Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone D

Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone D

Commenta per primo!

Folgore Fucecchio-Loreto 87-73

BOLDRINI SELLERIE FOLGORE FUCECCHIO: Danesi 14, Caciolli 13. Casciani 22, Cei 4, Tessitori 8, Loni 6, Bastianoni, Melosi 20, Camiciottoli, Cimò ne. Allenatore: Barontini

US LORETO: Di Sciullo 23, Iannetti 2, Giommi 5, Calcagnini 2, Gattoni 25. Mazzoleni, Giunta 6, Cecchini 10, Ginesi, Terenzi ne. Allenatore: Surico

PARZIALI: 24-15, 48-33, 65-58

C’è tanto pubblico a Fucecchio per l’esordio in Dnc dei biancoverdi contro un’altra neopromossa Loreto e la Folgore non delude i suoi tifosi conquistando subito un successo. Nel primo quarto si porta in vantaggio Fucecchio con il parziale di 24 a 15 spinto da un Casciani che con 10 punti vince il duello contro i 7 punti di Massimo Gattoni, ex serie A con la maglia di Siena e Desio. Nel secondo tempino è Melosi sugli scudi che trova la via del canestro con facilità (14 dei suoi 20 in questa frazione) e la Folgore se ne va al più 15 dell’intervallo. Coach Surico striglia i ragazzi di Loreto che al rientro in campo riescono a portarsi sotto 7. Ci pensa una fiammata di Caciolli a tener vivi i biancoverdi, con la partita che si sta innervosendo. A farne le spese sono Tessitori e Gattoni che si scontrano e finiscono entrambi negli spogliatoi quando mancano 4′ alla sirena. Ma ormai il match è in mano dei padroni di casa che riescono a incrementare il vantaggio arrivando al più 14 finale.

Halley Matelica – Virtus Civitanova 76 – 71

Matelica: Porcarelli n.e., Sorci 11, Pecchia 3, Novatti 15, Montanari, Gatti 7, Quercia 7, Bracchetti n.e., Paoletti 7, Usberti 26. All.re Sonaglia

Civitanova: Centanni 16, Felicioni, Tessitore n.e., Ferraro 3, Vallasciani 13, Baldoni 15, Tegazi n.e., Magrini 4, Righetti 2, Contigiani 18. All.re Rossi.

L’Halley Matelica ricomincia da dove aveva terminato contro la Virtus Civitanova, grazie alla forza della sua difesa e ad un super Usberti da 26 punti. La matricola non si fa intimidire, all’esordio in DNC, al cospetto di un team, quello civitanovese, che lo scorso anno aveva conquistato sul campo la salvezza in DNC (salvo poi rinunciarci).

L’inizio è tutto di marca ospite: la squadra di Centanni e Contigiani non sbaglia un colpo, mentre la Vigor ha molte cose da registrare in difesa ed è piuttosto contratta in attacco, vivendo sulle iniziative di Novatti e sulle bombe di Pecchia e Usberti. Ciononostante il team di Sonaglia chiude sotto di 2 (16-18) il primo quarto. Le cose non vanno diversamente nel secondo periodo, con la Vigor sempre sul punto di rientrare, ma incapace di trovare una soluzione per un inarrestabile Contigiani.

Il rientro dagli spogliatoi segna il cambio di ritmo. Civitanova soffre una difesa matelicese salita notevolmente di intensità (solo 10 punti nel quarto concessi a Centanni e soci) e comincia a sbagliare qualche tiro di troppo, mentre i padroni di casa volano, trascinati da un Usberti martellante e da una serie di triple di Quercia, Gatti e Sorci che spaccano in due l’incontro. Nel quarto periodo l’Halley difende il vantaggio contro il ritorno degli ospiti, che arrivano fino a -3 (74-71) e tentano la carta del fallo sistematico. Le mani di Novatti e Usberti non tremano e il pubblico, sesto uomo anche nel nuovo palasport di Cerreto d’Esi, può già riprendere a festeggiare. Civitanova può recriminare per l’assenza di Tessitore, a referto ma non sceso in campo, ma concede l’onore delle armi ai matelicesi.

Al termine coach Sonaglia, per i matelicesi, ha lo sguardo di chi ha appena intrapreso una lunga avventura, ma con la giusta soddisfazione per averla cominciata nel migliore dei modi: “la cosa che più mi è piaciuta è stata la difesa della squadra nel secondo tempo. E i risultati si sono visti!”.

E ora tutti in palestra per preparare la trasferta di sabato prossimo, a Empoli.

Juve Pontedera – Valentina’s Bottegone 58-70

JUVE: Ruberti 6, Migli 7, Cerri 2, Falchi 29, Doveri 6, Ragli, Novi ne, Ghelli 4, Giorgi 2, Tozzini 2. All.: Carlotti.
VALENTINA’S: Giannini 14, Staino 11, Rossi 12, Marconato 10, Bongi 2, Simoncini ne, Paci 7, Visigalli 11, Giusti ne, Natali 3. All.: Valerio.
PARZIALI: 18-23, 34-28 (16-5), 50-49 (16-21), 58-70 (8-21)

Una Valentina’s Bottegone caparbia, e dai due volti nell’arco degli stessi 40’, parte bene nella nuova avventura nel girone D del campionato di Dnc e batte 58-70 al “PalaZoli” la Juve Pontedera confermando una tradizione che oramai va avanti da sette match consecutivi, sempre vinti dai gialloneri.
Debutto positivo, quindi, per coach Beppe Valerio grazie ad una superlativa rimonta nella seconda parte del match, quando a Pontedera è mancata senz’altro la giusta lucidità dopo aver giocato 20’ super, in particolar modo il secondo quarto con la Valentina’s che ha segnato la miseria di cinque punti. Nonostante questo sbandamento, però, Bottegone ha mostrato la giusta solidità del gruppo rientrando in carreggiata nel terzo quarto prima di assestare il colpo del ko negli ultimi 10’, concedendo ai padroni di casa soltanto 8 punti senza mai riuscire a segnare dal 37’ al 40’.
Match combattuto ed equilibrato nel primo quarto, mentre nel secondo gli attacchi per buona parte di tempo non segnano quasi mai e la Valentina’s tiene il naso avanti fino al 15’ quando il canestro diventa piccolo piccolo ed in 4’ Pontedera segna 14 punti che consentono alla squadra di Carlotti di tentare l’allungo.
Nel terzo quarto le squadre ritornano a contatto, prima di entrare negli ultimi 10’ con Bottegone che ritrova il vantaggio grazie ad un ispirato Visigalli (52-53 al 32’), poi scappa via sempre con l’ex Altopascio e Paci (54-60 al 35’30”) e la bomba di Staino del 56-63 sembra già suonare da sentenza per Pontedera. La Juve segna il suo ultimo canestro con Falchi (gran partita la sua con 29 punti e 6/11 da tre) e lo scarto finale arriva tutto ai liberi e con la bomba di un positivo Paci che chiude il match.
Venendo ai singoli, top scorer Pippo Giannini con 4/14 dal campo e 14 punti, ma i numeri premiano capitan Marconato che oltre ai 10 punti messi a segno ci aggiunge anche 15 rimbalzi. Grande match di Visigalli che, nonostante non sia ancora al top, segna 11 punti in 12’.

Monsummano Libertas Monsummano-Libertas Liburnia 68-72

MERIDIEN MONSUMMANO: Zani 10, Niccolai 14, Bargiacchi 6, Vannini 11, Tempestini 15, Barontini, Ambrosini Boni ne, Piccoli ne, Verdiani 9. Allenatore: Rastelli

LIBERTAS LIBURNIA LIVORNO: Niccolai 5, Tellini 4, Stolfi 25, Sidoti 7, Benini 12, Seminara, Dell’Agnello G. ne, Mori, Nesti 9, Dell’Agnello T. 10. Allenatore: Pardini

ARBITRI: Boni e Massafra

PARZIALI: 18-15, 35-34, 54-50

La neopromossa Libertas fa subito lo sgambetto alla corazzata Monsummano con Mario Boni in panchina solo ad onor di firma per un dolore al ginocchio. Partita che si muove sul binario dell’equilibrio fin dalla palla due con i termali che si portano avanti e Livorno che recupera. Nel primo tempino la Meridien piglia un massimo di 5 lunghezze, ma i gialloblù restano sempre lì pareggiando poi a quota 20 e sorpassando per la prima volta con un canestro di Nesti. Contro sorpasso e si riprende con il solito ritmo di strappi e minirimonte, poi un black out in casa labronica spacca la partita: un 9-0 dei biancoblù vale il primo più 10 che dura però un attimo. Stavolta si spegne la luce a Monsummano che per oltre 5′ a cavallo tra terzo e ultimo quarto non vede più il canestro; Livorno si trova così a 7 dalla sirena avanti di un possesso, la Meridien si scuote e inizia a tirare la volata finale. Il killer dei termali è Stolfi che a 57″ dalla fine mette la sua quinta tripla che dà il più 4, la reazione dei padroni di casa non arriva e la Libertas espugna il PalaMeridien 68-72.

PISAURUM 2000 – BASKET GUBBIO 71-57

Pisaurum: Cambrini 9, Bianchi G. 5, Calegari 5, Maggiotto 12, Pentucci 15, Foglietti, Conti 4, Casagrande 12, Bianchi 2, Giacomini 7. All. Foglietti

Basket Gubbio: Brunetti 7, Fiorucci 7, Arioli 11, Mariucci 10, Maurizi 0, Venturi 5, Pellegrini 4, Monacelli 13, Picchi, Agostinelli. All. Pierotti

PARZIALI: 16-10; 20-13; 12-13; 23-21

BAMA ALTOPASCIO 57 – ROBUR OSIMO 63
(13-18;32-34; 45-47; 57-63)

Arbitri: Martelli e Cirinei di Livorno

BAMA: Del Carlo 9, Andrea Lazzeri 8, Armillei 12, Petrucci 8, Tozzini, Fiorindi 4, Giannecchini, Lami, Vincenzini 4, Alberto Lazzeri 12. All. Tonfoni

OSIMO: Cardellini 10, Mancinelli 5, Scrima 10, Valentini 12, David 6, Mosca 4, Di Maggio, Graciotti, Monticelli 16, Pistola. All.Francioni

Escono a testa alta i ragazzi del Bama al cospetto della corazzata Osimo. Lottano come leoni i rosablu per tutto l’arco del match mantenendo la gara in equilibrio fino al 37′ (57-57) ed avendo la palla del pareggio sul 57-60 a -1′ con una tripla di Armillei sputata dal ferro. Poi cedono , complice il fallo sistematico. Peccato, perché dopo un inizio in cui sembrava che i marchigiani giocassero sul velluto (0-8 e brutti attacchi altopascesi) Del Carlo e soci sono rientrati in gara con un Alberto Lazzeri ispiratissimo che con 10 punti ha suonato la carica per i suoi. Purtroppo 2 falli evitabili relegano l’ala pisana in panchina, insieme a Tozzini, con la ciliegina sulla torta di una distorsione alla caviglia per Del Carlo: out per più di un quarto. Gli ospiti, soprattutto con Monticelli, abbonato ai tiri dalla linea della carità con ben 11 nei primi 15 minuti, mantengono un margine risicato al primo quarto (13-18). Seconda frazione e scaldano la mano Armillei e Petrucci, con Andrea Lazzeri buono in paint area contro l’ottimo Valentini. Purtroppo continuano i viaggi in lunetta per gli ospiti (alla fine 24 contro 7, dato a dir poco bizzarro) che gli consentono di rimanere di un’incollatura avanti. Armillei dall’arco sigla l’impatto (32-32) prima che il bravissimo play scuola Scavolini Scrima segni sulla sirena (32-34). Terza frazione ed il Bama aumenta l’intensità difensiva. E’ il momento migliore per gli altopascesi che chiudono la via del canestro agli avversari. Tenta anche la carta della zona trap coach Tonfoni che funziona bene all’inizio ma poi é traforata da una tripla di David e due morbidi jump di Valentini. Comunque sia i rosablu mettono la testa avanti ma purtroppo due ingenuità prima di Fiorindi e poi di Petrucci fungono da effetto boomerang: Schiacciata di Valentini e canestro da sotto di Mancinelli per il 45-47 al terzo fischio. Ultima frazione e Osimo prova a scappare (47-53) ma il Bama ha 8 vite e con una tripla di Vincenzini accorcia di nuovo sul 52-53 e poi con Armillei dall’arco rintuzza di nuovo sul 57-57. Da lì in poi va tutto storto per il Bama e gli ospiti trovano la giocata vincente con Scrima (57-60) e poi, sul fallo sistematico, Monticelli chiude la gara. Onore agli avversari. Ci sarà da soffrire quest’anno, lo si sapeva, ma un Bama con un cuore così fa ben sperare.

ASD VALDISIEVE PELAGO – PALL. EMPOLI 72-63

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy