Serie B – Omegna, contro l’Urania Milano arriva la prima sconfitta

Serie B – Omegna, contro l’Urania Milano arriva la prima sconfitta

Ultimi minuti pessimi offensivamente per la Fulgor, che subisce un mega break che condanna Omegna alla prima sconfitta dell’anno 79-71.

di La Redazione

Avvio decisamente contratto da ambo le parti: errori e palle perse nei primi due minuti. Paleari dalla lunetta sblocca per Milano, poi Benedusi apre il fuoco dall’arco. Laudoni regala il primo break, ma Fratto per due volte dalla lunga e Simoncelli producono il 15/11 per la Paffoni. Ferrarese si presenta con un dardo, imitato poco dopo da Paleari per il 16/15 Urania all’8′. Ancora Simoncelli, Benedusi e lo scatenato Fratto per un break Fulgor a chiudere il quarto: 23/21 Paffoni al 10′. Meglio Urania dopo il primo riposo: Paleari fa male, anche perché la difesa cusiana concede stranamente troppo. Un gioco da tre punti di Ferrarese vale il 29/25. Vantaggio bianconero che tocca anche il più 9, prima che il solito Simoncelli ci metta una pezza per il 36/30 del 17′. Botta e risposta negli ultimi 3′, con animi che si surriscaldano per qualche gesto un po fuori dalle righe di Laudoni. Negli spogliatoi si va sul 40/35 per l’Urania dopo il canestro e fallo di Dip. Arrigoni e Torgano per il meno 2 del 21′, poi Santolomazza e Laudoni per il 46/40. La Paffoni ha un’altra faccia e gambe che corrono a mille, Arrigoni, Dip e Benedusi sono gli artefici del sorpasso sul 46/47del 25′. La Paffoni prova a scappare, Milano rimane attaccata alla capolista grazie ai tantissimi viaggi in lunetta. A fil di sirena, dopo una precedente magia di Ferrarese, lo scatenato Fratto segna il canestro del 57/55 per Omegna. È’ il lungo toscano l’uomo on fire: otto punti in fila per il massimo vantaggio sul 65/58. Non molla Milano: Ferrarese, Eliantonio e Laudoni per il nuovo meno 2 al 34′. L’inerzia cambia, anche perché i due in grigio arbitrano a senso unico, con 7 falli a 1 a 2′ dalla fine. Urania ci mette anche del suo, giocando sicuramente bene in attacco e punendo gli errori della Paffoni. Paleari e Laudoni producono un mega parziale che consente alla squadra di casa di ipotecare il successo. Ultimi minuti pessimi offensivamente per la Fulgor, che subisce un mega break che condanna Omegna alla prima sconfitta dell’anno 79-71.

Super Flavor Milano – Paffoni Omegna 79-71 (21-23, 19-12, 15-22, 24-14)
Super Flavor Milano: Simone Ferrarese 21 (3/6, 3/5), Stefano Laudoni 19 (6/9, 1/8), Andrea Paleari 15 (6/10, 0/2), Giacomo Eliantonio 10 (2/3, 1/5), Riccardo Santolamazza 10 (2/2, 0/2), Andrea Negri 2 (1/3, 0/1), Luca Albique 2 (1/1, 0/0), Riccardo Scroccaro 0 (0/0, 0/0), Felipe Menezes 0 (0/0, 0/0), Renzel Orenze 0 (0/0, 0/0), Gabriel Marnetto 0 (0/0, 0/0), Jacopo Sedazzari 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 22 / 24 – Rimbalzi: 33 7 + 26 (Stefano Laudoni 11) – Assist: 20 (Riccardo Santolamazza 7)
Paffoni Omegna: Francesco Fratto 21 (3/6, 5/8), Alex Simoncelli 14 (1/3, 4/6), Marcelo Dip 12 (5/6, 0/1), Nicolò Benedusi 11 (1/2, 3/5), Kevin Brigato 5 (1/3, 1/2), Marco Arrigoni 4 (1/5, 0/5), Marco Torgano 2 (1/2, 0/3), francesco Villa 2 (1/1, 0/2), Marco Di pizzo 0 (0/0, 0/0), Tommaso Milani 0 (0/0, 0/0), Riccardo Ramenghi 0 (0/0, 0/0), Gionata Guala 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 4 / 8 – Rimbalzi: 24 3 + 21 (Nicolò Benedusi 7) – Assist: 17 (Alex Simoncelli 6)

FONTE: Uff. Comunicazione Fulgor Basket Omegna

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy