Lega DNC – Tutta la 3a Giornata, del Girone A

Lega DNC – Tutta la 3a Giornata, del Girone A

Commenta per primo!

Don Bosco Crocetta Torino – Rosmini Domodossola 69-71 (25-19, 11-19, 17-21, 16-18)

Don Bosco Crocetta Torino: Berta 13 (4/9, 1/4), D’Affuso 17 (2/5, 4/7), Giordana 3 (0/1, 1/3), Ceccarelli 5 (1/5, 1/3), Vetrone 11 (3/8, 1/2), Tarditi 6 (2/5, 0/2), Francione, Riviezzo 8 (4/6), Chirio 1 (0/1 da tre), Antonietti 5 (2/4)

Tiri Liberi: 9/14 – Rimbalzi: 40 24+16 (Tarditi 10) – Assist: 12 (Ceccarelli 3)

Rosmini Domodossola: Foti 20 (3/6, 4/9), Petricca 17 (6/9, 1/3), De Tomasi 3 (1/4 da tre), Villani 11 (3/5), Cerutti 13 (4/8, 1/5), Frank, Gjinaj, Maestrone 1 (0/1), Cedri, Tommasiello 6 (1/2, 0/2)

Tiri Liberi: 16/28 – Rimbalzi: 27 18+9 (Cerutti 6) – Assist: 6 (Gjinaj 2)

Arbitri:De Giorgi,Fiannaca

La prima vittoria della stagione non arriva neanche alla terza di campionato, non basta una grande partita contro Domodossola per conquistare i due punti trappati ancora negli ultimi secondi. Fotocopia della gara contro Borgosesia: dominio iniziale, rimonta ospite, gara punto a punto e poi sorpasso al fotofinish. Ora però bisogna rimboccarsi le maniche e dare il tutto per evitare di trovarsi in situazioni complicate senza meritarlo. Gli errori costano troppo alla squadra di Tassone che deve fare i conti adesso con l’ultimo posto ingiusto in classifica. A breve il commento.
Il commento del coach:
”Una gara equilibrata, decisa da episodi: al termine con l’amico Pedroni, eravamo allineati su questa veloce analisi. Ovviamente con un sorriso in più lui. Peccato: ancora una volta siamo partiti con grande energia e controllo della situazione tattica, poi come con Oleggio, pian piano ci hanno ripreso. In mezzo ci sono state ottime cose loro, e purtroppo alcune ingenuità e una calo di tensione nostro. Potrei citare gli episodi, che ci sono certo stati tutti sfavorevoli, ma non si recrimina su questo ne su alcune ”fantasiose interpretazioni degli sfondamenti”, con arbitraggio per il resto ininfluente. Se si legge solo tecnicamente la gara, abbiamo nettamente migliorato a rimbalzo, così come da obiettivo, ma ancora una volta tante banali palle perse. Sappiamo che dovremo stare in campo 40 ‘ con presenza mentale , che ogni sbavatura si pagherà. Ora tutti compatti, perché la squadra c’è, lotta e malgrado le sole sconfitte, ogni domenica aggiunge qualcosina. Adesso il campionato ci presenta due trasferte, non il massimo. Per usare una metafora ciclistica, l’anno scorso ci siamo trovati nella fuga giusta e l’abbiamo sfruttata, ora dovremo vedere e vogliamo dimostrare che sappiamo anche inseguire. Abbiamo giocatori che possono crescere, lo dovranno fare con costanza sia tecnicamente che come presenza alla competizione , partendo dalla consapevolezza che la società lavora in questa direzione

Sportiva Boffalora – Amatori Basket Savigliano 52-62 
(9-19, 17-19, 16-16, 10-14)

Sportiva Boffalora: Buzzini 2 (1/2, 0/1), Fumagalli 11 (5/9, 0/2), Riva, Restelli 10 (2/4, 2/4), Toia, Pastori 2 (1/3), Colombo, Di Meco 1, Vercesi 6 (1/3, 1/4), Hamadi 20 (5/9, 2/8) N.E.: Innocenti

Tiri Liberi: 7/12 – Rimbalzi: 29 21+8 (Restelli 12) – Assist: 8 (Fumagalli 3)

Amatori Basket Savigliano: Sena, D’Arrigo 2 (1/7), Marcello 9 (3/10, 0/2), Boella 13 (2/4, 2/3), Sacco 13 (6/12), Grezda 8 (1/2, 2/4), Testa, Abdogan, Mondino, Beccaria 17 (6/11, 0/1) N.E.: Musetti

Tiri Liberi: 12/24 – Rimbalzi: 43 28+15 (Beccaria 13) – Assist: 13 (D’Arrigo, Marcello, Boella 3)

Arbitri:Mauri,Ucci

Prima bella e convincente vittoria in trasferta per A.B. Savigliano di coach Testa E. impegnata a Boffalora Sopra Ticino s nella terza di campionato.

Vittoria che arriva all’indomani dell’ingaggio di Andrea Rispoli vecchia conoscenza saviglianese (stagione 2010-11) ma la scorsa stagione nel roster di Bra per sostituire lo sfortunato giocatore saviglianese Mussetti infortunatosi gravemente sabato scorso e fuori per qualche mese.

La partita di Boffalora era molto temuta da tutto lo staff saviglianese perchè la squadra che gioca a Boffalora è in verita la squadra campione d’italia (nati nel 1996) dell’Armani Jeans Milano. Una tanto giovane quanto solida squadra di C1 ontro la quale i nostri hanno disputato una ottima gara sopratutto con Beccaria risultato top scorer con 19 punti e Boella con 26 di valutazione che dice molto sull’estrema utilità del bravo giocatore torinese. Ma citare solo loro due sarebbe riduttivo. In verità tutti i giocatori erano determinatissimi a far dimenticare la prima partita casalinga che era stata davvero sciagurata. E così è stato.

Scesi in campo con grande determinazione i panthers hanno fornito una prova maiuscola anche con Sacco e D’Arrigo oltre a Rispoli apparso inserito bene nel gruppo. Anche Marcello ha dato una grossa mano dovendo sopportare le marcature asfissianti dei giovani milanesi. La gara ha visto la DNC saviglianese sempre in vantaggio con il massimo scarto proprio alla fine a coronare una buona prova del collettivo.

DESIO-GAZZADA 57-69 (16-14, 29-32, 43-46)

DESIO: Lanzani, Villa 12, Verlato ne, M. Rossetti 7, P. Rossetti, Bonvino, Gallazzi 16, Colombo 4, Grassi, Marinò 18. All. Villa

GAZZADA: Savelli 7, Passerini 3, Garavaglia ne, Spertini 18, Moalli, Muraga 2, Cappellari 6, Nalesso 2, Fedrigo 12, Padova 19. All. Garbosi

Prima sconfitta stagionale per la Rimadesio, che incassa in Aldo Moro contro Gazzada anche il primo stop interno del 2013 (ultimo ko casalingo datato dicembre 2012 contro Mortara, poi una serie di 11 successi consecutivi). Le assenze di Meregalli e Bernardi stavolta si fanno sentire, per una Rimadesio che non interpreta al meglio l’incontro, giocando senza la giusta intensità e al di sotto dei ritmi che due settimane prima avevano messo in grossa difficoltà Borogosesia. Eppure per 30′ la gara è stata in equilibrio nonostante le cattive percentuali dal campo e in lunetta ma negli ultimi 10′ i canestri di Spertini hanno definitivamente spezzato l’equilibrio.
I punti di Villa e Gallazzi in avvio tengono Desio avanti (10-9 al 6′, 16-14 al 10′), nel secondo periodo sono Colombo e Marco Rossetti a tenere la gara in equilibrio sulla zona comandata da coach Garbosi e l’equilibrio è spezzato solo da una tripla sulla sirena di Fedrigo per il 29-32 della pausa lunga.
Dopo il cambio di campo Gazzada piazza il primo affondo con Padova in evidenza (30-38 al 23′ dopo un canestro di Cappellari), Desio risponde con le triple di Villa e Marinò ed i canestri di Gallazzi per il sorpasso sul 43-42 del 29′ con un break di 13-4 ma negli ultimi 10′ si scatena Spertini; sono sue le due triple che lanciano Gazzada sul 47-58 del 35′ da cui Desio (solo 2 canestri dal campo nell’ultima frazione) non avrà più la forza di rientrare.
Prossimo impegno sabato 26 ottobre alle 21.00 ancora in casa contro Follo.

Basket Follo – Basket Pool 2000 Loano 65-49 

(14-7, 19-7, 14-13, 18-4)

Basket Follo: Valenti 6 (1/3, 0/2), Leonardi 2 (1/4, 0/2), Marchetti 9 (0/6, 2/4), Steffanini, Rege Cambrin 10 (4/9, 0/1), Ferrari 18 (6/10, 1/3), Benites Vivente Jose 1, Bambini 7 (1/2, 1/4), Casettari 8 (1/5, 1/1), Vercellotti 4 (2/7, 0/2)

Tiri Liberi: 18/27 – Rimbalzi: 36 24+12 (Casettari 8) – Assist: 18 (Bambini 6)

Basket Pool 2000 Loano: Villa 11 (4/5, 1/1), De Ninno, Cerutti 3 (0/4, 1/3), Bussone 5 (1/4, 1/7), Giulini 8 (4/6, 0/3), Zavaglio 4 (2/6, 0/4), Prato 3 (0/4, 1/4), Cacace 13 (4/7, 1/4), Nicoletti 2 (1/1), Alberto Guida

Tiri Liberi: 2/7 – Rimbalzi: 41 30+11 (Cacace 12) – Assist: 5 (Villa, Cacace 2)

Arbitri:Colombo,Pugliati

Nella riedizione della finale promozione dello scorso anno il Pool si mantiene in equilibrio per 33 minuti difendendo il tesoretto del primo quarto ma poi crolla di schianto subendo negli ultimi 7 minuti un parziale di 16-0 che consegna la vittoria ai padroni di casa. Inizio scoppiettante per l’attacco ospite ripetutamente a bersaglio da 3 e dopo un inizio in equlibrio (6-5), regolando la difesa, il Pool allunga sino a al 25-14 di fine quarto. Sono passati 90″ del secondo quarto quando una tripla di Cerutti porta al massimo vantaggio Pool 28-16 con 5 giocatori a bersaglio dall’arco ed un nuovamente positivo Villa sotto le plance. Lo scorer segna 5 su 6 nelle triple e nei restanti 28 minuti i loanesi collezioneranno un 0/18 da tre su tiri sempre aperti che segnerà la partita. Malgrado la siccità offensiva e l’incapacità di guadagnarsi dei tiri liberi (nuovamente 7 a 27 il conto dei liberi tentati) i bianconeri mantengono l’attenzione difensiva e senza concedere contropiedi all’intervallo lo scarto è minimo. Dopo la pausa lunga la partita resta in equilibrio e con un parziale di 13 punti nel quarto gli ospiti riescono a sopperire ai primi regali in fase di transizione e all’ultimo intervallo le due squadre sono ancora divise da soli 2 punti. L’ultimo quarto inizia con grande energia e confusione da entrambe le parti e dopo tre minuti Zavaglio impatta sul 49 pari ma dal time out locale esce solo il Follo che non subirà più un canestro allungando progressivamente le distanze sino al 65-49 finale. Sabato ritorno tra le mura amiche con la visita di Oleggio una delle favorite per la promozione in DNB. Appuntamento ore 18 al PalaGarassini.

Valsesia Basket – Olimpo Basket Alba 68-59 (13-24, 20-24, 15-17, 20-8)

Valsesia Basket: Taffettani 5 (0/2, 1/3), Picazzio 19 (3/5, 2/8), Barbero 5 (1/1, 1/4), Gergati 11 (3/4, 0/4), Radovanovic 6 (3/6, 0/2), Somaschini U. 1 (0/2), Vercellino 12 (3/5), Giadini 9 (1/4, 2/7) N.E.: Gallina, Somaschini E.

Tiri Liberi: 22/35 – Rimbalzi: 43 34+9 (Giadini 11) – Assist: 11 (Taffettani 4)

Olimpo Basket Alba: Rossi 4 (2/7, 0/6), Brando, Bergui 5 (1/1, 1/2), Francone 5 (1/3, 0/2), Amoruso, Piano 9 (3/5, 1/6), Gallo 13 (5/12, 1/4), Zanelli 11 (2/3, 2/6), Negro 2 (1/3, 0/1), Rampone 10 (3/6, 1/3)

Tiri Liberi: 5/10 – Rimbalzi: 36 25+11 (Rossi 7) – Assist: 7 (Amoruso, Negro 2)

Arbitri:Falcetto,De Bernardi

GESSI VALSESIA BASKET: 68 – OLIMPO ALBA : 59

Gessi Valsesia Basket: Taffettani 5, Galllina, Picazio 19, Barbero 5, Somaschini, Gergati 11, Radovanovic 6, Castagnetti 1, Vercellino 12, Giadini 9. Allenatore: Alberto Zambelli.

OLIMPO ALBA : Rossi 4, Brando, Bergui 5, Fran cone 5, Piano 9, Gallo 13, Zanelli 11, Negro 2, Rampone 10, Allenatore: Luca Jacomuzzi

Arbitri: Riccardo Falcetto e Stefano De Bernardi di Torino.

Seconda vittoria consecutiva per le aquile sesiane Domenica 20/10/2013 su parquet del Pala Loro Piana di Borgosesia, gremito di fedelissimi tifosi nero-arancio particolarmente chiassosi ed emotivamente coinvolti. Parte subito determinata la squadra di casa con schierato in campo il quintetto Barbero (cap)Radovanovic, Picazio, Gergati e Giadini. Dopo uno studio iniziale, le squadre danno vita ad un piacevole 1° quarto con belle azioni da parte di entrambe. Gioca con più determinazione la Gessi che chiude il primo periodo avanti 13-10. Bello e combattutissimo il 2° quarto nel quale le squadre danno il meglio di sè. Olimpo Alba non ci sta a sottomettersi alla supremazia delle aquile sesiane e con caparbietà chiude a proprio favore il secondo periodo 33 – 34.

Nell’intervallo della partita, per intrattenere il pubblico presente, si è disputata una gara di tiri liberi tra i ragazzi del settore giovanile locale. Questa gara sarà presente per le tre domeniche in cui la 1° squadra giocherà in casa; verrà stilata una classifica ufficiale aggiornata e consultabile sul sito della Società. Al termine delle competizioni, il vincitore sarà omaggiato con una maglietta ufficiale della Gessi Valsesia Basket.

L’Olimpo Alba rientra dalla pausa lunga più determinato che mai a portare a casa la vittoria, onde evitare di rimanere il fanalino di coda del girone. Infatti inizia una vera battaglia senza esclusione di colpi (in questa fase di gioco sono stati commessi molti falli). La squadra di Zambelli è molto imprecisa e patisce gli attacchi veloci degli albesi che approfittano del momento di difficoltà dei sesiani per prendere il largo e concludere avanti di tre lunghezze il 3°periodo 48 – 51. Nel 4°periodo, le aquile non demordono, ma a circa tre minuti dalla fine del match sono ancora sotto di 6. A questo punto, i ragazzi nero-arancio, incoraggiati dai propri tifosi, sfoderano finalmente una grinta che possiedono ma che fino a quel punto della gara era sopìta. Inizia un ottimo Vercellino, insieme a Gergati e Picazio a raddrizzare il match a favore delle aquile! Ad un minuto dal termine, due triple dall’angolo, una di Giadini, l’altra di Picazio, fanno schizzare il punteggio a favore della Gessi. Olimpo Alba non reagisce, sembra annientata dall’improvviso ed inaspettato sviluppo della partita. Ne approfittano prima Picazio, poli Gergati ad aumentare il vantaggio ormai consolidato, concludendo la partita a a favore della Gessi con il punteggio finale di : 68-59. Il prossimo appuntamento sarà sabato 26/10/2013 in trasferta a Gazzada (VA) alle ore 21:00.

 

Oleggio Magic Basket – Basket Team 71 75-70 (21-15, 21-15, 19-19, 14-19)

Oleggio Magic Basket: Remonti 11 (3/9 da tre), Mecca 4 (1/2), Ferrari 5 (1/5, 1/5), Marini 1, Kapedani 8 (4/7), Ragazzini, Sacco 17 (1/3, 3/8), Negri 15 (5/8, 0/1), Biganzoli 14 (2/2, 0/1)

Tiri Liberi: 26/29 – Rimbalzi: 38 30+8 (Negri 10) – Assist: 10 (Sacco, Biganzoli 4)

Basket Team 71: Giusto 19 (2/5, 2/7), Rinaldi 6 (3/6, 0/5), Tunzi 10 (2/3, 2/7), Maffeo 3 (0/2, 1/2), Gatto, Cirla 7 (0/1, 2/4), Cagliero 4 (2/3, 0/1), Carchia 19 (5/10, 1/8), MacCagno 2 (0/2)

Tiri Liberi: 18/22 – Rimbalzi: 33 25+8 (Giusto 10) – Assist: 11 (Carchia 3)

Arbitri:Oro,Longhini

Altra trasferta questa volta contro la quotata Oleggio, bestia nera ormai da 3 anni per i braidesi.
Inizio shock per i braidesi, a cui viene sanzionato un fallo antisportivo al giovane Cagliero e che da il la ai locali per un forte 11-0 che spiazza l’Abet fin dai primi minuti.
Pian piano gli ospiti inizia a ingranare, con le buone giocate dalla lunga di Tunzi, la regia di Giusto e la difesa di Gatto sul top player Ferrari, la squadra ricarica le energie e prende fiducia arrivando al pareggio e nell’azione seguente al +2.
Qualche sanguinosa palla persa di troppo permettono a Ferrari e compagni di chiudere sul 21-17 la prima frazione.
Inizio di secondo quarto in sordina per entrambe le squadre. Tunzi riapre il fuoco e le marcature con la specialità della casa, il tiro dai 6.75, Negri con la stessa medicina risponde. I punteggi rimangono molto bassi per tutta la metà della frazione. Oleggio con un guizzo si porta sul +13, ma Cagliero e Cirla non ci stanno e con tiri dalla lunga e qualche rimbalzo offensivo si riporta sotto a 7 lunghezze di svantaggio.
Remonti proprio sulla sirena, con una bomba da 7 metri, punisce la difesa ospite e chiude sul 42-32 all’intervallo lungo.
Al rientro dagli spogliatoi l’Abet riparte malamente, Oleggio segna da ogni dove e Bra deve accontentarsi di realizzare solamente 6 punti da tiro libero.
Cagliero prova scuotere i braidesi e li riporta a -10. Oleggio è ancora in controllo ma l’energia messa negli ultimi minuti del quarto fa presagire un cambio di inerzia a favore degli ospiti.
Ultimi 10 minuti in cui si vede tutto il cuore dei bianco blu che, punto su punto recupera, pareggia e si porta avanti con le buone giocate di Carchia e Giusto, 65-69 a soli 3’ dalla sirena finale.
Sacco decide di mettersi in proprio e con una bomba da 8 metri accorcia a -1, 68-69 lasciando l’amaro in bocca a Bra. Due decisioni arbitrali poco felici da parte della coppia arbitrale, prima a Tunzi (5° fallo) e una stoppata regolare ma sanzionata a Carchia nei confronti di Kapedani, cambiano il trend della gara questa volta in favore dei locali.

 

Spezia Basket Club – Team Abc Cantù 63-80 (22-23, 16-23, 9-16, 16-16)

Spezia Basket Club: Massari, Pipolo 10 (2/4, 2/3), Elia Mencarelli 6 (2/2), Steffanini, Dal Padulo, Santoni 17 (4/8, 2/5), Gianluigi 9 (3/4, 1/1), Caluri 3 (1/1 da tre), Fazio 14 (6/6), Nebbia Colomba 4 (2/3, 0/1)

Tiri Liberi: 7/21 – Rimbalzi: 18 14+4 (Gianluigi 6) – Assist: 7 (Gianluigi 5)

Team Abc Cantù: Pagani 7 (1/3), Carpani 15 (3/4, 3/3), Molteni M. 12 (6/9, 0/2), Erba 6 (2/2), Molteni M. 6 (2/2 da tre), Pifferi 6 (0/1, 2/3), Pedala’ 9 (3/5, 1/2), Scuratti 9 (4/5), Zugno 8 (4/5), Siberna 2 (1/1, 0/1)

Tiri Liberi: 8/10 – Rimbalzi: 11 9+2 (Molteni M., Pifferi 4) – Assist: 8 (Molteni M., Scuratti 2)

Arbitri:Notari,Cucco

I bianconeri reggono per metà gara, poi emerge la superiorità degli avversari. Rammarico non tanto per la sconfitta quanto per il risultato, con il gap che, senza qualche errore di troppo, sarebbe stato molto più contenuto.

“Abbiamo commesso qualche ingenuità e qualche errore di troppo: il risultato avrebbe potuto essere meno netto nei numeri, ma dobbiamo ammettere che il Cantù ha meritato di vincere. Noi avremmo potuto chiudere con un distacco dimezzato rispetto al ritardo di 17 lunghezze indicato dal tabellone al 40’, ma i due punti sono andati ai nostri avversari senza ombra di dubbio meritatamente”. Con la sportività e la “sincerità” che lo contraddistinguono, il Presidente dello Spezia Basket Club Tarros Danilo Caluri, al termine della gara che ha visto i bianconeri cedere al Cantù, fa subito i complimenti agli avversari: “Sono stati superiori a noi – ammette – il roster lombardo è un gruppo giovane ma già esperto e sono convinto che alcuni di questi ragazzi saranno presto protagonisti su ben altri parquet. Stasera a tratti abbiamo visto davvero un bel basket. Noi abbiamo provato a tenere testa ad un avversario di categoria superiore, purtroppo abbiamo commesso troppi errori e di fronte a squadre come il Cantù non te lo puoi concedere”. Sul banco degli imputati, in casa Tarros, sono soprattutto la fase difensiva ed i tiri liberi, come sottolinea coach Mori: “Abbiamo concesso troppo, seppure ad un avversario sulle cui doti non ci sono dubbi. Avremmo dovuto però commettere meno errori, sia in difesa, con tanti rimbalzi persi, sia al tiro, soprattutto dalla lunetta. Mi dispiace che non siamo riusciti a fare vedere i passi in avanti che io ho visto in questa intensa settimana di allenamenti. Ci tenevamo a fare una bella partita per dare continuità alla vittoria della scorsa settimana, eravamo consapevoli che sarebbe stato un match molto difficile, ma eravamo decisi e determinati a provarci. Purtroppo ci siamo riusciti solo in parte. Peccato, ma da domani guardiamo già avanti”.

In affetti nel primo quarto i padroni di casa hanno dato l’impressione di poter tenere testa al Cantù, rispondendo punto su punto e chiudendo sotto di sole tre lunghezze, dopo essere stati persino avanti sono a pochi secondi dal 10’. La seconda frazione si apre con l’allungo degli ospiti che si portano sino a +12, poi nella fase centrale del tempino gli spezzini trovano il break per rimettersi in carreggiata. Pronta è la replica del Cantù che rilancia sino al +14, ma ancora una volta la Tarros si fa trovare pronta e riesce ad andare alla pausa lunga avendo ridotto il ritardo a 10 punti. Lo svantaggio è già in doppia cifra, ma fin qui l’impressione è che i bianconeri possano rimanere agganciati al treno dei lombardi. Al ritorno sul parquet, però, gli ospiti cambiano marcia: in pochi minuti il vantaggio arriva a sfiorare i 20 punti e stavolta gli spezzini faticano, a trovare varchi, a trovare la via del canestro e ad interrompere la circolazione palla degli avversari che mostrano fluidità e facilità di gioco. Poco cambia nella frazione conclusiva, che non fa che stabilizzare il risultato: si chiude sul 63-80, con il rammarico non tanto per la sconfitta, di fronte ad una formazione che ha legittimato la vittoria, quanto per il risultato, che avrebbe sicuramente potuto essere ridimensionato nei numeri.

Ora, dopo due partite di fronte al proprio pubblico, la Tarros è attesa dalla trasferta sul parquet dell’Olimpo Basket Alba. Palla a due sabato 26 ottobre. Obiettivo: tornare alla vittoria.

 

LA CLASSIFICA

OLEGGIO MAGIC BASKET 6 3 3 0
TEAM ABC CANTÙ 6 3 3 0
ROSMINI DOMODOSSOLA 6 3 3 0
7 LAGHI GAZZADASCHIANNO 6 3 3 0
VALSESIA BASKET 4 3 2 1
BASKET FOLLO 4 3 2 1
AURORA DESIO 94 4 3 2 1
AMATORI BASKET SAVIGLIANO 2 3 1 2
SPORTIVA BOFFALORA 2 3 1 2
SPEZIA BASKET CLUB 2 3 1 2
DON BOSCO CROCETTA TORINO 0 3 0 3
BASKET TEAM 71 0 3 0 3
BASKET POOL 2000 LOANO 0 3 0 3
OLIMPO BASKET ALBA 0 3 0 3
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy