Lega DNC – Tutta la 5a Giornata, del Girone F

Lega DNC – Tutta la 5a Giornata, del Girone F

Commenta per primo!

Mola New Basket 2012 – Magic Team Benevento 81-69 (23-16, 24-16, 15-21, 19-16)

Mola New Basket 2012: Damasco 4 (1/2 da tre), Musci 9 (4/5, 0/1), Manchisi 17 (5/8, 2/7), Teofilo 17 (6/10, 1/7), De Bellis 8 (3/5, 0/3), Argento 6 (3/4, 0/1), Mazzotta 20 (3/6, 3/8) N.E.: Lonigro, Pavone, Palazzo

 

Tiri Liberi: 12/16 – Rimbalzi: 38 31+7 (De Bellis 11) – Assist: 21 (De Bellis 11)

Magic Team Benevento: Bastone 17 (7/12, 1/4), Kebede 3 (1/1 da tre), Mori 12 (5/15, 0/4), Fratini 11 (4/9, 1/4), Pepe 2 (1/2), Tredici 13 (2/6, 2/5), Malagoli 11 (4/6, 0/1) N.E.: Granata, Romano, Dell’Ermo

 

Tiri Liberi: 8/17 – Rimbalzi: 33 25+8 (Bastone 14) – Assist: 11 (Tredici 4)

La Geofarma ti mette (e si mette) le ali. Quinta vittoria consecutiva e primato solitario sulla cima di questo Girone F di DNC. Regolata anche la resistenza del temibile Magic Team Benevento: 81-69 al termine di un match molto bello,  vissuto di scatti in partenza, di recuperi pazienti e di riaccelerazioni letali quando la temperatura della palla a spicchi aveva raggiunto il suo picco. Se fosse stato un film prima delle 18 era una poltrona (o un canestro) per due, ora è Più in alto di tutti (1996). Tutti a guardare il roster di coach Lotesoriere dal basso verso l’alto, ed è la prima volta in questo triennio, un risultato importante coltivato con pazienza nel tempo e con le radici piantate con sapienza durante quest’estate. Il segreto adesso è essere consci di non aver fatto nulla di assoluto e immodificabile, restare ben piantati al suolo,  ricominciare come si fosse ancora tutti assieme ai nastri di partenza e lavorare tanto per essere pronti ad aggredire il parquet per le domeniche a venire. Essere forti e svelti nella testa prima che nelle mani. Spalti gremiti come non mai e prima dell’annuncio dei roster intervento del Sindaco DiPerna sulla tristissima vicenda legata alla discarica Martucci. Conoscere la verità è un diritto insopprimibile di tutti, è in ballo la nostra salute e quella futura dei nostri figli. Per questo rendez-vous da primato non si cambia, Alessandro Lotesoriere che in settimana ha avuto non pochi problemi dal’infermeria (splendido il lavoro di Jerry Del Medico e Domenico Aloia), porta alla palla a due i cinque attori delle precedenti quattro uscite: Musci, Manchisi, Teofilo, De Bellis e Mazzotta. Anche coach Sanfilippo si affida al suo quintetto collaudato,  Bastone, Mori, Fratini, Tredici e Malagoli. Smuovono le acque Teofilo e Bastone poi parte la prima fuga Geofarma con Manchisi e Mazzotta (9-2),  ricucita all’istante dai campani con Tredici e Fratini, i padroni di casa però sono più in palla e lanciati da una tripla del capitano ritrovano luce sulla prua campana, scortati da quattro in fila di Teofilo (21-14). De Bellis taglia a fette la difesa ospite e scarica su Musci che deposita a canestro per il 23-16 del primo parziale. Si ritorna sul parquet e c’è Argento per Teofilo frenato da una fastidiosa contrattura alla spalla. L’ex Trani è caldo e va subito a timbrare imboccato da altro assist telecomandato di De Bellis (11 passaggi decisivi e ben 11 rimbalzi, 8 punti e 24 di valutazione). E’ lo zenit molese sigillato da una tripla incredibile del solito cecchino Mazzotta (28-20) mentre lo spauracchio Malagoli viene neutralizzato da un Musci assai reattivo nel pitturato.  Entrano Damasco e Kedebe, e l’Under 20 di colore prima si fa apprezzare per un tripla dall’angolo poi si perde Mazzotta che lo fulmina in contropiede e  porta a casa pure fallo supplementare (37-25). Esce Malagoli con una caviglia in disordine e il Mola si fa arcigno  in difesa e riparte in contropiede. Finale di tempo con Manchisi e Damasco a colpire dalla linea dei 6,75 per il massimo vantaggio interno, 47-32. In principio di terza frazione torna a colpire Teofilo,  e nonostante un buon Mori per il Magic Team, c’è il massimo vantaggio New Basket refertato dalle bombe di Manchisi e Mazzotta (58-41); è in questo momento che si accende la spia della riserva e come da previsione il Magic Team, aiutato anche dal quinto fallo Geofarma quando mancano ancora 4 minuti allo spiare del terzo quarto, ricomincia a rosicchiare punti presa per mano da Mori, Fratini e Tredici. 62-53 al minuto 30. L’ultimo periodo è un condensato di emozioni: Benevento al massimo sforzo e in rimonta costante, Geofarma col fiato sul collo e meno lucida, sembra possa decidersi al fonotfinish. Mori in sospensione e risposta di Argento servito da Teofilo. E’ una tripla del lungo conversanese a spezzare il fiato agli ospiti (68-59) che però riprendono l’inseguimento a capo chino coi punti di Fratini, Tredici e Malagoli e preparano l’aggancio (68-65). La palla scotta e il ferro ricaccia indietro le conclusioni forzate di Mori e De Bellis, ma è ancora Mazzotta a trovare due punti di marmo dall’arco e con l’aiuto del tabellone. Benevento sfinito e vacillante:  il colpo del ko glielo assesta Manchisi in controfuga con un gioco da tre capitale a 2 minuti e 30 dallo scadere, 73-66.  La chiude il capitano in contropiede (abbonato ai 20 punti) e la slide del  match la regala Teofilo (17 punti 9 rimbalzi, 20 di valutazione)  che schiaccia e resta incollato al canestro mentre a bordo campo e sugli spalti gremiti è delirio Geofarma.  Pokerissimo e carte scoperte, gli altri tutti a inseguire, da ieri sera.

 

===============================================

Pall. Benevento – Nuova Pallacanestro Nardo’ 57-71

PALLACANESTRO BENEVENTO    57: Gagliardi n.e.,Norcino8,Ronconi1,Fabiano1,Kushchev5,Marti2,
De Martino14,Bruno,Parlato13,Tomasiello12.
Allenatore: Menduto Orlando

NUOVA PALLACANESTRO NARDO’   : Colella7,Malamov26,Ferilli G.2,Durante F.6,Ferilli D.,Greco n.e.,
Iacomelli n.e.,Durante G. n.e.,Ferrienti19,Chirico11.
Allenatore: Bray Tonino

ARBITRI: Rodia (Avellino), Larocca (Potenza)
PARZIALI: 20-18/32-33/48-54/57-71

Colpo dell’Andrea Pasca Nature Nardò gli uomini di coach Tonino Bray corsari sul parquet della Pallacanestro Benevento. I campani dopo il successo di Campli cercavano continuità tra le mura amiche contro una formazione quella granata che è riuscita a riscattere la sconfitta di Isernia. Gara importante e di sostanza sotto tutti i punti di vista dei ragazzi del patron Carlo Durante, privi al Pala Parente di Alessandro Manca, vittima in settimana di una distorsione alla caviglia. Due punti che risollevano il morale dei granata attesi ora al ritorno nel nuovo Pala Andrea Pasca.
Alla pala-due si presentano per il Benevento: Tomasiello, De Martino, Fabiano, Parlato e Kuschev. Coach Bray rivede il quintetto iniziale, schierando: Colella, Ferilli G., Malamov, Chirico e Ferrienti. Partenza lanciata dell’Andrea Pasca Nardò che con le realizzazioni di Francesco Ferrienti ed Andrea Malamov sblocca il tabellino della gara, 0-4 Nardò. La reazione dei padroni di casa è guidata dall’asse Tomasiello-Parlato, i due mettono a referto 16 punti, ma Nardò non sta a guardare i rimane in partita con gli 8 punti di Malamov, quest’ultima vera spina nel fianco della difesa dei padroni di casa. Le buone note arrivano anche da un Antonio Chirico ritrovato in doppia-doppia (11 punti e 10 rimbalzi). Nardò nel finale, sul 17-18, subisce un gioco da tre punti del play Tomasiello. Benevento torna in vantaggio 20-18, ma i granata sono sulla scia dei padroni di casa.
Secondo quarto, gli ospiti rientrano con gli stessi primi cinque: Colella, Ferilli G., Malamov, Chirico e Ferrienti. Ancora poca fortuna dai 6.75 per gli ospiti 0/5 nella seconda frazione. Ma sotto le plance i granata trovano la buona verve di un Ferrienti in gran serata. Michele Colella sblocca il proprio tabellino registrando un 2/3 dal campo. Coach Bray trova anche il buon apporto dalla panchina di Fabrizio Durante quest’ultimo entrato al posto di Chirico. Partita maiuscola quella di Fabrizio, che al 3/6 totale dal campo, porta 5 rimbalzi e 4 assist. Mentre dall’altra parte è De Martino a tenere in piedi i suoi. Totale equilibrio tra le due squadre, anche nel punteggio 32-32, ma sul finire di frazione Malamov subisce fallo e dalla lunetta del tiro libero fa 1/2. Andrea Pasca Nardò in vantaggio 32-33 al riposo lungo.

===============================================

Nuova Pol. C. Di Stabia – Campli Basket 62-65 (17-12, 20-12, 11-18, 14-14)

Nuova Pol. C. Di Stabia: Del Sorbo, Incarnato, Saggese, Errico 14 (4/10, 2/3), Orazzo 2 (1/1), Salvatore 12 (4/8, 0/3), Donnarumma 2 (1/1), Porfido 11 (1/3, 2/5), Somma 15 (2/5, 2/6), Marino 6 (3/6, 0/1)

 

Tiri Liberi: 12/19 – Rimbalzi: 39 26+13 (Marino 9) – Assist: 6 (Porfido, Somma 2)

Campli Basket: Montuori 11 (1/4, 3/5), Palantrani 7 (2/2, 1/6), Gaeta 21 (6/12, 1/4), Di Carlo, Diener 5 (2/8, 0/1), Negrini 2 (1/1), Petrucci 19 (6/10, 0/4), Serafini N.E.: Alleva, Stucchi

 

Tiri Liberi: 14/18 – Rimbalzi: 33 24+9 (Gaeta 13) – Assist: 6 (Montuori 2)

Questa volta il primo successo per la Nuova Polisportiva Stabia è mancato davvero per poco, ma continuando così non si dovrà aspettare più di tanto ancora. La squadra di Coach Festinese ha tenuto alle corde il forte Campli che ha dovuto penare non poco per avere ragione in questa piacevole partita. Nonostante la mancanza ancora del centro titolare Auriemma, La T&T Stabia si adegua con grande impegno e volontà, trovando un buon adattamento con Porfido come lungo atipico e la spinta di tutti i suoi esterni, tra cui i vari under Del Sorbo, Saggese, Incarnato, Donnarumma e Marino che hanno ancora ben figurato.
Dal canto suo Campli poteva vantare molti duelli a favore dal punto di vista fisico con Gaeta, Diener e Negrini. Ma sono soprattutto l’ex Giovanni Montuori e Petrucci a trovare la via del canestro in apertura di gara, dove le squadre ribattono a vicenda colpo su colpo. Per i gialloblù un buon Mattia Errico a spingere forte in transizione e cinico dalla distanza (2/3 da 3 pt.). Dopo il primo quarto di gioco terminato 17-21, lo Stabia trova uno dei suoi momenti migliori durante il secondo quarto, sospinto anche da Porfido e capitan Somma, e va al riposo in vantaggio 37-33.
Dopo l’intervallo Gaeta sale in cattedra per gli ospiti abruzzesi e suona la carica per i suoi con diverse giocate di pick and roll, arresto e tiro dalla media e rimbalzo offensivo, vera spina nel fianco per i padroni di casa nei momenti cruciali del match. Coach Castorina fa largo uso della zona 2-3 per limitare le scorribande della N.P. Stabia e, nonostante qualche attacco poco ordinato, i gialloblù rimangono incollati alla gara col parziale di 48-51 di fine terzo periodo. Dispiace segnalare, dopo comunque una condotta molto confusa degli arbitri per l’intero match, una escalation in negativo nell’ultimo quarto di gioco dove la squadra stabiese recrimina per parecchi fischi mancati. In ogni caso Stabia non trova maggiore lucidità in attacco e si aggrappa all’energia di Salvatore che imperversa in penetrazione e a rimbalzo d’attacco.
Il finale del match è concitato con molte fasi punto a punto: nell’ultimo minuto e mezzo a Castellammare mancano un evidente fallo antisportivo e un contatto non fischiato a centro campo entrambi ai danni di Alessandro Salvatore, con Campli che si mantiene sul più uno. La T&T, dopo il penultimo possesso offensivo di Campli che non realizza, conquista il rimbalzo in difesa con Marino, il quale subisce un’evidente spinta non sanzionata: col bonus a favore ci sarebbero stati due tiri liberi sacrosanti che avrebbero potuto decidere la partita. La N.P. Stabia ha comunque la palla per vincere a pochi secondi dal termine ma la spreca con Somma che sceglie di tirare da 3 punti invece di provare ad attaccare il canestro per andare sul più uno. Campli recupera palla, subisce fallo e beneficia di due tiri liberi a segno, con la sirena già suonata che sancisce il risultato finale sul 62-65.
Dispiaciuto ma con fiducia crescente Coach Festinese a fine gara, il quale sa bene che il prossimo impegno a Potenza domenica prossima potrebbe segnare un’importante svolta del campionato per i suoi ragazzi.

===============================================

JuveTrani – Il Globo Isernia 88-53 (26-22, 16-22, 26-10, 20-10)

JuveTrani: Di Salvia 7 (2/4, 1/3), Salamina 10 (2/2, 2/3), Accini 18 (6/8, 2/6), Liso 3 (1/2 da tre), Cupito 21 (8/9, 1/3), Mennuni 4 (1/2, 0/1), Ferrara 4 (2/2), Basile 15 (7/8, 0/1), Di Lauro 6 (3/4, 0/2) N.E.: Bergamin

 

Tiri Liberi: 5/13 – Rimbalzi: 27 18+9 (Basile 8) – Assist: 15 (Di Lauro 5)

Il Globo Isernia: Orfanelli 8 (2/2, 1/6), Facci 6 (3/4), Canzano 6 (1/2, 1/3), Maria Triggiani 8 (4/10, 0/2), Bisciotti, Di Luozzo, Melchiorre, Simeoli 19 (7/11, 0/1), Bracci 6 (3/7)

 

Tiri Liberi: 7/12 – Rimbalzi: 19 16+3 (Simeoli 7) – Assist: 4 (Simeoli 2)

 

===============================================

Virtus Pozzuoli – Timberwolves Potenza 82-59 (21-13, 25-13, 17-18, 19-11)

Virtus Pozzuoli: Orefice 14 (1/3, 3/5), Artiaco 5 (1/1, 1/2), Innocente 9 (1/3, 2/3), Caresta, Conte 3 (1/1 da tre), Luongo 12 (5/8), Aprea 5 (1/5, 1/5), Francesco Errico 23 (10/11, 1/2), Orsini Gravina 8 (1/5, 2/5), Longobardi 3 (1/1 da tre)

 

Tiri Liberi: 6/11 – Rimbalzi: 41 28+13 (Luongo 11) – Assist: 16 (Orefice 8)

Timberwolves Potenza: Cutolo, Lorusso 13 (3/11, 2/2), Pocchiari, Marchese 9 (3/8, 1/4), Leone, Ginefra 15 (2/5, 3/7), Ciardullo, Di Tullio 8 (1/2, 1/2), Mastroddi, Pace 14 (4/7)

 

Tiri Liberi: 12/19 – Rimbalzi: 19 16+3 (Pace 8) – Assist: 1 (Pace 1)

Si replica al Pala Errico dopo la Vittoria di domenica scorsa contr Juvetrani e si vince di nuovo anche contro la squadra di Potenza Timberwolves.

La partita inizia con una fase di studio della squadra avversaria e con un certo equilibrio in campo che comunque ci consente di chiudere il primo quarto con quattro lunghezze di vantaggio sugli avversari.

Nel secondo quarto il ritmo di gioco aumenta e la squadra di potenza riesce a recuperare qualche punto e a portarsi, dopo i cinque minuti di gioco, in vantaggio di un punto; i padroni di casa non ci stanno e iniziano a serrare i ranghi e a riprendere la tesata dell’incontro sino ad un +16 alla sirena finale

Il terzo quarto non vede particolari stravolgimenti di punteggio e l’incontro continua con un certo equilibrio e costanza di canestri da ambo i lati ed un parziale favorevole ai viaggianti di 17 a 18.

L’ultimo quarto è di crisi per la squadra di Potenza che non riesce più ad esprimere il proprio gioco e i ragazzi della Virtus ne approfittano per allungare il distacco che al termine dell’incontro è di 23 punti.

LA CLASSIFICA

TEAM PUNTI G V P
MOLA NEW BASKET 2012 10 5 5 0
MAGIC TEAM BENEVENTO 8 5 4 1
CAMPLI BASKET 6 5 3 2
PALL. BENEVENTO 6 5 3 2
VIRTUS POZZUOLI 6 5 3 2
IL GLOBO ISERNIA 6 5 3 2
JUVETRANI 4 5 2 3
NUOVA PALLACANESTRO NARDO’ 4 5 2 3
TIMBERWOLVES POTENZA 0 5 0 5
NUOVA POL. C. DI STABIA 0 5 0 5
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy