Serie B. Padova resta imbattuta, Faenza cede ma con onore

Serie B. Padova resta imbattuta, Faenza cede ma con onore

Niente da fare per la Rekico sul campo della capolista, sconfitta con un punteggio ben più ampio di quello che ha detto realmente il campo.

Commenta per primo!

Broetto    Padova 77 – Rekico Faenza    56

(11-17; 41-28; 59-47)

PADOVA: Schiavon 13, Canelo 7, Clark 2, Ferrara 11, Cusinato, Lazzaro 21, Pavan, Salvato 10, Nobile 6, Crosato 7. All.: Friso.
FAENZA: Perin 11, Boero 3, Silimbani 4, Donadoni 10, Benedetti 3, Casadei 4, Iattoni 15, Agriesti, Pini 6, Di Coste. All.: Regazzi.
ARBITRI: Spinelli – Sordi
USCITO PER FALLI: Iattoni

Niente da fare per la Rekico sul campo della capolista, sconfitta con un punteggio ben più ampio di quello che ha detto realmente il campo. Padova vince con pieno merito e resta in vetta a punteggio pieno grazie al maggior cinismo mostrato nei momenti decisivi del match. La vera notizia negativa per Faenza è il duro colpo subito da Benedetti nel finale, letteralmente “affondato” da un duro e inspiegabile intervento di Canelo. Il playmaker faentino ha sbattuto sul parquet il ginocchio destro e si spera non sia nulla di grave, considerata anche l’assenza di Penserini, non sceso in campo a Padova per un problema al ginocchio accusato in allenamento. Per fortuna pare sia soltanto una dura contusione.

L’avvio di gara è tutto di marca Rekico, con i giocatori che lottano in difesa su ogni pallone mettendo in difficoltà Padova, costringendola a perdere molti palloni anche in maniera banale. L’attacco gira molto bene ed è una tripla di Benedetti a regalare il 17-8 all’8’. Un vantaggio però illusorio, perché la Broetto riordina le idee affidandosi in attacco ad un immarcabile Lazzaro (19 punti nel primo tempo per lui) e alla fisicità piazzando un break di 14-1 per il 22-18. Faenza accusa il colpo e in attacco non trova la via del canestro e così al riposo si ritrova ad inseguire 41-28.

L’intervallo serve a rimettere a posto le cose e al rientro in campo arriva la reazione. Una tripla di Pini vale il 41-48, ma Padova risponde con tiri dagli angoli, bloccando ogni tentativo di rimonta dei faentini. Lo svantaggio della Rekico resta sempre in doppia cifra, ma ancora una volta il cuore dei Raggisolaris è grande e arriva il 50-59. Questa volta è Schiavon a gelare gli animi romagnoli con una tripla (62-50), ripetendosi poi pochi minuti più tardi con quella del 68-52. Gli ultimi minuti sono all’insegna di un inspiegabile nervosismo e a farne le spese è Benedetti che viene travolto da Canelo con un duro colpo alla testa cadendo rovinosamente per fortuna senza conseguenze. Finisce comunque con gli applausi dei cinquanta tifosi faentini che non hanno voluto far mancare il loro apporto alla squadra anche in questa trasferta.

Nel prossimo turno la Rekico ospiterà l’Aurora Pallacanestro Desio, match in programma domenica 30 ottobre alle 18 al PalaCattani.

FONTE: Uff. Stampa Raggisolaris Faenza

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy