Serie B. Napoli devastante nel terzo quarto, Catanzaro cede ma con onore

Serie B. Napoli devastante nel terzo quarto, Catanzaro cede ma con onore

Commenta per primo!

Poteva starci, un minimo di appagamento: primato conquistato, vittoria in casa dell’ex capolista solitaria un senso di onnipotenza tangibile respirato contro i capitolini dell’Eurobasket. Ma non si poteva sbagliare al ritorno in casa dopo tre mesi – dopo lunghe trattative con il Comune -, per di più contro un avversario tutt’altro che morbido o innocuo. E Napoli non ha deluso, ancora una volta, presentando il “vestito d’occasione” ai 600 di Fuorigrotta: ottava vittoria di fila, ancora una volta grazie alle sue infinite rotazioni, i suoi parzialoni distruttivi, una zona che è ormai marchio di fabbrica, accanto a un super tasso di fisicità. Ma onore alla formazione giallo-rossa, che ha retto per quasi tre quarti prima di cedere il passo, meritando in pieno la sua posizione play-off.

LA CRONACA

Gli ospiti partono con Abassi, Carpanzano, Di Dio, Sereni e Naso, Napoli schiera Berti, Iannone, Villani, Fall e Serino. Non è partita facile, forse il campo ispira, Catanzaro parte più concentrata con Di Dio e Abassi, autentico fenomeno nel primo quarto (0-4), ma dall’altra parte i mattatori del tempo già si fanno vedere: Iannone e Villani per il primo vantaggio, a 7’35” dalla prima pausa, Fall attivissimo a rimbalzo per il +3 (7-6), con Sereni e Naso da 3 i giallo-rossi non mollano, ma Villani è on-fire con il 2+1, e anche Serino va forte sotto per il +5. Abassi nel frattempo continua a crivellare la retina, Iannone nell’accoppiamento difensivo arranca, ma in attacco ripaga al meglio: è lui il primo a respingere il tentativo di rientro della Planet con il suo quarto punto (21-15), ci pensa con lui anche Serino, dopo il 21-19 firmato ancora da Abassi in contropiede (5/7 dal campo): 26-21 per l’ex Agropoli con 2/2 dalla lunetta, ancora l’ex delfino in appoggio per il 30-25 di fine primo quarto.

Il secondo parziale è vivace nelle prime battute: ancora testa a testa nel punteggio grazie a Sereni, chiamato agli straordinario per un Naso incolore e bravo nel sfruttare i vuoti di Napoli nei rientri difensivi, ma la profondità di Napoli in uno con la sua difesa pagano: Villani batte l’ex Reyer in uno contro uno, Parrillo si sveglia da fuori e anche Berti da 3 non scherza quando serve, quindi con il canestro a rimbalzo di Fall arriva anche il 41-31 Mimi’s, a 5’34” dalla pausa lunga. Ribalta anche per Crapanzano, atteso protagonista, bravissimo nell’attirarsi falli con continuità, guadagnandosi spesso gite in lunetta, ma non basta: Parrillo ha il guanto di Panno (43-33), Fall in vernice si sente eccome (4+5 rimbalzi al 20′), Villani sul lob di Serino firma con un’altra fiammata il +11 a 1’48” dalla fine del primo tempo, vanificando una zona troppo macchinosa dei giallo-rossi. Ultimi scampoli con Serino ancora in evidenza, il fattore fisico incide, 53-43 al 20′.

Al rientro Catanzaro si conferma più reattiva con Sereni e Di Dio (55-47), ma Iannone con sei di fila rimette le cose a posto (61-47 a 6’48”). Non influiscono il 3° di Serino o di Fall, Catanzaro rimane a distanza (o almeno sembra), poi si mette in proprio Carpanzano, che con Abassi e Sereni, spesso ancora in transizione, costruisce un altro ottimo mini rientro sul 66-59. C’è anche l’opportunità del -5, ma ecco il parzialone che ammazza la gara: 13-0, Parrillo sentenzia da fuori e dall’aeco, ma è Nunzio Sabbatino a fare la differenza con due recuperi in difesa, l’antisportivo subito da Crapanzano debole nelle vesti di portatore, quindi con una tripla dalla sua mattonella -, sigilla un eccellente 82-59, con 1’12” dalla fine del 3° quarto.

84-62 il terzo parziale, gli ultimi 10′ sono mera quanto inattesa formalità: c’è ancora l’ennesimo avvio sprint con Di Dio e Sereni (84-67), ma come al solito Napoli pesca il protagonista giusto al momento giusto, e con cinque consecutivi di Iannone risale a +22. Si perfeziona poi il massimo vantaggio sul +26, grazie a quattro di fila targati Serino (93-67 a 6’21”), il quarto scorre con tante seconde linne a caccia di punti facili, Spera e Martino sponda Mimi’s (è l’ex Ferentino a far scollinare quota 100), Abassi e Calabretta sul fronte ospite. 104-78 il finale.

MIMI’S NAPOLI – MASTRIA VENDING CATANZARO 104-78

PARZIALI: 30-25; 53-43; 84-62

NAPOLI: Spera 4, Iannone 21, Martino 7, Serino 19, Villani 14, Berti 6, Giovanatto, Sabbatino 12, Fall 7, Parrillo 14. All.: Di Lorenzo.

CATANZARO: Fratto ne, Carpanzano 12, Calabretta 1, Naso 3, Latella 7, Abassi 20, Scuderi ne, Di Dio 11, Sereni 18, Infelise 6, Cossari ne. All.: Pullano.

ARBITRI: Sig.ri VALZANI di MARTINA FRANCA (TA) e MARZO di LECCE (LE)

NEXT: NAPOLI @ EMPOLI (05/12 ore 21:15); CATANZARO VS VITERBO (06/12 ore 18:00)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy