Serie B: Aquila Palermo. Rappa: “Pronti ad acquisire un titolo di A/2”

Serie B: Aquila Palermo. Rappa: “Pronti ad acquisire un titolo di A/2”

Commenta per primo!

Palermo –  L’Aquila insegue ancora il sogno della A2 e spera di poter rilevare un titolo sportivo per la salita tra i cadetti, ormai l’ultimo ostacolo per poter chiudere il cerchio. Anche lo scoglio legato al Palamangano, come spiega il presidente Salvo Rappa a LiveSicilia Sport, è stato superato: “L’assessore Lapiana ci ha ricevuto nel migliore dei modi, riservandoci l’attenzione che chiedevamo. Abbiamo affrontato tutti gli argomenti portati al tavolo, in un clima disteso e collaborativo. Tra questi, anche quelli legati all’utilizzo dell’impianto, con situazioni tecniche come l’aumento della capienza a mille posti e l’uso dei ledwall da disporre a bordo campo”. Ottimismo, dunque, per la questione palazzetto. Un problema che sembrava insormontabile e che invece ha trovato un punto d’incontro tra le due parti: “È stato un incontro positivo, quello che ci aspettavamo. Noi stiamo cercando di portare avanti un progetto d’immagine diverso rispetto a quelli precedenti, siamo decisamente soddisfatti”. In primis risolto il problema del PalaMangano e della capienza minima di mille posti per il primo anno di una eventuale A/2″ e c’è anche l’ok per la divisione delle ore giornaliere messe a disposizione alle varie società: “Si riparte sostanzialmente dalla disponibilità oraria dello scorso anno. Il Comune, per sua politica, non può e non intende cacciar fuori altre società di campionati minori, com’è giusto che sia. Anche perché queste società non avrebbero dove andare a giocare. Si potrebbe parlare di riduzione a favore di altri, ma bisognerà rimandare l’eventuale discussione quando sarà chiaro in quale campionato si giocherà”. Una scelta fatta per il bene di tutti, senza dimenticare chi ha giustamente diritto ad allenarsi in quello che è l’unico vero impianto cittadino a norma: “La disponibilità è comunque tanta, non solo dell’assessore e del Comune, per trovare una quadra in una situazione assolutamente non facile”. Una corsa non certo semplice, anche se da oggi si può pensare solamente a questo, avendo risolto la grana impiantistica: “Fino a due giorni fa avrei risposto in un modo diverso, ma oggi posso dire che tutto dipende dall’ acquisizione di un eventuale titolo sportivo. Tutto da oggi è dedicato a questo fattore e abbiamo dato maggiore impulso alla trattativa. I tempi sono stretti e la variabile non può che essere negativa”. Pochi giorni di tempo per poter convincere Barcellona e il patron Immacolato Bonina ad uno scambio di titoli, che porterebbe l’Igea in B e l’Aquila in A2: “Tutti quanti sanno ormai che si tratta di Barcellona, per detta stessa del presidente Bonina. Ad una situazione contabile complicata, però, deve aggiungersi anche una confusione nel poter individuare il referente giusto per la trattativa finale. In questo momento è cambiato lo scenario: c’è la disponibilità, ora si lavora sul titolo”.

Quindi il progetto Aquila non subirà alcun ridimensionamento, come paventato dallo stesso Rappa nel caso in cui non si fosse risolto al meglio il nodo palazzetto. Anche in B, dunque, Palermo potrà lottare sul campo per ottenere il salto di categoria: “Quel che posso garantire è che, anche ripartendo dalla Serie B, metteremo in piedi una squadra per superare la finale. Il mio gm sta lavorando alacremente e le trattative che sta seguendo sono da leccarsi i baffi”. Un’Aquila che vuole volare verso la A2, sul campo o fuori, con aiuti concreti per potersi imporre anche nella serie maggiore: “Gli sponsor, oltre a quelli che già abbiamo, stanno aumentando. Noi in verità vorremmo più sponsor e non solo uno, perché magari un singolo sponsor principale potrebbe toglierci le castagne dal fuoco, ma qualora volesse abbandonare il progetto si rischia di implodere. Ci sono trattative intavolate con sponsor nazionali, che però sarebbero interessate a Palermo solo in caso di A2. Sono trattative in fase avanzata, ma per chiudere serve davvero quel titolo”.
Il futuro dell’Aquila Palermo è sempre più roseo.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy