Memorial Ranieri: La Nazionale Master e le memorie anni 80

Memorial Ranieri: La Nazionale Master e le memorie anni 80

Sarà una giornata all’insegna del ricordo che vedrà la sua conclusione in una gara “tutto cuore” giocata tra la Rappresentativa del Golfo ed una selezione della Nazionale Italiana Master. Coach Domenico Biello, uno dei promotori della manifestazione, ci racconta Gigi Ranieri atleta ed il suo momento storico. Domenico Biello del COMITATO GIGI RANIERI assieme a Don Elio, Pino D’Amici, Nicola Santoro, Gianni Colavolpe, Pino Sardelli, Alberto Camerota, Armando Scalzone, Antonio Di Lella, Felice Costanti, Filippo Corrente e con l’importante contributo del grande giornalista Mario Arceri, sta ultimando i preparativi per la giornata dedicata al MEMORIAL LUIGI RANIERI nel decennale della scomparsa dell’atleta che ha vissuto la sua vita cestistica principalmente tra le piazze di Scauri e Trapani

(La formazione 1982-1983 della Pallacanestro Trapani con Luigi Ranieri in maglia numero 4, 642 punti realizzati nella Regular Season – fonte foto pallacanestrotrapani.wordpress.com)

  Mimmo oggi è la mia memoria storica di una pallacanestro che, ahimè, non c’è più. Mi faccio raccontare qualcosa di quegli anni d’oro. La presenza della Nazionale Master durante questa giornata di festeggiamenti, ci obbliga a fare un passo indietro e di approfondire il momento storico, Nazionale ed Internazionale, nel quale si colloca la figura di “Gigi”. Cosa succedeva nella pallacanestro Italiana mentre il giovane Luigi Ranieri giocava tra le Minors del Lazio e la bella Trapani? “A livello nazionale il basket aveva una visibilità mai avuta prima di allora. Eravamo reduci da una medaglia d’argento alle Olimpiadi di Mosca del 1980 con Sandro Gamba e soprattutto dall’oro di Nantes agli Europei. Siamo nel 1983 per cui il movimento del basket viveva, in quel momento storico particolare, il suo massimo splendore. Naturalmente dal panorama Internazionale e Nazionale anche nelle minors c’era questo riverbero. La pallacanestro aveva un ottimo livello di Serie C che era un campionato molto qualificato. La B era una Serie B unica per cui esprimeva dei livelli molto alti. La A1 e A2 era di livello assoluto con tutti italiani e solo due stranieri, per cui diciamo che il movimento nazionale da un punto di vista tecnico, aveva sia con i giocatori che con i tecnici e con le Società una spinta propulsiva molto significativa sia nell’aggregazione che nel gioco. Giocatori come Luigi Ranieri venivamo molto valorizzati. Si potrà obiettare che si giocava  una pallacanestro più lenta, però era una pallacanestro che veniva giocata tecnicamente molto bene: gli allenatori curavano molto i fondamentali, non si era legati in maniera molto rigida agli schemi o comunque a certi prototipi che “incastravano” ad un certo modo di giocare. La qualità di gioco era molto ben espressa e tutto questo percorso si divulgava nelle minors, in tutte quelle piazze che anelavano ad una crescita, come appunto Trapani che con Gigi raggiunse tra il 1981 ed il 1983 due promozioni consecutive dalla C2 alla B, Scauri e Cassino. Io ebbi l’onore di allenare Ranieri a Cassino prima ed a Scauri poi per un totale di 5 anni. Il ricordo di quella pallacanestro, dei campionati di Serie B e di Serie C è indelebile. La memoria storica negli appassionati e negli addetti ai lavori rimane, così come rimangono immortali questi giocatori dal talento naturale che si esprimevano in questo clima particolare così come appunto fu Luigi” Sabato sera 30 maggio – ore 19.30 – presso il “PalaBorrelli” di Scauri, in riva al mare, scenderà in campo la Nazionale Italiana Master pronta a misurarsi con la Rappresentativa del Golfo. Per la Nazionale presenzieranno: Corvino Valerio, Sbarra Stefano, Donati Francesco, Reali Aldo, Delli Carri Luigi, Romano Pino, Corvo Pino, Feliceangeli Roberto, Esposito Riccardo, Tavelli Paolo, Tortolini Roberto e Venturi Maurizio  

Alcuni Azzurroni della Nazionale Basket Master. Fonte Foto http://www.fimbaitalia.com

  La rappresentativa del Golfo sarà composta da: D’Acunto Francesco, De Lise Francesco, Giannini Renato, Camerota Igino, Camerota Michele, Celenza Saverio, Elio Scotto, Violo Francesco, Lilliu Antonello, Colarullo Giorgio, Parasmo Tommaso, Gallo Massimiliano, Sasso Massimiliano, Longobardi Andrea, Pontecorvo Francesco, Pontecorvo Vincenzo, Riscolo Antonio e Di Marzo Orlando. Gigi avrebbe voluto festeggiare così. Nel suo Palazzetto dello sport di Scauri, che in questi giorni è in grande festa per la possibile promozione in Serie B, campeggia una grande foto di Luigi Ranieri in maglia gratana, donata dagli amici e tifosi della Pallacanestro Trapani. Il suo ricordo è ancora vivo tra queste mura ed in questa piccola città affacciata sul Tirreno: ma la sua breve esistenza ha lasciato il segno anche in posti lontani che hanno conosciuto l’uomo, l’atleta di una pallacanestro di altri tempi.  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy