Serie B- Cade a Matera l’imbattibilità di Bisceglie

Serie B- Cade a Matera l’imbattibilità di Bisceglie

La compagine nerazzurra ha ceduto piuttosto nettamente a un Matera in serata di grazia, soprattutto nel tiro da tre punti: il 48% dal perimetro del team allenato da Roberto Miriello e i 98 punti realizzati costituiscono la chiave di volta del confronto.

Commenta per primo!

Matera-Lions Bisceglie 98-83

Matera:Grande 16 (1-3, 4-8), Zampolli 23 (8-9, 1-3), Laudoni 3 (1-5, 0-1), Lestini 23 (2-4, 6-11), Crotta 2 (1-4), Cantagalli 25 (1-3, 6-12),Ravazzini 4 (2-3),Loperfido 2 (1-2), Stano. N.e.: De Palo. Allenatore: Roberto Miriello.
Lions Bisceglie: Cucco 13 (3-3, 1-5), Bruno 3 (0-1, 1-6), Potì 25 (9-16, 1-6), Leggio 8 (1-3, 2-6), Antonelli 14 (4-10, 0-1), Chiriatti 3 (0-2, 1-1), Di Emidio 9 (0-5, 3-4), Bartolozzi 8 (4-6). N.e.: Comollo, Totagiancaspro. Allenatore: Domenico Sorgentone.
Arbitri: Borrelli di Cercola, Napolitano di Acerra.
Parziali:11-15; 41-32; 71-54.
Note: usciti per cinque falli. Fallo tecnico: Di Emidio (13°). Tiri da due: Matera 17-33, Lions Bisceglie 21-46. Tiri da tre: Matera 17-35, Lions Bisceglie 8-29. Tiri liberi: Matera 13-15, Lions Bisceglie 17-21. Rimbalzi: Matera 37 (33+4, Zampolli 9), Lions Bisceglie 46 (31+15, Potì 10). Assists: Matera 21 (Zampolli 7), Lions Bisceglie 16 (Potì 5).

È caduta al PalaSassi l’imbattibilità in campionato dei Lions. La compagine nerazzurra ha ceduto piuttosto nettamente a un Matera in serata di grazia, soprattutto nel tiro da tre punti: il 48% dal perimetro del team allenato da Roberto Miriello e i 98 punti realizzati costituiscono la chiave di volta del confronto. Per la prima volta Bisceglie ha mostrato il suo volto peggiore in difesa, incassando 98 punti: un’enormità, per la capolista del girone D, che nelle sette gare precedenti ne aveva concessi 38 di media in meno alle avversarie.

Consapevoli di dover tenere testa al miglior attacco del torneo i ragazzi guidati da Domenico Sorgentone hanno approcciato bene la gara, chiudendo la prima frazione in vantaggio di quattro lunghezze, con la giusta intensità e l’attenzione necessaria a proteggere il canestro. Nel secondo periodo i lucani si sono scatenati, andando ripetutamente a segno da oltre i 6,75. Le triple di Grande, Cantagalli, Lestini e ancora Cantagalli hanno scavato un solco nel quale i biancazzurri di casa hanno saputo muoversi, approfittando dell’incapacità degli ospiti di ricucire.

Grande, dalla lunga distanza, ha dato a Matera il primo vantaggio in doppia cifra del confronto in apertura di terzo quarto (46-34), supportato da Federico Lestini che ha siglato il +15. I Lions sono risaliti sul -8 con un gioco da tre punti di Alessandro Potì (53-45 al 26°) ma i canestri di Lestini e Zampolli e un’altra tripla di Cantagalli li hanno ricacciati nuovamente indietro. Un altro colpo di reni nerazzurro è valso il -9 (66-54) cui però i materani hanno replicato con un 7-0 portandosi sul +17 a dieci minuti dal termine della sfida.

Bisceglie ci ha provato ancora, con un parziale di 9-0 cui non ha saputo dare ulteriore vigore, complici le troppe palle perse. Una tripla di Edoardo Di Emidio è valsa il -8 (74-66) ma questa volta la difesa, piuttosto che marchio di fabbrica, è stato il tallone d’Achille dei Lions, puniti da Zampolli, Cantagalli e Lestini le cui percentuali nel tiro pesante hanno sfiorato la perfezione nei momenti topici della partita. Matera ha tirato da tre con 10-16 fra terzo e quarto parziale: a prescindere dalle indiscutibili capacità dei contendenti e della loro prestazione particolarmente positiva, il basso livello della prova difensiva nerazzurra ha inciso notevolmente sul risultato. Ripartire di slancio facendo tesoro del significato di questa battuta d’arresto è ciò di cui l’ambiente ha adesso bisogno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy