Serie B- Bolzonella guida la Robur, Cus Torino battuto

Serie B- Bolzonella guida la Robur, Cus Torino battuto

Commenta per primo!

Per tutto il primo tempo il CUS dà l’impressione di avere la pancia piena per la salvezza raggiunta con ampio anticipo e di credere poco all’eventualità di agganciare ancora il treno playoff. Palle perse in serie, tanti, troppi canestri facili concessi alla Robur, poca testa e tante difficoltà nel trovare il filo del discorso. Poi dopo l’intervallo i biancoblù si fanno più concreti, rimontano tutto lo svantaggio accumulato, tornando anche a -1, trascinati dalle triple di Maino, ma non hanno il guizzo per ribaltare del tutto la faccenda e nei minuti finali si devono inchinare alle giocate di un superlativo Tourè, autore di almeno 3 canestri da applausi a scena aperta.

La partenza dei torinesi non è poi così male (0-5), ma, dopo 5’ di assestamento, è la Robur a fare la partita: Matteucci colpisce da fuori e da sotto e il break complessivo è di 7-0, con il tabellone del Campus che segna 14-9. Gli ospiti fanno una gran fatica a contenere nell’uno-contro-uno e si vengono pescati in più di un’occasione fuori equilibrio: Matteucci firma una coppia di liberi, quindi serve un delizioso assist schiacciato in area per Piccoli, a cui non resta che appoggiare a canestro: 23-15 al 10’. In avvio di secondo quarto i gli arbitri mettono in fila alcune decisioni al limite del comprensibile, che scontentano gli uni e gli altri: sono le avvisaglie di una direzione sfortunata che penalizza entrambe le squadre, e la partita, con fischi talmente assurdi che sembrano arrivare quasi a casaccio.
Il CUS dal canto suo continua a farsi del male da solo. Tre perse dal palleggio di Alberti in altrettante azioni di attacco aprono il contropiede varesino: Bolzonella mette insieme un gioco da tre punti, Matteucci, sull’ennesima persa del CUS, è da solo sotto la tabella ospite per il più semplice dei canestri, infine Innocenti la imbuca dalla lunga distanza: 34-19. Maino sbaglia due liberi, una rarità, Bolzonella no, e la Robur si tiene sul +15: 38-23.

Dopo aver incassato 4 contropiede uno-contro-zero nei primi 17’, di colpo la difesa del CUS entra in sintonia con la gara e a beneficarne è pure l’attacco: doppia conclusione dall’arco di Maino, ripartenza rapida per Tuci che la infila dall’angolo, Murta ne sigla due e all’intervallo Torino torna in corsa: 42-35. La ripresa si apre con una persa di Murta e uno sfondamento da fermo di Magrini, la Robur mette sul tavolo tre di Matteucci (39-49), a cui replica Pavone da sotto, finalizzando tre ottime giocate di squadra: 49-41. Lo schieramento biancoblù concede pochi spazi, Magrini ha un lampo da lontano: 49-44. Segue una decisione che condensa tutte le difficoltà arbitrali di giornata: lunga azione di Varese, palla dentro per Matteucci, il direttore di gara sotto canestro fischia i 3”, il collega, in evidente ritardo, un fallo sull’ala varesina. Prevale, non si sa bene sulla base di cosa, la seconda volontà e Matteucci va a bersaglio dalla linea. Dopo un canestro in penetrazione allo scadere dei 24”, Martino Rovera si vede sanzionare un antisportivo che dire eccessivo è poco. Magrini segna i liberi, poi sul recupero Sabbadini colpisce da tre dall’angolo e quindi chiude lo sprazzo cussino con due tiri dalla lunetta: 56-50 al 28’.
Rimbalzo offensivo di Pavone, palla a Maino, chirurgico dall’arco: 58-54. Varese sembra ora in balia dell’avversario, ma Alberti fa un gentile regalo commettendo un ingenuissimo fallo a mezzora in pratica scaduta: il 2/2 di Matteucci fissa il punteggio sul 60-54. Torino si riavvicina con Magrini, lesto a sparare dentro un siluro dopo un recupero in mezzo all’area di Pavone: 62-59 al 32’. Senza trovare mai gioco in velocità, il CUS è costretto ad attaccare sempre a difesa schierata, trova comunque margini per i suoi tiratori: altri 3 di Maino, 3 di Murta e con 6’ da giocare la partita rimane apertissima: 66-65. Per tornare padrona del match la Robur si rimette nelle mani di Bolzonella – fondamentale gioco da 4 punti – e soprattutto di Tourè, autore di un personale 7-0, impreziosito da un triplazza di tabella sparata in faccia al difensore cussino: 76-65 a poco meno di 3’ dal termine. Un antisportivo, pure questo piuttosto fiscale, a Matteucci e il quinto personale di Bolzonella, danno a Sabbadini 4 opportunità a gioco fermo: 4/4, 76-71. Innocenti, dall’angolo, sigla i tre punti che sembrano dare alla Robur l’allungo risolutivo. Maino non ci sta e, a 1’ esatto dalla fine, manco a dirlo da oltre i 6e75, riporta il CUS a -5: 79-74.

Per vincere la Robur va ancora da Tourè: isolamento e giocata strepitosa che vale l’81-74. A 15” dalla fine Maino corona una prestazione maiuscola con la bomba (la sesta dell’incontro) del 81-78. Ci pensa ancora Tourè a chiudere, stavolta tutto e in maniera definitiva, con un libero.

ROBUR VARESE-CUS TORINO 82-78 Parziali: 23-15, 42-35, 60-54

VARESE: Moalli 1, Bolzonella 18, Piccoli 2, Santambrogio 5, Innocenti 6, Castelletta 6, Rovera M. 10, Matteucci 20, Tourè 14, Lenotti n.e. All. Passera.
CUS TORINO: Magrini 13, Murta 7, Alberti, Russano 5, Sabbadini 14, Quaranta n.e., Tuci 6, Pavone 11, Maino 22, Bottiglieri. All. Arioli.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy