Qui Rimini, ecco Lollo Panzini e Ricky Romano: “Vogliamo trascinare un gruppo ambizioso”

Qui Rimini, ecco Lollo Panzini e Ricky Romano: “Vogliamo trascinare un gruppo ambizioso”

Commenta per primo!

Il GM Matteo Peppucci presenta oggi alla stampa gli due ultimi acquisti di NTS CRABS.

Dopo il benvenuto a nome della società e della città da parte del Vicepresidente, che sottolinea l’importanza di quel “1947” che c’è sotto al granchio, a dimostrazione di come Rimini la sappia lunga sulla pallacanestro e quanto voglia tornare ai livelli che ci competono, l’Avv.to Maresi precisa come Riccardo e Lorenzo sono sicuramente le persone giuste che si inseriscono in questo progetto ed il campo non potrà che dimostrare le loro indubbie qualità.

Lorenzo Panzini, 25 anni 1,88 playmaker. Esce dalle giovanili della Stamura Ancona ed approda a Rimini nel 2007. Si mette subito in mostra ottenendo la panchina della A2 prima di iniziare un Tour italiano che in sette stagioni lo vede nelle migliori formazioni. Ritorna dopo otto anni con in tasca tre promozioni nei campionati di B e la promozione di Siena in A2.
Non gli è stato difficile chiudere la trattativa  per il particolare interesse al progetto proposto da NTS CRABS, consapevole che giocheremo il girone più difficile con avversarie molto forti che ha già incontrato lo scorso anno.
Il mio obiettivo è trascinare il gruppo, il mio ruolo naturale è quello di playmaker, ma abituato anche a giocare guardia. Amo far giocare la squadra e cercare il passaggio verso chi è più preciso al tiro. Il mio lato negativo è il rischio di “andare sopra le righe” e perdermi nei momenti critici, per troppo agonismo, però i miei campionati migliori li ho disputati nei playoff, dove la grande opportunità di giocarli ha sempre avuto un effetto leva molto positivo.

Riccardo Romano, 31 anni 1,93 guardia. Cresce nelle giovanili di Montecatini  dov’è chiamato spesso in prima squadra, con la quale ottiene la promozione in A2. Anche lui ha girato in lungo ed in largo l’Italia schierato in formazioni di rilevo, come Palestrina (3 anni) ed Anagni (2 anni) ottenendo cinque promozioni, compresa quella in A2 con Agropoli, nella scorsa stagione, con la quale ha disputato anche la Coppa Italia, unica sua presenza qui a Rimini prima d’ora.
Anche per lui la scelta di Rimini è stata facile in ragione del progetto che intende valorizzare il settore giovanile. È un‘ala pura, tiratore dalla lunga distanza e contropiedista, grazie al suo fisico robusto ed alla sua duttilità può coprire più ruoli e giocare anche da 4 tattico.

Dal punto di vista del campionato penso che si dovrà prima pensare alla salvezza e solo dopo vedere dove puntare, prendendo tutto ciò che verrà in più, mettendoci faccia tosta e sostenendo i più giovani. Sarà un crescendo nel corso della stagione. Considerato il livello del torneo e il nostro piano pluriennale, non siamo indicati come quelli che vinceranno il campionato, ma sapremo farci valere, se le indicazioni sono giuste ritengo che ci sarà un folto gruppo di squadre a pari livello tra la 6a e la 11a piazza, e lì ce la giocheremo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy