SERIE B. Il Basket Scauri si stringe alla famiglia De Lise e alla Zannella Cefalù nel ricordo di Lorenzo.

SERIE B. Il Basket Scauri si stringe alla famiglia De Lise e alla Zannella Cefalù nel ricordo di Lorenzo.

La Società e i tifosi ricordano con affetto Lorenzo De Lise, che sulle rive del Tirreno giocò nel 2011/2012, esordendo giovanissimo in serie B

Commenta per primo!

È un Roberto Di Cola commosso e profondamente turbato quello che ricorda, come Presidente del Basket Scauri, Lorenzo De Lise, il giovane atleta che ci ha lasciati troppo presto, nella notte del 23 agosto. La notizia ha colpito tutti, ma Scauri in particolare, per il legame che c’è tra la Società e la famiglia De Lise. Lorenzo ha giocato nelle fila dell’Autosoft Basket Scauri nel 2011/2012, esordendo anche in Serie B. Così lo ricorda il Presidente Di Cola: “Sono distrutto dalla notizia. Lorenzo era un fratello minore per me. Nell’anno in cui giocò qui a Scauri, io ero il dirigente che seguiva il settore giovanile, nel quale giocava anche lui, per cui la nostra frequentazione era quotidiana. Era un ragazzo generoso, educato e di grande talento. Aveva mosso i primi passi in Serie B con noi e ne siamo onorati, prima di affermarsi, ancora giovanissimo, a Costa d’Orlando, Cefalù e nell’Orlandina con cui aveva esordito in LegaDue. Era stato voluto fortemente dalla Società, anche su indicazione dello zio, Ciccio, un giocatore che ha scritto una delle pagine più belle del Basket Scauri, a cui siamo molto legati e con il quale ancora oggi siamo in contatto. Per questo la sua scomparsa prematura ci colpisce particolarmente, perché è mancata una persona che era legata a doppia mandata con il Basket Scauri. Avrei tanto voluto incontrarlo e abbracciarlo quest’anno, con Cefalù e Scauri nuovamente avversarie sul campo. Sarebbe stato bello, anche per dimenticare quelle incomprensioni che c’erano state nei play-off dello scorso anno. Ma faremo di tutto per ricordarlo come merita, quando la squadra siciliana verrà a Scauri. Forza Scauri e forza Cefalù!”.

Ma non solo la Società ricorda Lorenzo. Anche i tifosi si stringono alla famiglia De Lise e alla Società della Zannella Cefalù. Lo hanno fatto con uno striscione, con cui hanno manifestato la loro vicinanza agli sportivi siciliani: “Sono momenti difficili, quando devi ricordare un giovane che si stava aprendo alla vita. Lorenzo era stato uno di noi e abbiamo voluto ricordarlo così, per manifestare alla famiglia, alla Società e ai tifosi di Cefalù tutto il nostro affetto e il nostro profondo cordoglio – ha tenuto a sottolineare il gruppo degli Skonvolti, che domenicalmente segue con passione il Basket Scauri. In questo momento vogliamo solo ricordare un giocatore e un amico, il resto è solo retorica. Le eventuali rivalità sportive sono poca cosa di fronte a questi episodi, che anzi ci devono far riflettere sul fatto che la pallacanestro è uno sport e non deve mai travalicare le norme che lo regolano. Oggi siamo noi stessi parte della famiglia della Zannella Cefalù, alla quale ci stringiamo, nel ricordo di un piccolo grande uomo, che porteremo sempre nei nostri cuori. Grazie Lorenzo e forza Cefalù.

E proprio per ricordare Lorenzo De Lise è stato osservato un minuto di raccoglimento nella partita che questo pomeriggio è stata organizzata dal Sindaco della Città di Minturno per dire no al vandalismo al motto “Il pallone batte come il cuore, nessuno può fermarlo”, contro l’atto incivile con il quale un turista nei giorni passati, infastidito da alcuni ragazzi che giocavano nella storica Arena Mallozzi e probabilmente amante di altri sport, ha letteralmente tagliato in due una delle strutture dei tabelloni. Rimessa in pristino grazie all’intervento diretto e tempestivo del Primo Cittadino, è da oggi ritornata nel pieno possesso degli sportivi scauresi, che hanno subito voluto ricordare il giovane e sfortunato atleta.       

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy