Serie B – Dentro o fuori con Valmontone: l’Amatori chiama, Pescara risponde

Serie B – Dentro o fuori con Valmontone: l’Amatori chiama, Pescara risponde

Amatori Pescara e Virtus Valmontone si giocano tutto in Gara3 dei quarti di finale. L’Amatori non può sbagliare la seconda sfida in casa, dopo aver trovato la forza di espugnare il campo dei casilini.

di Uff.Stampa Amatori Pescara
Una finale, letteralmente una finale. Pescara e Valmontone incrociano di nuovo le spade e stavolta una delle due squadre dovrà fermarsi definitivamente e guardare l’avversaria volare e andare avanti. Questa partita vale più di un primo turno anche per il valore espresso dalle due squadre, che stanno mostrando un ottimo basket e che già durante la regular season avevano fatto intuire di poter competere per piazzamenti importanti. Si torna a giocare a Pescara e l’Amatori vuole estasiare di nuovo il suo pubblico, come accaduto due giorni fa in trasferta, dove ha ottenuto una vittoria decisiva con il punteggio di 83-78, facendo impazzire di gioia i tifosi in trasferta e raccogliendo su tutti i mezzi di comunicazione della società un’enorme dimostrazione di affetto e sostegno.
Giovedì gli appassionati hanno assistito ad una partita fantastica, che l’Amatori ha vinto sul filo del rasoio dopo una prestazione memorabile. La squadra negli ultimi anni ha giocato tante sfide importanti, ma il presidente Carlo Di Fabio ha definito questa vittoria come una delle più belle della sua gestione. Le due compagini hanno risposto colpo su colpo ai tentativi di fuga degli avversari dando vita ad uno spettacolo che non si dimenticherà facilmente. Quando le squadre più o meno si equivalgono e gli atleti rispondo alle aspettative, sfide di questo tipo si giocano sui dettagli e vedremo come i rispettivi staff tecnici imposteranno la terza e ultima sfida; in Gara1, i laziali avevano letteralmente dominato il pitturato, imponendo la propria legge nei momenti decisivi, mentre nella seconda partita l’Amatori è stata bravissima a ribaltare questo fattore, sia limitando i rifornimenti ai lunghi avversari che trovando ottime prestazioni sotto le plance: Drigo Capitanelli hanno fatto la differenza e un contributo determinante è arrivato da Mlinar, asso nella manica delle rotazioni pescaresi. Il pivot croato era stato scelto a febbraio dalla dirigenza adriatica proprio per aggiungere solidità, forza fisica ed esperienza al reparto dei lunghi e la scelta si è rivelata tatticamente azzeccatissima per competere con squadre forti come Valmontone.
L’equilibrio che vi stiamo raccontando tra gli abruzzesi e i laziali non è un’eccezione nel quadro generale di questi playoff, anzi: i due tabelloni che sono scaturiti dall’incrocio tra le migliori squadre del girone C e quelle del girone D vedono tantissime situazioni di parità. Soltanto San Severo si è già qualificata alla semifinale, regolando Scauri con un perentorio 2-0. Le altre sette sfide sono clamorosamente tutte sull’1-1 e, anzi, il fattore campo è stato praticamente sempre rispettato; fanno eccezione, ovviamente, soltanto Amatori e Valmontone, che hanno perso tra le mura amiche per poi espugnare il campo dell’avversaria. Se Pescara riuscirà a battere i casilini, se la vedrà con la vincente del match tra Barcellona e Civitanova. In Gara1 i siciliani si sono imposti con un perentorio +27, per poi perdere abbastanza nettamente in trasferta. Ricordiamo che le semifinali si giocheranno al meglio delle cinque sfide.
Coach Rajola ha presentato così la gara di domenica: “penso che sarà una partita bellissima, è un dentro o fuori di vitale importanza e credo che le due squadre si giocheranno ogni pallone alla morte. Tutti i giocatori hanno dimostrato che nessuno vuole mollare nemmeno un centimetro e mi sembra che Gara2 lo abbia davvero fatto vedere: è stata una gara incredibile dove si rispondeva colpo su colpo. Noi dovremo fare un grande sforzo, sotto ogni punto di vista: fisico, tattico e mentale. Certe gare si vincono davvero con la testa, superando i propri limiti, andando oltre la stanchezza e la fatica, perchè giocare tre partite in sette giorni non è mai facile, soprattutto quando le sfide hanno questa intensità. Ormai le squadre si conoscono bene e credo che ci sarà grande tensione agonistica. Ci siamo guadagnati il fattore campo e stavolta dobbiamo farlo valere, stavolta non possiamo deludere i nostri tifosi, che potranno, anzi, darci la spinta in più, magari quella decisiva per passare il turno”.
Appuntamento dunque domenica 6 maggio alle 18:00 al Pala Aterno Gas&Power di Pescara per la decisiva Gara3 dell’epopea tra Amatori Pescara e Virtus Valmontone. Anche in questa occasione i ragazzi minorenni entreranno gratis al palazzetto. Questo è un weekend davvero importante per tutta la pallacanestro cittadina: Pescara Basket, nel campionato di serie C Silver, oggi gioca un altro dentro o fuori contro il Basketball Teramo, dove chi vincerà si guadagnerà la salvezza, mentre la perdente sarà condannata alla retrocessione; il match si gioca a Pescara nello stesso palazzetto in cui gioca la serie B, alle 20:45. Ma non è tutto, anzi: l’Under 16 Amatori guidata da coach Di Iorio va sul campo neutro di Fossombrone per giocare il primo spareggio sulla strada delle finali nazionali, contro il Leoncino Basket Mestre. A tutte queste squadre va il nostro più grande sostegno e tutti gli aggiornamenti troveranno spazio sulle pagine Facebook amatoribasketpescara pescarabasket, sperando comunque che il pubblico possa seguire dal vivo queste partite così importanti!
Vincenzo De Fanis – Ufficio Stampa Amatori Basket Pescara
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy