Serie B: L’Aquila Palermo suona la “quarta”. Battuta Catanzaro.

Serie B: L’Aquila Palermo suona la “quarta”. Battuta Catanzaro.

Commenta per primo!

NUOVA AQUILA PALERMO – MASTRIA VENDING CATANZARO 77 – 68

Palermo: Rappa, Requena 7, Stella 15, Azzaro 6, Cozzoli 15, Antonelli 9, Merletto 6, Di Emidio 9, Urbani 4, Ongo Mengue 6. Coach Tucci
Catanzaro: Fratto 3, Carpanzano 5, Calabretta 2, Naso 8, Latella 16, Abassi 10, Di Dio 7, Sereni 12, Infelise 3, Cossari 2. Coach Cattani
Arbitri: Giacalone e Lombardo
Parziali: 19-16, 33-33, 58-45

Palermo – Un’Aquila Palermo forse non bella ma molto pratica ottiene la quarta vittoria consecutiva e mantiene il primato della classifica in coabitazione con l’Eurobasket Roma, che nel big match di sabato al Pala Avenali, sarà la prossima avversaria dei biancorossi allenati da Tucci.
Nonostante il successo meritato, non è stato affatto facile avere la meglio di una coriacea ed indomita Catanzaro che è sembrata tutto tranne che la squadra disposta a fare la vittima sacrificale.
Primo quarto in totale equilibrio, punteggio basso e tanti errori al tiro da una parte e dell’altra. Equilibrio rotto dai canestri di Stella e Antonelli, ancora una monumentale prova a rimbalzo per l’ex Varese, ed Aquila che chiude il parziale a più tre sul 19 – 16.
Catanzaro non ci sta e trascinata dal neo acquisto Abassi e da un’ottimo Latella piazza un parziale di 0 – 8 e vola sul 19 – 23.
Tucci chiama il time out immediatamente e l’Aquila si sveglia da torpore e rimonta lo svantaggio. Si và all’intervallo lungo in perfetta parità 33 – 33.
Al rientro dagli spogliatoi la musica cambia totalmente. I biancorossi iniziano a difendere molto forte, tanto da impedire agli avversari il tiro entro i 24 secondi per ben quattro azioni.
Cozzoli ed Ondo Mengue salgono in cattedra piazzando dei contropiede che portano i palermitani all’ultimo intervallo sul più tredici.

Ultimo quarto che inizia sulla stessa falsa riga di quello precedente ed Aquila che tocca il più 21 sul 69 – 48. Coach Tucci cinque minuti dalla fine da spazio all’intera panca e Catanzaro rimonta lo svantaggio fino al – 9 finale. Si chiude sul 77 – 68 alla sirena. I calabresi, cui ha giovato l’ingresso del neo arrivato ex Bisceglie Abassi, dimostrano che il lavoro di coach Cattani inizia a dare i suoi frutti almeno in termini di grinta ed intensità di gioco. L’Aquila è apparsa a tratti distratta. Per vincere sabato prossimo in casa dell’Eurobasket e balzare in vetta da sola ci vorrà ben altra gara sia in fase difensiva che offensiva.
Intanto Palermo sogna e per la prima volta nella sua storia ottiene quatro vittorie consecutive nelle prime quattro giornate.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy