Serie B, Patti: parla coach Sidoti

Le parole di coach Sidoti

Commenta per primo!

A poco più di un mese dall’inizio del campionato a Patti, e non solo, c’è tanta curiosità per vedere in campo la nuova squadra allestita, come consuetudine, da coach Pippo Sidoti. Tornare nuovamente a giocare un campionato prestigioso dopo tanto digiuno sportivo, ha rianimato un ambiente un po’ assopito e disilluso, ma ora sembra essersi reso conto della fantastica impresa della scorsa stagione, conclusa con l’approdo al terzo campionato nazionale di pallacanestro: la serie B. Gli sponsor e gli abbonati che stanno sostenendo la squadra pattese, hanno dimostrato di credere in questo progetto dove i giovani sono protagonisti in campo e soprattutto dove il duro lavoro viene sempre messo come primo fondamentale punto della “lista”, i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Fra poco finalmente si comincia, i primi allenamenti di coach Sidoti, insieme al fido preparatore atletico Franco Pichilli, si stanno svolgendo con programmazione e intensità e fra poco si sapranno le date ufficiali dei match amichevoli di precampionato. Tutto è pronto, anche il coach che ci ha raccontato le sue sensazioni recentemente:

Questa è l’ennesima scommessa della mia carriera – ci racconta il coach – abbiamo puntato come lo scorso anno a valorizzare i nostri giovani locali e in più abbiamo inserito tre giocatori provenienti da oltre lo stretto, anche loro giovani ma di belle speranze . Le sensazioni sono molto buone – ci dice Pippo – , c’è grande entusiasmo anche se tutti sappiamo di dover lavorare duramente per raggiungere il risultato minimo, che è la salvezza. Anche la società si sta impegnando molto, perché il campionato di serie B dal punto di vista economico e organizzativo è abbastanza impegnativo. Stiamo crescendo, ci sono novità anche con l’ingresso di nuovi soci che hanno portato nuova linfa ed entusiasmo dentro la società stessa. – c’è tanta voglia di cominciare da parte del coach – Affronto questa ennesima stagione con grande entusiasmo e con un pizzico di emozione perché, dopo soli due anni dal mio ritorno a Patti non pensavo di essere di nuovo protagonista in un campionato nazionale e così importante come quello di serie B.

Ufficio stampa Sport È Cultura Patti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy