Serie B. Pescara, con Monteroni operazione settebello

Serie B. Pescara, con Monteroni operazione settebello

Senza poter tirare il fiato dopo le battaglie con Senigallia (vinta in rimonta all’overtime domenica scorsa) e di Giulianova (altra vittoria in rimonta sul filo di lana nell’infrasettimanale di mercoledì sera), l’Amatori scenderà di nuovo in campo.

Commenta per primo!

Di Alessandro Bedeschini Bucci

Senza poter  tirare il fiato dopo le battaglie con Senigallia (vinta in rimonta all’overtime domenica scorsa) e di Giulianova (altra vittoria in rimonta sul filo di lana nell’infrasettimanale di mercoledì sera), l’Amatori scenderà di nuovo in campo domani pomeriggio contro la NPM Monteroni per la ottava giornata di ritorno.

I ragazzi del Presidente Carlo Di Fabio ci arrivano in striscia vincente da sei turni consecutivi e quindi con il morale molto alto nonostante le “tossine” accumulate nei due ultimi tiratissimi match della settimana.  Due partite soffertissime e vinte sul filo di lana rimontando svantaggi importanti a pochi minuti dalla fine, dando prova perciò di grande carattere e compattezza del gruppo di coach Salvemini, che si attesta così al sesto posto con un margine di dieci punti sulla nona. E a soli due dalla quinta. L’obiettivo play off, inizialmente posto dalla dirigenza, può considerarsi acquisito.

Domenica però arriva Monteroni, che a sua volta sembra attraversare di nuovo un buon periodo dopo l’appannamento di metà stagione che le aveva fatto perdere qualche posizione, scivolando ai margini della zona playoff. Appannamento peraltro coinciso anche con l’assenza per infortunio del talentuoso YancarlosRodriguez, play-guardia di scuola Stella Azzurra, che insieme all’esperto centro Manuele  Mocavero, costituisce forse il miglior asse play-pivot del girone, come dimostrano le cifre che li vedono rispettivamente  al quarto e secondo posto come media punti realizzati (in diretta competizione tra l’altro col pescarese Simone Pepe). Con il rientro di Rodriguez(sempre abbondantemente sopra i 20 punti nelle ultime quattro gare), la NPM ha ripreso il ruolino di marcia dell’inizio del girone di andata infilando buone prestazioni e belle vittorie, ad eccezione della netta sconfitta di Montegranaro (dove però mancava Mocavero).

Oltre ai due indiscussi leader, coach Manfreda può contare anche sul costante apporto di Ingrosso,Potìe Leucci in esterno, mentre nel pitturato affiancano Mocaverol’esperto Paiano e i giovani Ianualee Prete.

I salentini occupano al momento l’ultimo posto disponibile per la post season con 20 punti, otto in meno dei pescaresi, frutto di 10 vittorie e 12 sconfitte, ottenute segnando 73.7 punti di media e subendone 77.5, tirando con il 54% da due, il 28% da tre e il 74% a gioco fermo. Catturano 34 rimbalzi ad alzata, con una gestione della palla sicuramente migliorabile (13.5 perse e 4.8 recuperate) mentre smazzano 11.7 assist per una valutazione media di squadra di 68.

Dall’altro lato Pescara, grazie alla serie aperta di sei consecutive vinte, totalizza 28 punti che valgono il quinto posto in solitaria e con sei di vantaggio sulla sesta. Significano 14 vinte e 8 perse, ottenute segnando 75.5 punti e subendone 69.5. Rispetto ai leccesi tira un po’ meno bene da due (44%) ma meglio da tre (33%) e dalla lunetta (75%), cattura tre rimbalzi in più (37) e gestisce decisamente meglio la palla con 11 perse e 8 recuperi. Gli assist sono 11.2 per una valutazione media di squadra di 76.

Sul fronte dei singoli promettono scintille e spettacolo i duelli Rajola-Pepe contro Rodriguez-Ingrosso lontano dal canestro e Polonara-Di Donato contro Mocavero-Paianovicino al ferro. L’energia di Marco Timperi da una parte e di AlessandroPotì dall’altra completa i quintetti, con JJ De Vincenzo e Matteo Bini e Gianmarco Ianualee Angelo Pretea scalpitare sui rispettivi pini, pronti all’ingresso. E soprattutto il nuovo arrivato in casa pescarese Andrea Capitanelli che, a causa del turno infrasettimanale non ha ancora avuto la possibilità di allenarsi con calma per assimilare gli schemi di Salvemini, freme per poter dare tutto il suo contributo di utilità alla causa biancorossa.

Con l’arrivo di Capitanelli sembra giunta invece al termine l’esperienza pescarese di Alessandro Tabbi che nelle prossime ore sarà liberato consensualmente dalla società per poter cercare più minutaggio in un’altra piazza della categoria.

All’andata finì con una netta vittoria pescarese in terra salentina per 78-61 in una che rimane ancora tra le migliori prestazioni stagionali della banda Salvemini. Ma ogni partita è una storia a sé per cui domenica al Palaelettra, al cospetto di un pubblico che, poco alla volta ma costantemente, si avvicina sempre di più ai ragazzi del Presidente Di Fabio, ci si aspetta una gara equilibrata e bella,  proprio per i numerosi duelli tecnici che la contraddistingueranno.

Palla a due alle 18 di domenica 21 febbraio al Palaelettra di Pescara, con la direzione degli arbitri Matteo Bergami di San Pietro in Casale (BO) e Lorenzo Bianchi di Rimini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy