Serie B. Cento, la stagione della Tramec può ripartire da Piombino

Serie B. Cento, la stagione della Tramec può ripartire da Piombino

Commenta per primo!

È un assaggio di futuro, ipotetici play-off, la sfida di questa sera (ore 18 arbitreranno Battista di Firenze e Venturi di Siena) a Piombino per la Tramec del corso targato Giordani.

Biancorossi che si troveranno di fronte il miglior attacco del campionato (79,8 punti di media realizzati) grazie alla performance dei tre tenori Mattia Bonucci (155 punti realizzati), Salvatore Genovese (150 punti) e Mario Gigena (148 punti), in pratica 453 punti dei 718  (pari al 63% del fatturato offensivo dei livornesi) passa dalle mani e dalla mira di questi tre tenori.È indubbio che se per Gigena e Venucci giocatori da accoppiare difensivamente sui due frombolieri di casa Cento può ruotare in abbondanza, su Salvatore Genovese potrebbe esserci una staffetta stile Mazzola – Rivera anni 70, con Davide Andreaus e Lorenzo D`Alessandro come guardiani sul numero tre di casa. Ed il classe ’96 e` pronto  ad incrociare i guantoni con l ex Fortitudo e Montichiari :«Il coach mi ha dato delle dritte su come marcare Genovese- ci dice Lollo  – so che devo fare attenzione alle giocate che fa con il suo play, sono pronto per provare a limitare il suo apporto.Non lo devo fare entrare in ritmo, aiutare i miei compagni ed in attacco provare a metterlo in difficoltà».

L esterno di scuola Trento  sa che la tappa di Piombino può cambiare il volto alla stagione dellla Tramec «Le squadre toscane soprattutto in casa sono molto grintose oltre ad avere anche giocatori di qualità`- noi continua D`Alessandro abbiamo capito la lezione di San Miniato, se occorre siamo pronti alla battaglia».Da cambio di Infanti ad ala piccola titolare, Lorenzo è tranquillo e deciso: « Sono consapevole di far parte di una buonissima squadra- ci dice l ala- i più esperti mi danno consigli, il coach mi stimola di continuo io provo a metterlo in difficoltà con le mie prestazioni, per me è uno stimolo il sapere di essere importante per tutti i miei compagni e queste occasioni mi fanno crescere».Umiltà e voglia di migliorarsi con minutaggio sempre più ampi: D`Alessandro ha «Carpe diem» colto l’attimo, pensa al bene della squadra e da che Piombino potrebbe essere lo spartiacque di questo balbettante inizio di stagione: « Vincere a Piombino ci darebbe tanta autostima e sarebbe un regalo fantastico per tutto l ambiente, compresi i nostri tifosi.Il nuovo coach ha tanto entusiasmo- continua Lorenzo- vincere domenica sarebbe oltre che un risultato importante contro una diretta concorrente, potrebbe essere il trampolino di lancio verso una serie di risultati positivi».

Se D Alessandro avesse problemi nel marcare Genovese, Davide Andreaus potrebbe aiutarlo.Ecco il pensiero dell’ ala patavina su questa trasferta insidiosa: « Partita assai complicata contro un avversario che ha numeri offensivi molto importanti, noi andiamo lì per imporre il nostro gioco.Non sarà facile ma abbiamo studiato bene i nostri avversari».Tramec reduce dal successo con Oleggio che ha ridato serenità a tutto l ambiente « Dobbiamo ancora migliorare in tutte le parti del campo –  conferma l ala biancorossa- sappiamo che loro puntano su questi 3 giocatori, Genovese è un tiratore di stricia, sta a noi disattivarlo e fargli fare fatica a far canestro.Siamo in emergenza ma ci adattiamo a qualsiasi situazione possa avvenire, vogliamo con tutto il rispetto di Piombino, tornare a casa con i due punti».Tramec che non sarà sola, a Piombino circa un centinaio di tifosi al seguito « Li dobbiamo far felici per cui abbiamo un solo obbiettivo domenica – ci confida Andreaus- parole che mettono in risalto la voglia matta della Benedetto di non perdere più tempo e punti in classifica.

SOLBAT PIOMBINO: 79,8 punti realizzati, miglior attacco del girone ad onta di una difesa stile Zeman e non certamente una Maginot impenetrabile (76,6 punti subiti).Insomma basket champagne perché i livornesi mettono sulla bilancia Matteo Venucci un giocatore da 17,2 punti a gara ,6,6 falli subiti (leader in questa statistica) ed anche in possesso della valutazione generale più alta del girone davanti al biancorosso Benfatto.Il vero pericolo viene da Salvatore Genovese (16,8 punti di media, 52% tiri da 3 punti leader della classifica di specialità) che gioca nel ruolo in cui Cento come chimica di squadra , ovvero ala piccola (è alto 198 cm l esterno di Padovano) è orfana, tiratore micidiale ma che può faticare dietro.Il terzia tenore è l evergreen Mario Gigena (16,4 punti + 47 rimbalzi) espertissimo atleta che invecchiando ha migliorato molte sue cifre.I tre suddetti giocatori per numero di gare giocare sono al 4°,7° e 9° nella classifica marcatori, mentre se analizziamo i punti realizzati occupano i primi tre posti del podio.Piombino non è solo questo fantastico trio: Alessio Iardella ed Edoardo Persico completano il quintetto, dalla panchina escono Marco Franceschini, Camillo Bianchi, Giacomo Guarrieri , tre lottatori ed umili soldatini al servizio di quel tridente che vuole portare Piombino sempre più in alto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy