Serie B, Final Four: Rieti prima fugge, poi subisce la rimonta, ma alla fine è A2!

Serie B, Final Four: Rieti prima fugge, poi subisce la rimonta, ma alla fine è A2!

Commenta per primo!

Arriva il primo verdetto di giornata delle FinalFour di Forlì: la NPC Rieti è la prima promossa in A2 del weekend romagnolo. I laziali, infatti, hanno avuto la meglio della BCC Agropoli col punteggio finale di 67-66, dopo un finale al cardiopalma che ha però premiato i ragazzi di coach Nunzi. Dopo aver avuto la partita in pugno nel corso del primo tempo di gioco (massimo vantaggio il +15 di metà secondo quarto), Rieti si è fatta recuperare tutto il vantaggio acquisito durante la terza frazione, aprendo di fatto una gara nella gara che nei secondi finali ha premiato la NPC.

PROMETEO ESTRA RIETI – BCC CONVERGENZE AGROPOLI 67-66
PARZIALI: 22-13; 34-21; 47-47
PROMETEO ESTRA NPC RIETI: Giampaoli 7, Colantoni ne, Iannone 18 (3/7 da , 3 rb, 3 ass), Stanic 13 (5/7 tl), Benedusi 9, Granato 6, Feliciangeli 4, Ponziani ne, Spizzichini, Rosignoli 10 (3/5 t2, 4/5 tl, 12 rb). All.: Nunzi.
BCC CONVERGENZE BASKET AGROPOLI: Parrillo 7, Romano 8 (2/13 dal campo, 0/6 t3), Serino 12 (6 rb), Molinaro, Spinelli 2, Iurato 1, Palma ne, Cucco 4, Birindelli 3 (1/6 dal campo, 14 rb), Marulli 29 (4/9 t3, 11/12 tl, 5 rb, 3 ass). All.: Paternoster.

Apre le danze una ‘bomba’ di Marulli che sblocca il punteggio in favore dei campani. Si apre quindi lo show personale di Armando Iannone, che trascina i suoi al primo importante parziale di 12-0 che porta Rieti in vantaggio per 12-3 dopo 4’. Poca cosa, finora, l’attacco di Agropoli, che si affida a triple senza ritmo e giocate troppo individuali dei vari componenti del quintetto. Così è Marulli a tentare di risollevare le sorti dei suoi, incendiando letteralmente la gara e riportando i campani in partita sul -4 (15-11) al 7’. I biancoblù, però, concedono decisamente troppo all’attacco rietino, con tiri frontali aperti che, per loro fortuna, i giocatori di coach Nunzi non riescono a capitalizzare al meglio. Incontro scoppiettante, così, nel finale del primo periodo, con veloci capovolgimenti di fronte ‘conditi’ però da altrettanti errori al tiro da entrambe le parti che fanno scorrere veloce il tempo fino al 22-13 che chiude i primi dieci minuti di gioco.

La musica non cambia nemmeno nella seconda frazione: Rieti, nonostante continui ad essere imprecisa al tiro, ha totalmente in mano la gara, complice anche un avversario completamente bloccato in fase offensiva e senza una minima idea sul piano del gioco, mandando su tutte le furie coach Paternoster in panchina. Stanic allunga così per Rieti fino al +13 (27-14) dopo 3’, mentre, dall’altra parte, la manovra offensiva dei campani ha portato in cascina solamente un 1/2 ai liberi fino al 7’, quando Spinelli suona la carica ai suoi sul -15 (31-16). Lo svantaggio dei campani si accorcia fino al -11 (31-20) dopo un antisportivo fischiato ai danni di Stanic, tentativo di tornare in partita puntualmente respinto al mittente da una tripla messa a segno da Granato che, di fatto, risulta essere l’ultimo canestro del secondo quarto. 34-21 in favore dei ragazzi di coach Nunzi, dunque, il punteggio all’intervallo. Per le due squadre va finora in doppia cifra il solo Iannone a quota 13, mentre vale la pena segnalare la pessima percentuale al tiro: 36% (12/33) per Rieti e, soprattutto, appena il 19% (6/31) per Agropoli.

Gara che mantiene lo stesso copione anche nella terza frazione di gioco, con la NPC che tenta in tutte le maniere di chiudere una volta per tutte la contesa senza però riuscire mai nel proprio intento. Sempre sul +11 (45-34), quindi, al 6’, mentre sugli spalti la situazione diventa letteralmente bollente con la ‘discesa’ anzitempo della Fossa fortitudina e facendo esplodere, così, anche la sfida sul terreno di gioco. In questo clima infuocato che pare tutt’altro fuorché Serie B, la BCC mette in mostra tutte le sue qualità, trascinata da un Marulli d’annata, con un importante parziale di 11-0 che permette ai campani di riportare in perfetta parità la situazione sul 45-45 a 25” dal termine. Dopo aver messo in avanti la testa per la prima volta in partita (45-47), il terzo periodo si chiude così sul 47-47.

Grandissimo equilibrio ora in campo tra le due squadre, con la tensione per la posta in palio che si respira in tutto il palazzetto. Ad un canestro di una compagine, di fatto, corrisponde un ulteriore ‘cesto’ dell’altra, col punteggio fermo sul 53-53 dopo 4’ giocati. La NPC è ora troppo ‘sprecona’ nella metà campo avversaria, ma Agropoli, azione dopo azione, non riesce ad approfittare della favorevole situazione lasciando a Feliciangeli una tripla aperta a 3’ dal termine per il 58-56 in favore di Rieti. Ristabilita la parità sul 58-58 con un 2/2 ai liberi di Birindelli, dall’altra parte anche Rosignoli risponde alla perfezione dalla lunetta: 60-58 a 2’ dalla sirena. Ma arriva solamente ad 1’33” dalla fine l’azione decisiva della gara, un gioco da tre punti firmato da Stanic per il 63-58. Saltano ora gli schemi per Agropoli, che tenta il tutto per tutto in qualunque maniera nel tentativo di ristabilire la parità. Segnano così Marulli e Cucco per il -1 (63-62) a 20” dal termine, e dall’altra parte non trema la mano a Iannone che riporta i suoi sul 65-62. Ma sul capovolgimento arriva la clamorosa tripla frontale di Marulli per il 65-65 a 7” dalla conclusione; il 2/2 di Stanic dalla lunetta dei tiri liberi, in seguito ad un inspiegabile fallo di Agropoli, riporta sul +2 (67-65) la compagine laziale, con l’1/2 finale del solito Marulli che mette la parola ‘fine’ sulla contesa.

Fotogallery a cura di Massimo Casa

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy