarto con Bertinoro che, allo start di periodo si trova addirittura a -18 (36-58, 30’18”) piazza un break di puro orgoglio, talento di 24-6 facendo impazzire di gioia il PalaColombarone aggiudicandosi i due punti in palio. Protagonista assoluto Giovanni Marisi (alla fine 31 punti) coadiuvato da Frigoli autore, dopo una persa di Busca, dell’ ultimo canestro in sottomano carpiato triplo a 7″ dal gong.

BASKET MESTRE – PINO BASKET FIRENZE 68-62
Mestre: Contessa 2, Chinellato 29, Prete 6, Delle Monache 2, Livio, Munaretto 7, Pascon 15, Donega 7, Gomirato, Fabris ne. All. Toffanin
Firenze: Marchini 8, Marotta, Boschi, Colombini 9, Bucarelli, Mariani 22, Santomieri 7, Dionisi 2, Zanussi 2, Puccioni 12. All. Salvetti, Vice All. Gandolfo

Partita che vede subito avanti Padova, squadra costruita per vincere il campionato. Sempre padroni dei cesti i veneti, mettono in scacco Bertinoro che fatica a trovare la strada del canestro. Serra prova ogni tipo di difesa ma la regia impeccabile di Leo Busca (top player di DNC conalle spalle una decina di anni in serie A) e soprattutto la vena incredibile di Mancino scavano un solco che rimane costantemente sui venti punti. La svolta arriva nell ultimo quarto con Bertinoro che, allo start di periodo si trova addirittura a -18 (36-58, 30’18”) piazza un break di puro orgoglio, talento di 24-6 facendo impazzire di gioia il PalaColombarone aggiudicandosi i due punti in palio. Protagonista assoluto Giovanni Marisi (alla fine 31 punti) coadiuvato da Frigoli autore, dopo una persa di Busca, dell’ ultimo canestro in sottomano carpiato triplo a 7″ dal gong.

Niente da fare per il Pino Basket Firenze che si arrende (68-62) sul parquet del Gemini Basket Mestre nella prima giornata del campionato Divisione Nazionale C. La formazione di Salvetti subisce nell’ultimo quarto la fisicità dei padroni di casa dopo una gara equilibrata che ha visto i fiorentini in vantaggio alla pausa lunga e ad inizio del terzo tempino. In un palazzetto dello sport gremito e piacevolmente rumoroso le due formazioni hanno dato vita ad una gara equilibrata che ha visto uno scatenato Chinellato caricarsi la squadra sulle spalle (29 punti per lui) e dettare i ritmi alla gara con Firenze capace di rispondere grazie ai canestri di un positivo Mariani (22). Dopo i primi dieci minuti (23-20) la squadra di Salvetti prova a mettere la testa avanti con i canestri del livornese e di Puccioni e i biancorossi vanno alla pausa lunga sul +7 (29-36) e appena rientrati riescono anche a portarsi sul +9. L’orgoglio dei padroni di casa si fa sentire ed il solito Chinellato, supportato da Pascon (15), guida la rimonta dei veneti e a 10? dalla sirena finale la situazione è di parità (52-52). Firenze subisce l’agonismo degli avversari e la loro presenza nel pitturato calando alla distanza e lasciando a Mestre il controllo della gara.
“Usciamo a testa alta – dichiara coach Salvetti – da un parquet difficile. Abbiamo subito la fisicità di Mestre e la loro presenza sotto canestro a rimbalzo offensivo. Per noi era l’esordio in un campionato nazionale e dobbiamo ripartire dal buono che si è visto oggi”. “Dobbiamo continuare a lavorare – ha detto Salvetti – per cercare di migliorarci da subito sulle situazioni che ci sono riuscite meglio”.
Prossimo appuntamento per il Pino Basket Firenze sabato 12 ottobre alle 18.30 al PalaCoverciano dove arriverà Bertinoro.

Garcia Moreno 1947 – US Piani Electrogroup TEC 57-74 (16-14, 10-14, 15-17, 16-33)
Garcia Moreno 1947: Monzardo 13 (4/6, 0/1), Bellato 2 (1/1, 0/5), Drago 2 (1/4, 0/1), Vencato 2 (1/1), Buzzi 5 (2/5, 0/4), Bolcato 12 (3/8, 2/4), Tuninetto 14 (4/10, 1/2), Faccioli 7 (3/6, 0/1)
Tiri Liberi: 10/19 – Rimbalzi: 28 21+7 (Monzardo 9) – Assist: 1 (Monzardo 1)
Allenatore: Venezia

US Piani Electrogroup TEC: Tiribello, Torboli 25 (2/8, 4/10), Vettori 10 (4/5, 0/4), Giarin 2 (1/1), D’Alessandro 10 (4/10, 0/1), Defant 15 (6/9, 1/3), Sipala 2 (1/3, 0/1), Zago 6 (2/4 da tre), Somvi 4 (0/1, 1/3)
Tiri Liberi: 14/18 – Rimbalzi: 26 19+7 (Defant 7) – Assist: 2 (Tiribello, Torboli 1)
Allenatore: Minati

MONTEBELLUNA – BASSANO 62-55

Buona la prima. Il Monte, nonostante l’assenza di Boaro, si impone sul Bassano per 62-55 dopo essere stati anche in vantaggio di 20 punti! Grande difesa dei delfini, tutti a turno hanno fatto qualcosa di importante! Domenica prossima trasferta a Bolzano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy