Serie B. Pescara, a Senigallia per restare in alto

Serie B. Pescara, a Senigallia per restare in alto

Commenta per primo!

Un’Amatori rinfrancata dalla netta vittoria su Martina dopo lo scivolone di Vasto, torna a viaggiare, stavolta in direzione Nord, per affrontare la Goldengas Senigallia di coach Alessandro Valli in un match che si preannuncia difficile ed equilibrato.

I marchigiani sono, come i pescaresi, a sei punti con tre vinte e due perse e fanno del loro Palapanzini un vero e proprio fortino. Infatti finora hanno vinto le tre partite in casa con Martina, San Severo e Monteroni mentre hanno perso le due in trasferta con Vasto e Taranto. Si direbbe quindi una squadra che fà del proprio campo un fattore importante.

Coach Valli, al quinto anno a Senigallia (dove nel 2013 ha vinto il titolo Under 19 Elite), dispone di un roster di categoria, esperto e profondo, di età media piuttosto alta che ruota nove uomini oltre i  15 minuti a partita. I punti di riferimento sono il play trentaquattrenne Marco Gnaccarini (13.3 punti con il 57% da due 3.3 assist in 33 min a partita), il pivot ex Vasto Matteo Marinelli, 31 anni, che ha iniziato la stagione alla grande 13,8 punti e 5,8 rimbalzi in 25.42 min di media, e la guardia ventinovenne Andrea Barsanti, top scorer con 16.6 punti (37% da tre). Sotto le plance si fa valere anche Sergio Maddaloni, leader dei rimbalzi con quasi 9 a partita a cui accoppia 8.8 punti in 33 minuti, e l’altro centro Mirco Pierantoni (202 cm di 34 anni che referta 8.6 punti e 5.2 rimbalzi in 23 min di media). Dal pino si alzano spesso e volentieri Fabrizio Pasquinelli (4 punti in 18.4 minuti) Michael Bertoni (4.2 rimbalzi in 18.4 min) Michele Caverni (5.8 punti) e Nicola Catalani (3.6 punti) entrambi in campo per ca 14 minuti.

Domenica scorsa, dopo due rocambolesche vittorie in casa con San Severo (al supplementare) e Monteroni, ha perso a Taranto sbagliando totalmente l’approccio alla partita e andando sotto di 20 prima di iniziare una rimonta che è arrivata ad un soffio dal compiersi con la tripla del pareggio sbagliata da Pasquinelli.

Sulla sponda pescarese la bella e convincente vittoria su Martinafranca ha restituito subito il sorriso alla “truppa Salvemini” che in settimana si è allenata sempre in maniera serena ed intensa, lavorando anche mentalmente per cercare di violare il bunker del Palapanzini, impresa sin qui riuscita a nessuno.

Le cifre delle prime cinque partite pendono leggermente a favore di Pescara che ha subìto 60.8 punti a partita (miglior difesa del girone) segnandone 75.6 contro i 74.8 di Senigallia che invece ne ha subiti 71.6. Pescara prende un rimbalzo in meno (36.8 contro 37.8) ma perde meno palloni 9.8 contro 15.2 e ne recupera di più (9 vs 7.2), mentre Senigallia scarta più “cioccolatini” (15 vs 11.8 dei pescaresi) per una valutazione media che dice Pescara 78 Senigallia 76.

Cifre che fanno prevedere una gara intensa ed equilibrata in cui, salvo cali di concentrazione, difficilmente ci saranno grossi scarti da una parte o dall’altra per cui il divertimento per il pubblico sarà assicurato.

Alzeranno la palla alle 18 di domenica 1 novembre gli arbitri Enrico D’Orazio di Vittorio Veneto (TV) e Giulia Sartori di Arsiè (BL)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy