Serie B. “Pescara pronta per Agropoli”, parola dell’assistant coach Marco Scorrano

Serie B. “Pescara pronta per Agropoli”, parola dell’assistant coach Marco Scorrano

Commenta per primo!

Dopo la bella vittoria in gara tre contro il Catanzaro, l’Amatori affronterà Agropoli in semifinale; chiediamo all’assistant coach Marco Scorrano di raccontarci l’emozionante serie dei quarti e di presentarci la semifinale.

Con Catanzaro è stata veramente una bella battaglia, equilibrata ed emozionante. Soprattutto gara due in trasferta, con un palazzetto stracolmo di un bellissimo pubblico pronto a festeggiare il passaggio del turno, è stata un’autentica impresa dei nostri ragazzi. E’ stata una bellissima esperienza, suggellata dal fatto di vedere in campo dei ragazzi così giovani che hanno dimostrato una grande maturità, non cedendo allo sconforto dopo la sconfitta in gara 1 e sfoggiando un’enorme prova di carattere.

A proposito di giovani, la ciliegina sulla torta è stata anche la “bomba” di Timperi, classe 1997, che ha suggellato gara tre.

Esatto, quello visto in gara tre secondo me è stato l’episodio che più di ogni altro rappresenta quello che è il risultato più importante di questa stagione, vale a dire prendere dei ragazzi e crederci, rendendoli protagonisti in un campionato così importante, e con dei ruoli non di rincalzo ma di prima linea. Questo è stato a mio avviso il vero obiettivo che abbiamo raggiunto in questa stagione.

Domenica partono le semifinali affrontiamo la corazzata del girone D Agropoli, che serie sarà secondo te?

Mi aspetto una serie altrettanto bella, sulla carta per noi proibitiva, ma ricordiamoci di quello che siamo riusciti a fare ad Agropoli nel turno di campionato, dove siamo andati vicinissimi alla vittoria, mancata solo per qualche episodio sfavorevole. Chiaramente affrontiamo una squadra di livello, composta da giocatori sicuramente di categoria superiore, di grande esperienza, un gruppo ben allenato e ben messo in campo che ha dimostrato di far vedere un’ottima pallacanestro e una grande sicurezza nei propri mezzi.

Tuttavia noi non partiamo affatto da sconfitti e andiamo lì per mettere in campo tutto ciò su cui abbiamo lavorato dal 18 Agosto, e per giocarci la nostra partita dal primo all’ultimo minuto.

E la stagione di Marco Scorrano come è stata?

Eccezionale sotto ogni aspetto. Per me è stata la prima stagione da assistente in serie B. Finora ho fatto solo giovanili e serie D poi l’estate scorsa è arrivata, inaspettata ma graditissima, la chiamata dell’Amatori nello staff di Giorgio Salvemini (che mi aveva fatto il corso allenatori) ed è iniziata l’avventura. E’ stato un anno fantastico, Giorgio è una persona che fa crescere tutti, giocatori e allenatori, con una grande carica umana. Lavorare con lui è una grande esperienza, gratificante e formativa da tutti i punti di vista.

Grazie Marco, complimenti per la grande stagione e buona semifinale

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy