Serie B – Il coro Urania non stecca, Wildcats corsari a Cremona

Serie B – Il coro Urania non stecca, Wildcats corsari a Cremona

Un’ottima prova collettiva, cinque uomini in doppia cifra per i milanesi.

di La Redazione

Trasferta vincente a Cremona per l’Urania che passa in casa della Juvi (68-79) con un’ottima prova collettiva, cinque uomini in doppia cifra per i milanesi. Dopo una partenza a rilento reagisce la Super Flavor con Negri (13 punti) protagonista che tiene a contatto la truppa di coach Locati. Il break decisivo nel terzo periodo griffato da Paleari (14 con 8 falli subiti) e Santolamazza. Una difesa extralusso, un Piunti (18 con 9 rimbalzi) sempre letale in area colorata ed uno Scanzi dal rientro tutta sostanza gli ingredienti della fuga finale dei Wildcats.

AVVIO IN SALITA
Non brilla l’Urania in avvio, il primo canestro della sfida è di Piunti ma resta l’unico acuto dei milanesi colpiti dalla tripla frontale Esposito e dalla schiacciata di Valenti, 7-2. Coach Locati da subito spazio a Santolamazza per dare migliori spaziature all’attacco Wildcats. Non si alzano le percentuali ospiti che faticano a trovare la via del canestro, Belloni in penetrazione sigilla il più 9 cremonese, 11-2. Prova a mettersi in partita Simoncelli, l’ex play di Omegna regala anche l’assist a Paleari che il capitano converte nel mini break Super Flavor, 11-6.

NEGRI LANCIA LA RIMONTA
Più reattiva ed efficace l’Urania che continua la rimonta, due botti filati di un Negri subito rovente decretano il sorpasso, 11-12. Sale sino a più 5 il margine milanese alla fine del primo quarto frutto di un buzzer beater, da tre, di Santolamazza, 14-19. Ndiaye è il motore dell’attacco di Cremona, una tripla dall’angolo di Manini regala il meno 2 alla Ferraroni, 19-21. L’Urania si aggrappa a Piunti ma Cremona trova anche una tripla fortunosa con Veronesi, di Ndiaye il sorpasso, 24-23. Funziona tutto ora in casa Juvi con Vacchelli che dilata il vantaggio dei padroni di casa, il rientrante Scanzi ricuce per la Super Flavor, 30-29. Riprende ritmo l’attacco milanese nonostante una Cremona che continua ad essere pressoché perfetta, capitan Paleari per la parità a quota 36. “Rambo” Scanzi e Piunti rispondono a Valenti e compagni che restano avanti grazie all’ennesima bomba degli esterni, il buzzer beater di Belloni sigla il 45-43 all’intervallo.

PROFESSORE E CAPITANO, CHE COPPIA!
Dopo la pausa lunga prosegue la ricerca esasperata del tiro perimetrale per la Juvi, Milano c’è e torna a mettere il naso avanti sorretta da Piunti, 47-49. Momento forse fondamentale della gara, Cremona sembra più reattiva sulle palle vaganti, Esposito con l’ennesima tripla per il nuovo più 3, 55-52. Lo stesso Esposito incappa nella quarta penalità irretito dall’esperienza di Paleari, l’asse tra il capitano e Santolamazza è palati fini, la Super Flavor mette la freccia, 55-62 alla penultima sirena.

FUGA PER LA VITTORIA
Nonostante un Toffali dalle polveri bagnate Milano si issa sino al più 8 con il siluro di Eliantonio, 57-65. Si innervosisce Cremona che paga la tensione con il tecnico a coach Brotto, prove tecniche di fuga per i Wildcats 59-68. Spreca un paio di possessi fondamentali per scappare la truppa di coach Locati, non manca orgoglio alla Juvi, ancora Valenti per l’appoggio del meno 5, 63-68. Aumenta l’intensità della gara, Negri mette un canestro fondamentale dall’angolo, Eliantonio sigla il primo vantaggio in doppia cifra per gli ospiti, 63-73. E’ la difesa Super Flavor a fare la differenza, Valenti carica a testa bassa ma va a sbattere contro il muro Urania, Scanzi spara il più 12, 63-75. Allunga la pressione difensiva Cremona ma Milano non trema, Santolamazza gela il pallone nei possessi finali, Eliantonio manda i titoli di coda, 65-79.

FONTE: Area Marketing Urania Basket Milano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy