Serie B. Monteroni sconfitta a testa alta, Palermo vola in semifinale

Serie B. Monteroni sconfitta a testa alta, Palermo vola in semifinale

Commenta per primo!

Quarta Caffè-MD Discount Monteroni (70): Grosso (10), Ingrosso (9), Potì (25), Leggio (10), Mocavero (10), Paiano (6), Errico, Leucci, De Giorgio, Laudisa. All: Antonio Lezzi.

Nuova Aquila Palermo (76): Merletto (14), Cozzoli (5), Rizzitiello (23), Giovanatto (8), Antonelli (6), Gottini (4), Dragna (8), Di Emidio (8), Caronna, Tagliareni. All: Gianluca Tucci.

Parziali: 25-17; 11-17; 11-22; 22-20.

Progressivi: 25-17; 36-34; 54-66; 70-76.

Cala il sipario sulla stagione 2014/2015 della Nuova Pallacanestro Monteroni. La compagine salentina è stata sconfitta in gara 2 dei play off dalla Nuova Aquila Palermo, con il punteggio finale di 70-76. Partita emozionante ed intensa, con i padroni di  casa sostenuti a gran voce dal Pala “Quarta-Lauretti” e protagonisti di un’ottima prova dinnanzi ad una squadra quadrata ed eccezionalmente forte.

In avvio, i gialloblù mettono in mostra un atteggiamento decisamente diverso rispetto a quello palesato in terra di Trinacria. Frizzanti e cinici, i ragazzi di coach Lezzi sfruttano le poche disattenzioni difensive biancorosse e costruiscono con pazienza e sapienza le manovre offensive. Da un lato Cozzoli (5) fatica a trovare la via del canestro, mentre dall’altra la coppia composta da Leggio (10) e Mocavero (10) duetta alla perfezione, coadiuvata da uno spumeggiante Alessandro Potì (25). Dopo 10’ il risultato recita 25-17.

Nel secondo periodo la situazione non cambia di molto: i viaggianti provano a colpire con Giovanatto (8), Rizzitiello (23) e Merletto (14), ma i padroni di casa rispondono colpo su colpo grazie ad un bel gioco corale accompagnato dai tifosi che hanno colorato e animato il palazzetto. Il primo tempo va in archivio sul 36-34.

Dopo una chiacchierata negli spogliatoi, le due compagini scendono nuovamente in campo, cariche per affrontare i decisivi e finali 20’. Dopo un avvio di terzo quarto con il freno a mano, i ragazzi di coach Tucci ripetono lo show messo in scena in gara-1 a suon di triple: con cinque conclusioni consecutive dalla lunga distanza, i siciliani prendono il volo sul +12 tramortendo i padroni di casa, ormai incapaci di reagire. Con Monteroni ferita, Palermo chiude in vantaggio il penultimo periodo (54-66).

Nell’ultimo quarto, i salentini devono gettare il cuore oltre l’ostacolo per rientrare in partita e provare a riaprire il match. Potì continua a macinare punti, così come Mocavero e Leggio, ma dall’altra parte il talento offensivo dei biancorossi non permette rimonte facili. Tuttavia, negli ultimi due minuti , i ragazzi di coach Lezzi si rimettono in carreggiata, toccando anche il -4, ma il cinismo di marca palermitana permette ai viaggianti di conquistare l’accesso alla semifinale con il punteggio finale di 76-70.

Grande spettacolo e partita godibile, intensa e fisica. Palermo (grande squadra, gestita sapientemente da Tucci e messa insieme dalla sportiva e amica dirigenza) conquista meritatamente un posto tra le migliori quattro del girone. Per Monteroni, comunque, grande soddisfazione dopo un’eccellente annata. L’applauso finale dello straordinario pubblico ai propri beniamini vale più di qualsiasi parola.

Fotogallery a cura di Alessandro Congedo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy