Serie B, Final 4 – Le pagelle di Poderosa Montegranaro – Unieuro Forlì

Match dominato dagli uomini di coach Garelli, il quale ha potuto contare sulle buone prestazioni dei suoi lunghi. Dall’altra parte, prove insufficienti per la maggior parte della formazione giallo-nera.

Uno spareggio-promozione dominato dagli uomini di coach Garelli, il quale ha potuto contare sulle buone prestazioni dei suoi lunghi. Dall’altra parte, prove insufficienti per la maggior parte della formazione giallo-nera, complice il brutto terzo quarto che li ha condannati alla sconfitta.

DINO BIGIONI SHOES MONTEGRANARO

Fabi: Entra in campo nell’ultimo quarto e mette a segno due triple in puro garbage time. Voto: 6.

Sanna: Limitato dai falli, trova nuovamente la doppia cifra, mettendo a referto 11 punti conditi da 5 rimbalzi, tirando con un 3/7 dal campo. Voto: 6,5.

Serino: L’ex Napoli è autore di una prestazione senza errori al tiro: 12 punti, 4/4 al tiro di cui un 2/2 dall’arco dei tre punti in 16 minuti di utilizzo. Performance sporcata dai 4 falli commessi e le tre palle perse. Voto: 6,5.

Gatti: Solo tre punti per il capitano, per altro guadagnati grazie ai viaggi in lunetta, mentre non riesce a sbloccarsi su azione. Bene a rimbalzo, riesce a catturarne 7 in 26 minuti. Voto: 6.

Rossi: Costretto a lasciare anzitempo il match a causa di un infortunio, per lui solo 4 punti ed un assist in 14 minuti. Inoltre, da segnalare 3 palle perse. Voto: 5.

Broglia, Trionfo, Diomede, Rosignoli: Tutti autori di prestazioni incolori, riescono a produrre complessivamente solo 6 punti, tirando con un misero 2/17 dal campo.

Di Trani: Il miglior realizzatore dei suoi con 15 punti segnati conditi da 5 assist, ma litiga con le percentuali al tiro: 5/14 dal campo. Voto: 7.

UNIEURO FORLÌ

Rotondo, Pederzini, Rombaldoni: I tre dominano sul pitturato, trovando la doppia cifra e facendo valere la loro esperienza. Percentuali che superano il 50% al tiro. Voto: 7,5.

Vico: L’italo-argentino non riesce a ripetere la prestazione della semifinale, faticando ad entrare in ritmo-partita. Per l’ex Matera e Siena solo 4 punti a referto, conditi da 5 rimbalzi e 3 assist. Voto: 5,5.

Marsili: Trova spazio quando ormai il match non ha più storie da raccontare, ma riesce a trovare comunque il fondo della retina. Voto: 6.

Bonacini: Così come Vico, anche Bonacini fatica a trovare il ritmo in fase offensiva, ma svolge un buon lavoro in difesa, rubando tre palloni e catturando 5 rimbalzi. Voto: 6.

Arrigoni: Parte dalla panchina, ma si rivela il top scorer dei suoi, mettendo a referto 17 punti tirando con il 50% dal campo. Voto: 7,5.

Pignatti: Buona partita anche per Pignatti, che in meno di 20 minuti si avvicina alla doppia cifra, facendosi trovare pronto e sbagliando poco, come dimostra il 4/6 al tiro. Voto: 7.

Ferri: Maggio: Litigano con il ferro per buona parte dei loro minuti giocati: 1/9 dal campo, per 6 punti complessivi. Voto: 5.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy