Serie B. Eurobasket implacabile, ma Empoli cede solo al foto-finish

Serie B. Eurobasket implacabile, ma Empoli cede solo al foto-finish

Stanic toglie le castagne dal fuoco a Bonora prima segnando in sospensione e poi recuperando il pallone che lancia il contropiede concluso – con il 2+1 – da Fanti. Sono i punti decisivi di una partita incerta fino alla fine.

EUROBASKET ROMA GAS&POWER 71–61 USE COMPUTER GROSS EMPOLI (28-13, 44-37, 59-54, 71-61)

Alla fine arriva la vittoria, ma quanta sofferenza per la Roma Gas&Power. Che la Computer Gross Empoli sarebbe stata un osso duro era noto fin dalla palla a 2, ma in pochi immaginavano di vedere l’elettrica banda di Bassi giocarsela fino alla fine contro la capoclassifica, e addirittura di trovare il sorpasso a 2′ dalla sirena. A togliere le castagne dal fuoco a Bonora ci pensa Nicolas Stanic, prima segnando in sospensione e poi recuperando il pallone per il contropiede concluso con il 2+1 da Eugenio Fanti, in quello che è stato il secondo, breve quanto intenso, momento di vera Eurobasket. Il primo si ritrova nella partenza divorante del primo quarto, in cui il parziale di 28-13 sembrava già aver archiviato la pratica Empoli, che invece era lucida nell’organizzare una difesa per alcuni tratti asfissiante e un attacco che, pur senza mai dominare, riusciva piano piano ad assorbire lo svantaggio accumulato e ad affacciarsi nel finale con tutti i pronostici aperti. Sopra le righe Alex Righetti, offensivamente continuo per tutti i 35′ spesi in campo, e Lorenzo Berni, giovane playmaker traboccante di brio.

EUROBASKET ROMA GAS&POWER: Dip 14, Casale 3, Fanti 10, Stanic 6, Righetti 18, Romeo ne, Staffieri 6, Birindelli 2, Petrucci 8, Rizzitiello 4.

USE COMPUTER GROSS EMPOLI: Samoggia 4, Mariotti 4, Sesoldi 4, Scali 10, Antonini, Ghizzani 5, Mascagni 21, Berni 3, Lazzeri, Bei 10.

La cronaca: Dip apre la sfida con un gancio appoggiato al tabellone, poi Righetti e il bellissimo canestro in step-back di Staffieri colorano di bianco-blu i primi metri di gara, con Empoli che fatica a trovare il canestro e si ritrova sotto 11-2 al 4’. Bassi ordina il pressing, che consente a Mariotti di limare fino a 13-6 il vantaggio dell’Eurobasket, subito marginalizzato dal parziale di 8-0 dell’Eurobasket, che si trova a condurre per 21-8 al 7’. Una leggera perdita di intensità offensiva della capoclassifica consente a Empoli, vivacemente guidata dal neo-entrato Berni, di trovare qualche contropiede e di costruire un parziale di 5-0, a cui si aggiungono i liberi di Scali, che valgono il 32-23 al 13’. Segue la tripla dello stesso Berni e il canestro di Mascagni, per un parziale totale di 6-15 e il punteggio che dice 34-28 al 14’, con l’importante sforzo dei toscani premiato dal punteggio. Il primo canestro, in contropiede, di Petrucci consente all’Eurobasket di tornare sul +10 (38-28) al 16’, poi Mascagni colpisce dalla media, mentre i liberi di Righetti accompagnano il match all’intervallo sul 44-37. Un efficace movimento sotto canestro di Bei apre il terzo quarto, mentre l’Eurobasket soffre l’intensità difensiva di Empoli e rischia di farsi riprendere sul canestro di Mariotti, che riporta Empoli sotto sul 44-42 del 24’. Dip spezza l’emorragia sfruttando un assist da urlo di Stanic, poi Petrucci appoggia al vetro un canestro che sembra aver scritto in fronte “uscita dal momento complicato”: è il 27’ e il punteggio dice 52-46. Il dialogo offensivo corale della Gas&Power pesca Righetti solo nell’angolo, la risposta è implicita e l’Eurobasket allunga sul 57-50 al 29’. Empoli alza ancora l’asticella difensiva, sbarrando la via del canestro e rosicchiando ancora fino al 59-54 del 33’, ma non riesce mai a muovere le retine dall’altra parte, condannando il match a lunghi minuti di siccità offensiva. Smuove la situazione Scali, a bersaglio con il 59-56 (corre il 36’) che spaventa il PalAvenali, ammutolito poi dal long two di Bei: è 59-58 al principio del 37’. Ancora Bei sorpassa per la prima volta, poi Staffieri riporta il punto di vantaggio sul 61-60 all’Eurobasket in un finale ormai infuocato. Stanic toglie le castagne dal fuoco a Bonora prima segnando in sospensione e poi recuperando il pallone che lancia il contropiede concluso – con il 2+1 – da Fanti, che riporta la capoclassifica in vantaggio sul 68-60 a 1’11’’ dalla sirena. Il led dell’allarme nella cloche di Bonora è ufficialmente spento, l’Eurobasket tiene il vantaggio e alla sirena vince per 71-61.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy