Serie B. Napoli sul velluto, ma questa Palermo è da play-off

Serie B. Napoli sul velluto, ma questa Palermo è da play-off

Commenta per primo!

Una reazione per la Mimi’s di Giampaolo Di Lorenzo, Napoli consolida il secondo posto superando una Palermo che rimpiange le sue cessioni, ma non molla mai, mettendo in discussione fino alla fine la differenza canestri.

MIMI’S NAPOLI – NUOVA AQUILA PALERMO 77-63

PARZIALI: 21-11; 41-30; 59-47

NAPOLI: Spera ne, Iannone 15, Martino 2, Serino 17, Villani 14, Berti 8, Giovanatto 6, Sabbatino 3, Fall 6, Parrillo 8. All.: Di Lorenzo.

PALERMO: Requena 7, Cozzoli 26, Antonelli 12, Azzaro 1, Merletto 5, Di Emidio 4, Urbqani n.e., Ondo Mengue. All.: Tucci.

ARBITRI: Sig.ri Isimbaldi di Briosco (MB) e Bonotto di Vazzola (TV)

NEXT: 24/1, ore 18.00. NAP VS STELLA AZZURRA, PAL VS SCAURI

L’Aquila “rimaneggiata” parte con Merletto, Cozzoli, Ondo Mengue, Requena e Antonelli, novità in quintetto per Napoli con Sabbatino e Fall in asse play-pivot, accompagnati da Parrillo, Villani e  Giovanatto.

Partenza sprint della Mimi’s con Parrillo e Villani da 3, presto si unisce alle danze Giovanatto (8-0 a 5’41” dalla prima pausa), Palermo è sbrigativa in attacco, forza da 3, è frettolosa sul piano del ritmo, che non controlla neanche in difesa ricorrendo alla zona. Fall comanda a rimbalzo e concreto in copertura su Antonelli, inevitabile il time-out di Tucci con Di Emidio per Ondo Mengue. E’ proprio dell’ex Chieti il primo punto Aquila nel match, a stretto giro c’è anche un redivivo Antonelli, che da 3 piazza il primo canestro dal campo (8-4 a 3’31”), risponde però Serino appena entrato dall’arco, in punta per l’11-4. Il gigante ex Agropoli si è svegliato, tenendo egregiamente contro le iniziative di Antonelli e Cozzoli da 3, Napoli viaggia alla grande con l’ottimo apporto di Sabbatino e Villani in versione speciale assistman. Spazio anche Berti (frenato in settimana da problemi alla schiena), un libero e una linea di fondo di Villani regalano il +8 (18-10), un nuovo massimo vantaggio viene raggiunto con Iannone dall’arco (che ha rilevato Parrillo). 21-11 al 10′, 14-8 Napoli a rimbalzo con 4/7 da 3.

Iannone forzando da 3 riapre da dove aveva concluso, grande smalto in difesa per l’Azzurro sui cambi difensivi, Palermo si tiene a galla grazie ai punti veloci di Merletto e Requena (26-15 Napoli, 7’19” all’intervallo). Anche Giovanatto elimina dalla lunetta la sua virgola, ma Napoli è già in bonus con oltre 6′ sul cronometro: Palermo ne approfitterà con grande continuità grazie a Requena, Urbani e gli immancabili Cozzoli e Merletto, dall’altra parte Di Lorenzo dà spazio a Spera da 5, pagando qualche suo ritardo difensivo. Ci pensa però Villani a rimettere le cose in regola con i punti oltre agli assist, creando spazio per il piazzato di Berti (35-22 a 3’15”), Fall torna in campo e offre sprazzi discreti,  in difesa schierandosi Napoli non lascia spazi all’Aquila, i cui punti di Antonelli – per una volta servito comodamente – chiudono la frazione. 41-30 al 20′.

Berti, Parrillo, Iannone, Fall e Serino per Napoli, Cozzoli, Azzaro, Ondo Mengue, Requena e Merletto per Palermo in avvio di ripresa. Altra uscita encomiabile dai blocchi, grazie al 6-0 firmato Berti, Serino e Iannone, la risposta ospite è affidata alla verve di Cozzoli dall’arco con due triple, ma Fall a rimbalzo c’è, e se Requena sfida la zona andando a bersaglio, Berti e Serino confezionano un altro 4-0 che a 6’10” dall’ultima pausa costringe Tucci al time-out. Fuori Azzaro e Ondo Mengue per Di Emidio e Antonelli, è ancora Berti a viaggiare di gran carriera in contropiede, non è da meno Iannone in arresto e tiro, rispondendo alla tripla di Di Emidio. Merletto non costruisce con continuità, uniche boccate di ossigeno arrivano al contropiede con il giovane Giardina (57-44 a 2’57”), la frazione si chiude con il botta e risposta sull’asse Serino – Cozzoli. 59-47 al 30′.

Fall per Serino dopo il 3° fallo, a pochi secondo dall’avvio di ultima frazione, a stretto giro però arrivano due triple consecutive di Sabbatino e Parrillo, entrambe su ottima circolazione (65-47 a 7’34”). Di Emidio in regia offre poco e pasticcia in attacco, Antonelli sfrutta le disattenzioni di Fall su entrambi i lati del campo, Villani e Iannone da 3 regalano un altro strappetto niente male, in uno con Giovanatto e il suo piazzato, ma nonostante il -18  con 3′ da giocare Palermo non molla. Il discorso scontro diretto è ancora aperto, lo sanno meglio di tutto Merletto e Cozzoli, che piazzano un 0-8 di assoluto valore, gli ultimi secondi sanno di overtime, ma non lo sono. Villani di forza va di 2+1, Cozzoli dall’altra parte sbaglia il secondo dopo aver segnato il primo, ma a rimbalzo è Napoli ad avere la meglio. 77-63 il finale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy