Serie B – Faenza cade anche in casa, passa San Vendemiano

Serie B – Faenza cade anche in casa, passa San Vendemiano

on basta l’infuocato clima del PalaCattani per far ritornare la Rekico alla vittoria.

di La Redazione

Rekico Faenza 62 – Rucker San Vendemiano 74
(17-20; 33-41; 47-57)

FAENZA: Fumagalli 17, Gay, Costanzelli 12, Silimbani 4, Samorì ne, Casagrande 2, Venucci 4, Zampa 4, Petrucci 4, Pambianco ne, Chiappelli 15, Santini ne. All.: Friso
SAN VENDEMIANO: Vedovato 7, Bloise 12, Perin 17, Durante ne, Rossetto 9, Malbasa 10, Mossi 16, Lurini ne, Bartoli ne, Oyeh ne, Battistuzzi ne, Borsato 3. All.: Mian
ARBITRI: Settepanella – De Ascentiis
NOTE. Uscito per falli: Malbasa

Non basta l’infuocato clima del PalaCattani per far ritornare la Rekico alla vittoria. Ancora una volta i faentini non mostrano il loro vero volto come accaduto nelle ultime settimane, tirando da tre con un 2/26 e sbagliando anche molti tiri liberi. San Vendemiano è invece cinica nel segnare canestri nei momenti decisivi, conquistando una vittoria meritata. Da segnalare il lungo applauso del pubblico all’ex di turno Perin, omaggiato anche dai tifosi con uno striscione.

È proprio Perin ad orchestrare il gioco della Rucker nel primo quarto, ben coadiuvato da Vedovato e Malbasa e dalle triple di Bloise. Gli ospiti si portano sul 17-9 non facendo però i conti con il carattere della Rekico che nonostante spari a salve, ricuce il gap fino al 17-17. San Vendemiano non subisce il contraccolpo psicologico e risponde con un break di 10-0 approfittando di qualche errore difensivo di troppo degli avversari. Sotto 23-32, Costanzelli si carica sulle spalle la squadra segnando schiacciate e catturando rimbalzi, riportando la Rekico in scia fino al 32-35. Ancora una volta la Rucker reagisce e arriva all’intervallo sul 41-33. A fare la differenza è il tiro da tre: 0/12 per Faenza contro le 8 triple segnate dai veneti.

Al rientro in campo i Raggisolaris fanno la voce grossa con Chiappelli (autore della prima tripla dei manfredi, l’altra sarà di Venucci) e con la penetrazioni di Fumagalli, arrivando fino al 42-46 poi qualche fischiata contraria e qualche errore di troppo in attacco, fanno sfuggire l’occasione dell’aggancio. La Rucker ringrazia e con Mossi e Rossetto trova punti preziosi, spingendosi fino al 64-49 al 32’. La Rekico prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo, ma l’impegno e il carattere non bastano per la rimonta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy