Serie B. Napoli ingrana nella ripresa, la partita di Viterbo dura 25′

Serie B. Napoli ingrana nella ripresa, la partita di Viterbo dura 25′

Commenta per primo!
FOTO GIUSEPPE GIANCARLI 2016 (C)

Inizia bene il nuovo anno per la Mimi’s Napoli Basket che, davanti ai 500 del PalaBarbuto, si impone sulla Terra di Tuscia Viterbo per 92-67 . Da segnalare la prova di Serino , miglior realizzatore con 18 punti. In doppia cifra anche Parrillo, Berti, Fall e Villani. La Mimi’s centra cosi l’ottava vittoria su altrettante partite in casa e chiude il girone d’andata con 26 punti.

MIMI’S NAPOLI – TERRA DI TUSCIA VITERBO 92-67

PARZIALI: 24-27; 45-40; 73-52

NAPOLI: Spera 2, Iannone 9, Martino 5, Serino 16, Villani 14, Berti 14, Giovanatto 5, Sabbatino ne, Fall 13, Parrillo 14. All.: Di Lorenzo.

VITERBO: Peroni 13, Cianci, Marcante 20, Piacentini ne, Mathlouthi 6, Marsili 15, Giancarli 3, Ndaye, Meroi, Gasbarri ne. All.: Fanciullo.

ARBITRI: Sigg.ri Caiella di Bologna e Bartolomeo di Cellino S. Marco (BR)

NEXT (6/1 ore 18.00): NAP @ LUISS, VIT vs ISE

Napoli in campo con Berti, Iannone, Villani, Giovanatto e Serino, Viterbo risponde con Giancarli, Peroni, Marcante,  Giotto Malthouti e Marsili. La Stella gioca a viso aperto, non ci sta a fare la comparsa, e con Mthlouti e Peroni parte megli (4-5). Dall’altra parte sono Berti dall’arco e Villani con le sue scorribande a piegare la difesa ospite, trovando il primo vantaggio a 7’30” (7-5), quindi allungando fino al +5, ma Serino (febbricitante) è troppo isolato, e in difesa la Mimi’s rispolvera un suo male atavico, quello nei rientri difensivi. La piaga viene sfruttata alla grande dagli ospiti, specie con Peroni, Marcante e Giancarli dall’arco (8/13 da 3 a fine quarto), ma complessivamente la Terra di Tuscia dà l’impressione di giocare a memoria, con automatismi perfetti e spaziature notevoli: arriva così il nuovo vantaggio ospite a 4’30” (14-15), consolidato fino a fine quarto nonostante il passaggio a zona dei partenopei, bravi comunque nel tenersi a galla con un Serino eroico, una tripla di Giovanatto e un Fall che stavolta sotto mostra maggiore reattività. 23-27 al 10′.

Martino in campo per la seconda frazione, aperta da Rovere che in transizione vince vari rimpalli e appoggia: +5 Terra di Tuscia, campanello d’allarme per l’Azzurro, che risponde con un 8-0 firmato Fall, cinque punti di Parrillo da fuori e un’ottima linea di fondo di Iannone a servire Martino. 6’52”, fiato per gli ottimi Giancarli e Peroni, rilevati da Cianci e Mathlouti, ma ai cecchini del primo quarto si sostituisce Rovere per la parità, sfiorata poco dopo con un Marsili più brillante, in risposta a un altro 5-0 targato Parrillo da 3 Iannone in contropiede.  37-36, si rivede anche Mathlouti lavorando in contropiede, ma Iannone continua a segnare e far segnare in vista degli ultimi 2′, Mimi’s in apparente controllo sul +7 (43-36);Marsili nel frattempo si conferma dominante nei cinque metri e in vernice, Serino sportella a dovere per gli ultimi due personali, ma proprio a chiusura di frazione arriva il suo terzo fallo: 45-40 al 20′.

Pre la ripresa Berti torna finalmente in campo, e la differenza si vede, in uno con il gap di rotazioni, atletismo ed esperienza: Fall non fa sentire minimamente l’assenza di Serino, spinge bene a rimbalzo offensivo e si fa rispettare in vernice; Berti sa lavorare di fisico e di fioretto aprendo gli spazi a regola d’arte, Villani torna a farsi sentire dall’ uno contro uno. In prima battuta Viterbo risponde anche con Mathlouti dalla rimessa, Marsili in velocità e Peroni da 3, ma è l’ultimo sussulto. Napoli stringe bene le maglie anche in difesa, e la giusta pressione difensiva si abbina alla concretezza offensiva, tale da indurre Marcante al quarto fallo: sarà la mossa decisiva, visto che si apre dal 52-47 un parzialone di 11-0 con i pretoriani Berti e Villani nelle vesti di grandi vedette. In n particolare spicca l’ex Omegna, che con otto punti di fila fa toccare all’Azzurro il +16 (63-47) con 3’32” sul cronometro.  Di fatto è la resa di Viterbo, che con l’antisportivo di Peroni fa allungare Napoli a +20, il tutto mentre Marsili trova punti per mero onor di firma, e c’è spazio anche per Martino. 73-52 al 30′.

Ultima frazione che come costume è di pura amministrazione per Napoli: Fall apre dalla lunetta, Villani incalza e da 3 per il +23, ritoccato quindi a +25 da Serino, autore dei liberi che chiudono il match; sull’altra sponda è Marcante a rimpinguare il tabellino, minuti pro forma anche per il senegalese Ndiaye, che d’aspetto è un autentico sosia di Manute Bol, e se non altro va a referto con un discreto 2+1. 92-67 il finale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy