Serie B. Pescara, c’è Bisceglie ma bisogna sfatare il tabù PalaElettra

Serie B. Pescara, c’è Bisceglie ma bisogna sfatare il tabù PalaElettra

Commenta per primo!

Dopo lo sfortunato esordio interno con San Severo e la schiacciante vittoria di Valmontone, L’Amatori torna al Palaelettra per ricevere una delle “signore” del Girone D della serie B. L’Ambrosia Bisceglie infatti è una delle società con maggior militanza nella categoria e sempre nelle fasce alte della classifica. Negli ultimi due campionati ha perso in finale con Scafati nel 2014 e lo scorso anno, indicata ancora come una delle favorite alla vigilia, non ha deluso le attese arrivando a gara 5 di semifinale contro l’altra corazzata Palermo, dopo aver concluso al secondo posto la regular season.

In estate però la società ha deciso di cambiare molto, a partire dal coach, sostituendo Pasquale Scoccimarro con il debuttante Valerio Corvino, giocatore fino alla scorsa stagione. Anche il roster si presenta molto ringiovanito, con un solo over 30 (il Capitano Mauro Torresi), e le conferme di Gambarota e Drigo (che sta recuperando dal brutto infortunio patito nei playoff).

Pur in un’ottica di budget ridotto però, sul mercato la compagine pugliese si è mossa molto bene pescando prospetti giovani ma già con esperienza in categoria e di sicuro spessore. E’ arrivato quindi l’ala grande Simone Zanotti, 2.08 di 23 anni, scuola Reggio Emilia poi Lucca, Torino e, dopo un brutto infortunio, l’anno scorso in B ad Arzignano con 14.4 punti e 7 rimbalzi di media. L’altro lungo è Alessandro Cecchetti, 24 enne romano di scuola Eurobasket e poi a Recanati, Latina e San Severo. A loro due si affianca l’italo/polacco Sandro Listwon 23enne ex Montecatini, Cecina e Cefalù. La regia, oltre a Torresi è stata affidata a Renato Buono, promettente play materano con apparizioni ad Agropoli e Piacenza. Inoltre da Mola è rientrato Andrea Chiriatti, esterno con punti nelle mani, che però non sarà della partita a causa di un infortunio alla caviglia.

Insomma un buon gruppo che, nelle due giornate precedenti, ha forse toccato i due estremi del girone saggiando la forza della corazzata Falconara nella prima (sconfitta 67-93) e incontrando la giovanissima Mola nella seconda, con vittoria interna per 94-80.

Un impegno da prendere con le dovute molle dai ragazzi di Salvemini per confermare la grande reazione avuta a Valmontone dopo la beffa con San Severo e soprattutto tornare a vincere al Palaelettra, dopo le tre sconfitte consecutive tra playoff dello scorso campionato e prima giornata di questo.

Anche nelle fila pescaresi c’è però uno “scavigliato”: Emidio Di Donato, uno dei più in forma della truppa di Salvemini, si è fermato per una distorsione nel primo allenamento di martedì e non si è più allenato per tutta la settimana. Si spera di poterlo portare comunque in panchina e poterlo utilizzare qualche minuto.

La chiave della partita sarà probabilmente nel ritmo: Bisceglie rispecchia la filosofia del suo allenatore quando giocava, ovvero un garibaldino corri e tira. Pescara dovrà cercare di portarla sui suoi ritmi più ragionati. Si aspetta comunque una sfida equilibrata ed interessante, sperando in una degna cornice di pubblico.

Palla a due domenica alle 18 al Palaelettra di Pescara, alzata dai signori Tammaro di Giffoni (SA) e Rodia di Avellino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy