Serie B – La IUL Roma dura un quarto, Napoli cala il poker

Serie B – La IUL Roma dura un quarto, Napoli cala il poker

Coronato con un successo il debutto a Casalnuovo di Bagnoli. Gap atletico incolmabile per la brigata di Sabatino, che resiste nella prima frazione.

di Davide Uccella

GENERAZIONE VINCENTE NAPOLI – IUL BASKET ROMA 81-66

PARZIALI: 14-13; 38-24; 67-51

NAPOLI: Guarino 9, Chiera 9, Malagoli 2, Erkmaa 11, Molinari 3, Di Viccaro 3, Dincic 12, Giovanardi 2, Bagnoli 14, Gazineo, Puoti 1, Milani 15. All.: Lulli.

IUL ROMA: Algeri 2, Casale 6, Galli A. 8, Piccinini 1, Maresca 17, Galli L. 12, Sperduto 2, Padovani 2, Cecchetti 7, Lestini 9. All.: Sabatino.

Arbitri: Sig.ri BERTUCCIOLI di PESARO (PU) e UNCINI di JESI (AN)

Napoli in campo con Guarino, Di Viccaro, Chiera, Dincic e Bagnoli, risponde la IUL con Maresca, Sperduto, Lestini e Cecchetti. Si gioca tutta nel pitturato la prima frazione, chiusa 14-13 senza break: filo conduttore il duello Cecchetti – Bagnoli, con l’ex Latina e Recanati bravo alla lunga nel prendere la giusta misura. Peccato che l’uscita anzitempo di Lestini dia vita più facile a Dincic, bravo anche a sfruttare il bonus nella seconda metà del quarto. I ritmi bassi vengono spezzati da Napoli con buoni uno contro uno, Roma comunque si affida alla mano di Maresca, mano che alla Gevi manca del tutto dall’arco (0/9 al 10′), in particolare a Di Viccaro, che negli ultimi 3′ fa spazio a Milani insieme a Erkmaa, in campo al posto di Guarino già a due falli.

Secondo quarto con Malagoli per Bagnoli, in campo anche Molinari sponda Napoli, IUL che gioca la carta Algeri. Avvio sprint con il pretoriano di Lulli che rompe subito il digiuno dall’arco. Sabatino teme il peggio e chiama time-out ma non basta: la stoppata di Malagoli su Maresca innesca la scorribanda per il 2+1 di Milani, l’8-0 è completato da Malagoli in semigancio (25-15 a 7’57”). Per la IUL situazione falli si complica, con bonus in arrivo e Casale a quota due, complice la difesa su Erkmaa. Milani continua a segna e far segnare, Sabatino corre ai ripari con Padovani e il ritorno di Lestini: buono l’impatto difensivo del primo su Malagoli, l’altro si prende la squadra sulle spalle, approfittando di una Gevi meno incisiva sotto canestro. I capitolini sembrano in linea di galleggiamento, prima di beccarsi il terzo di Lestini e un 7-0 pesante firmato da Milani, con triplona sulla sirena di Guarino: 38-24 al giro di boa.

Starting five della ripresa invariato per Napoli, Sperduto per Padovani in casa IUL. Il break di fine primo tempo si allunga a 11 con Bagnoli devastante in alto basso e dalla media (42-24). Il centrone però ispira anche Chiera in lay-up, la vecchia guardia IUL con Maresca a rimbalzo, Cecchetti da sotto e Lestini fino in fondo salvano il salvabile, ma un Guarino freddo da 3 porta la Gevi a +19 (6’32” dall’ultima pausa). Per il +20 ancora il play protagonista, in dai e vai da due più uno con un Bagnoli padrone della scena. La solidità di Dincic e la mano di Chiera consolidano il vantaggio (60-37 a 3’14”), Maresca e i fratelli Galli predicano nel deserto ma l’ultimo minuto si apre con il terzo fallo antisportivo di Bagnoli: un’occasione che l’indomito Maresca e Alessandro Galli non si fanno pregare, con il 6-0 di fine terzo quarto che fa rientrare la IUL (67-51).

Ma bastano meno di 3′ e Napoli piazza finalmente il colpo del KO: Di Viccaro ritrova il feeling dall’arco, Erkmaa lo conferma con questa partita con un’altra bomba e il contropiede del +24 a 6’25” dalla fine (75-51). Tempo un giro di lancette e Lulli schiera la linea verde con Puoti, Gazineo e Giovanardi in ordine di apparizione. Per il primo e l’ex college anche la soddisfazione della virgola eliminata dal referto. Il tempo scorre, Casale e Lestini aggiustano la mira mentre Maresca, Leonardo Galli e Cecchetti rimpinguano il tabellino, in vista dell’81-66 finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy