Serie B. Al via i Play Off: per Pescara c’e’ Catanzaro

Serie B. Al via i Play Off: per Pescara c’e’ Catanzaro

Commenta per primo!

Ci siamo. Per il terzo anno consecutivo (su quattro campionati di serie B), l’Amatori Pescara del Presidente D’Onofrio ha centrato il traguardo dei playoff classificandosi al quarto posto, cioè prima tra le squadre “normali” alle spalle delle tre “corazzate” Agropoli, Bisceglie e Palermo. Merito questa volta di coach Giorgio Salvemini e del suo gruppo di chiara connotazione locale e giovanile, cha ha saputo massimizzare le potenzialità di singoli e squadra.

Il quarto posto assegna ai pescaresi al primo turno la quinta classificata, con il diritto di disputare l’eventuale gara tre in casa. E la quinta classificata è la SFY Planet Basket Catanzaro, formazione per molti aspetti speculare all’Amatori, a partire dalla “filosofia” societaria, imperniata sulla valorizzazione del vivaio e dei giovani locali.

La serie si presenta quanto mai interessante ed equilibrata. Catanzaro, allenata da coach Fabrizio Tunno, ha disputato un grande girone di ritorno in cui ha risalito parecchie posizioni in classifica e superato squadre più esperte e blasonate, con una crescita costante di tutti i suoi elementi e dell’organizzazione di squadra.

Grande attesa quindi per la sfida di domenica e per la serie che si presenta incertissima, anche in virtù delle statistiche della regular season.

Queste le cifre medie a confronto:

Pescara segna 72.8 punti a partita tirando col 46% da due, 34% da tre e 71% ai liberi. Ne subisce 69.3, cattura 30.3 rimbalzi (9.5 in attacco), perde 11.4 palle e ne recupera 6.2 con 10.8 assist a gara.

Catanzaro segna 74.9 punti tirando col 50% da due, 29% da tre e 66% ai liberi. Ne subisce 68.6, cattura 34.5 rimbalzi (10.3 in attacco), perde 14.8 palle e ne recupera 8.1 con 9.8 assist a gara.

Pescara ha vinto una partita in più (17 contro 16), gli scontri diretti sono stati uno per parte violando i rispettivi campi con un solo punto nella differenza canestri totale a favore Amatori.

Equilibrio anche nei duelli singoli che promettono scintille: Rajola/Scuderi, Pepe/Carpanzano, De Martino/Battaglia, Di Donato (sperando di recuperarlo)/FallPolonara/Sereni con i giovani Timperi, Bini, Di Fonzo e Di Carmine da una parte e Morici e Ippolito dall’altra pronti a scattare dalla panchina.

Coach Salvemini spera di recuperare Di Donato, fermo da tre settimane per un problema al ginocchio, così come Alessio Di Carmine a causa di una brutta e recidiva scavigliatura; l’impego di entrambi sarà deciso solo nella mattinata di domenica e sarebbe un vero peccato se dovessero dare forfait.

L’allenatore pescarese ha “grande considerazione dei calabresi per il buon collettivo, e l’ottima organizzazione sia offensiva che soprattutto difensiva. Catanzaro è una squadra giovane e tosta, che ha disputato un grande girone di ritorno ed è in grande forma. Noi fisicamente non siamo al meglio, con le ultime tre settimane in cui ci siamo allenati a ranghi ridotti per qualche infortunio. La nostra prima preoccupazione quindi è di recuperare gli acciaccati per poter giocare al meglio la nostra pallacanestro e confermare i valori che ci hanno contraddistinto per tutta la stagione regolare”

Insomma sarà una sfida tutta da vedere, equilibrata e spettacolare, tra due squadre che hanno disputato un campionato al di sopra delle aspettative conquistando, con pieno merito, posizioni di fascia alta.

Appuntamento quindi per gara 1 al Palaelettra di Pescara domenica 26 aprile alle 18 con palla alzata dagli arbitri Bernardi di Venafro e Guarino di Campobasso.

Gara 2 si giocherà giovedì 30 aprile alle 20.30 al Palapulerà di Catanzaro mentre l’eventuale gara 3 domenica 3 maggio al Palaelettra alle 18. La vincente della serie incontrerà la vincente dell’accoppiamento tra Agropoli e Martinafranca. Completano la griglia dei quarti Bisceglie-Maddaloni e Palermo-Monteroni, con le vincenti che si sfideranno in semifinale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy