Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone F

Lega DNC – Tutta la 1a Giornata, del Girone F

Commenta per primo!

CAMPLI BASKET – NUOVA PALL. NARDO’ 75-68

Campli Basket: Montuori 10, Palantrani 5, Gaeta 16, Diener 17, Negrini 2, Petrucci 21, Serafini 2. Allenatore: Castorina Renato
Pallacanestro Nardò: Colella 9, Malamov 10, Manca 2, Ferilli 4, Ferrienti 18, Chirico 15. Allenatore: Bray Tonino
ARBITRI: Santoro (Caserta), Del Monaco (Maddaloni)
PARZIALI: 22-13/37-29/43-47/75-58

Esordio amaro per l’Andrea Pasca Nature Nardò in quel di Campli. La formazione di coach Tonino Bray, al 30′ effettua il sorpasso sulla formazione di casa, dopo un testa-testa che ha visto i granata rispondere colpo su colpo agli uomini di coach Castorina. E’ mancato il guizzo finale nell’ultima frazione, premiando così il forcing di Gaeta e soci. Passivo finale oltremodo troppo severo per i granata sempre in partita, sino al quarto periodo, dove la differenza l’hanno fatto i padroni di casa. Buona la prova dell’ultimo arrivo in casa granata Antonio Chirico, tesserato alla vigilia della trasferta di Campli.
La gara, le due squadre si presentano alla prima palla-due con i rispettivi quintetti, Campli: Montuori, Palantrani, Petrucci, Gaeta e Diener, risponde Nardò: Colella, Ferilli, Malamov, Manca e Ferrienti.
Buono l’avvio della squadra di casa, che piazza il primo break 5-0 con l’ex Pescara Rudy Diener. Nardò non sta a guardare, i primi punti della nuova stagione li mette a referto Francesco Ferrienti dai 6.75 m., mentre Andrea Malamov pareggia i conti 5-5. A metà quarto Alessandro Manca raggiunge il secondo fallo personale, coach Bray manda in campo l’ex Monteroni, Chirico. Ottimo l’impatto alla gara di Chirico, che pronti via mette a referto 8 punti. Se nelle fila granata Chirico porta fieno in cascina, dall’altra coach Castorina, trova negli elementi cardine Petrucci e Diener, le spine nel fianco per il Nardò, che chiude la frazione in svantaggio: 22-13.
Secondo quarto, nel Nardò rientra Giuseppe Ferilli al posto di Michele Colella gravato di falli, con Malamov play, Chirico esterno, Ferrienti e Manca interni. Nardò che non dispiace in fase offensiva dove il rientrante Ferilli fa 2/2 in area bianco-rossa ben imbeccato da Malamov (5 assist) prima e Fabrizio Durante poi, quest’ultimo entrato al posto di Chirico. Ferrienti dopo l’1/4 iniziale, si rifà con gli interessi nella seconda frazione 1/1 dalla lunga distanza. Anche Campli punisce da fuori, per ben tre volte, nel secondo quarto con: Petrucci, Gaeta ed il solito Diener. Nardò chiude il parziale: 15-16 ma il progressivo recita 37-29.
La ripresa, coach Bray rientra con: Colella, Malamov, Chirico, Ferrienti e Manca. Senza sbavature la terza frazione degli uomini di Bray, che concedono poco ai padroni di casa con soli 6 punti subiti dal Campli e gara di sostanza a rimbalzo con Alessandro Manca (10 rimbalzi difensivi) ed Antonio Chirico sugli scudi (7 rimbalzi difensivi). Nardò in avanti và a segno con le bocche di fuoco Malamov e Chirico mentre Michele Colella (2/2 dal campo nel quarto periodo) porta in vantaggio i suoi, 43-44 e sul finire di frazione ancora Ferrienti punisce i locali, esaltando il nutrito tifo neretino, al seguito. La terza frazione si chiude: 43-47 Nardò.
Ultimo quarto, il Nardò riparte con gli stessi cinque della terza frazione. Campli risponde al colpo subito, con Enrico Gaeta tra i protagonisti per la formazione di casa nell’ultimo quarto 11 punti a referto, con Nardò che successivamente subisce 9 punti dai 6.75. Anche Petrucci si scatena 10 punti nella quarta frazione, per un totale di 27 squadra. Crollo vistoso del Nardò, nell’ultima parte di gara. Colella, Ferrienti e Manca riducono le distanze, ed al Pala Borgognoni i due punti li prende Campli. Si chiude la gara, sul: 75-58. Gli uomini di coach Castorina si confermano avversari da tenere d’occhio per il resto della stagione, specie tra le mura amiche, mentre per il Nardò di Bray prima sconfitta della stagione e da domani si penserà alla sfida, sul neutro di Monteroni, contro la Magic Benevento vittoriosa nel primo turno contro Potenza.
Ottima la prima dei ragazzi di coach Castorina che al Palaborgognoni si impongono per 75-58 sulla pallacanestro Nardò. Primi due quarti targati Campli Basket che vanno al riposo sul 37-29. Nel III^ quarto esce Nardò che grazie a Colella e Ferrienti riesce a chiudere in vantaggio. Nell’ultimo periodo Gaeta e Petrucci prima riportano il Campli in parità e poi scavano il vantaggio decisivo. Festa al Palaborgognoni sulla sirena finale.

Il Globo Isernia – Virtus Pozzuoli: 64 – 73 (19 – 19, 16 – 10) 32 – 29 (13 – 14, 19 – 30)

Il Globo Isernia: Orfanelli 2, Confessore 7, Facci 9, Canzano 13, Triggiani 4, Bisciotti n.e., Cardinale 17, Melchiorre n.e., Simeoli 12, Bracci 0
Coach: Cardinale
Virtus Pozzuoli: Orefice 9, Artiaco 0, Innocente 23, Caresta n.e., Conte 0, Luongo 11, Aprea 9, Errico 17, Orsini 4, Longobardi n.e.
Coach: Serpico
Il Globo Isernia perde la gara di esordio in DNC. La gara contro il Pozzuoli è stata equilibrata e divertente. Ai ragazzi di coach Cardinale rimane l’amaro in bocca perché questa era una partita che si poteva vincere. Gli isernini hanno pagato cara l’inesperienza e commesso troppi peccati di gioventù.
I primi tre quarti di gioco sono molto equilibrati, un frizzante duello punto a punto senza esclusione di colpi. La svolta della gara avviene allo scadere del penultimo parziale, quando con un’azione rocambolesca i campani piazzano una bomba da tre punti che fissa il punteggio sul 45 – 45. Pozzuoli apre l’ultimo quarto di gioco con tre bombe che lo portano sul +7. L’Isernia prova a risalire con Canzano (40 minuti in campo,13 pts e 6 assist) e soprattutto con Cardinale (17 punti e tanta tanta grinta). I locali tornano in vantaggio, ma Pozzuoli non sta a guardare. A poco più di un minuto dal termine il punteggio è fermo sul 64-64. Innocente (23 punti, mano infuocata) piazza un pesante tiro da tre. L’Isernia va in trance e commette troppi errori. Innocente ne approfitta. Il clima si surriscalda e coach Cardinale si becca un fallo tecnico per proteste che chiude l’incontro. Finisce 73 – 64 per i ragazzi di Serpico. E’ un punteggio bugiardo perché il vero protagonista dell’incontro è stato l’equilibrio. C’è comunque soddisfazione nell’ambiente isernino. La squadra appare coesa e grintosa. Bisogna fare attenzione nella fase di attacco, per non sciupare troppe preziose occasioni. Ora Il Globo deve pensare alle prossime gare. Ci sono due trasferte insidiose. Prima Potenza e poi Castellammare di Stabia.
La trasferta ad Isernia, per disputare la prima partita del campionato, ha dato segnali positivi e ha ripagato degli enormi sforzi che in questo mese e mezzo i nostri ragazzi hanno fatto nel corso della preparazione.

Magic Team Benevento – Timberwolves Potenza 87 – 69

Magic Team Benevento: N. Bastone 16 F. Mori (C) 15 G. Fratini 12 G. Tredici 14 R. Malagoli 16 Buontempo 5 D. Granata 0 J. Kebede 3 L. Pepe 4 C. Dell’Ermo 0

Timberwolves Potenza: D. Lorusso (C) 26 A. Marchese 7 A. Rato 6 A. Mastroddi 2 G. Pace 8 M. Pocchiari 0 M. Leone 4 G. Ciardullo 2 F. Di Tullio 4 G. Campagna 5

Fratelli Lotti Juve Trani – Pallacanestro Benevento 65-93

Trani. Di Salvia 4, Salamina 11, Bergamìn 10, Ippolito 7, Amorese, Cupito 21, Mennuni, Germinario, Ferrara, Basile 12. Allenatore, Lattanzio.

Benevento. Cavalieri, Norcino 10, Fabiano 5, Krushchev 15, Marti 5, De Martino 27, Bruno, Parlato 17, Tommasiello 15, Ronconi 2. All. Menduto.

Inizio di campionato tutto da dimenticare per la Fratelli Lotti Juve Trani, che perde in casa prendendo quasi trenta punti di scarto, e subendone quasi cento, da un Benevento che, però, ha avuto il merito di giocare con percentuali di realizzazione altissime, soprattutto dalla lunga distanza. La squadra bianconera, però, ha denotato limiti difensivi, poche idee offensive e scarsa personalità. Per coach Lattanzio ci sarà molto da lavorare.

Stabia – Mola 56:63 (17:20, 37:41; 46:49, 56:63)

Stabia: Auriemma 24, Somma 9, Salvatore 7; Rimb: Auriemma 14; Ass: Errico 9.

Mola: Teofilo 18, De Bellis 16, Mazzotta 14; Rimb: Teofilo 14; Ass: De Bellis 4.

Inizia con una vittoria la nuova stagione della SSD Mola, che vince in Campania la gara inaugurale del girone F del campionato DNC 2013/2014.
Vittoria meritata ma soprattutto conquistata per gli uomini di coach Lotesoriere, su un campo ostico, ieri afoso, al limite della praticabilità.
Pronti, via, e il Mola vola sul più nove, con una buona gestione degli attacchi e la capacità di gestire un avversario ostico, ma di livello certamente inferiore. Forse proprio per la consapevolezza acquisita nei primi minuti di gara, gli ospiti rallentano bruscamente, terminando il primo parziale sotto di tre, 20 a 17.
Nella seconda frazione di gioco, guidati da capitan Mazzotta, De Bellis e Teofilo, i baresi riprendono a macinare gioco e punti, approfittando delle amnesie e lacune dei padroni di casa. Cala infatti il ritmo di gioco, e lo Stabia si accontenta di tiri forzati e fuori ritmo, regalando al Mola parziale e vantaggio all’intervallo, sul 37:41.
La ripresa mantiene i valori dimostrato in precedenza, con il fattore campo che influenza spettacolo, ritmo e punteggio. Numerose infatti le cadute sui 28 metri campani, con i padroni di casa incapaci di ricucire lo strappo, grazie anche ad una attenta gestione degli attacchi da parte del Mola. 49 a 46 per gli ospiti, in un terzo quarto che di certo non passerà alla storia per lo spettacolo visto in campo.
Semplice gestione per gli uomini di Lotesoriere negli ultimi dieci minuti di gioco, con la possibilità di far esordire l’under Lonigro, e regalare i primi due punti ad una squadra che punto certamente ad offrire ai propri tifosi e dirigenti un’annata colma di soddisfazioni.
63 – 56 il punteggio finale, con il Mola che vince una partita in maniera meritata, seppur con notevoli margini di miglioramento in fase di costruzione gioco e rotazione degli uomini (praticamente solo sette giocatori scesi in campo), ma guai non fosse così, dopo solo 40 minuti in un campionato che si preannuncia combattuto ed equilibrato

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy