Serie B playoff, QF G1 – Urania straripante al PalaIseo, rosso-blù super contro Crema

Serie B playoff, QF G1 – Urania straripante al PalaIseo, rosso-blù super contro Crema

Una partita senza storia, dove i Wildcats hanno condotto dall’inizio alla fine senza mai voltarsi indietro. Il risultato finale recita 84-64 in favore dei rossoblu che, dopo un parziale travolgente nel primo quarto (17-1), portano a casa un risultato importantissimo .

Commenta per primo!

Una bolgia di tifo, di gioco e di punti travolge l’Erogasmet Crema e permette all’Urania Milano di vincere gara-1 dei playoff di Serie B. Una partita senza storia, dove i Wildcats hanno condotto dall’inizio alla fine senza mai voltarsi indietro. Il risultato finale recita 84-64 in favore dei rossoblu che, dopo un parziale travolgente nel primo quarto (17-1), portano a casa un risultato importantissimo in vista del ritorno in casa di Crema giovedì prossimo. Il top scorer di serata per l’Urania è Torgano, autore di 20 punti, ma una menzione particolare va a Mariani (17 punti e 10 assist) e in generale a tutta la squadra, protagonista di una partita di altissimo livello.

Al Pala Iseo i quintetti di partenza sono De Bettin-Mariani-Torgano-De Min-Paleari per i Wildcats, mentre gli ospiti dell’Erogasmet Crema schierano in campo Montanari-Tardito-Del Sorbo-Cisse-Zanella.

Primo tempo

L’atmosfera caldissima del Pala Iseo spinge le squadre a partire con l’adrenalina a mille. Milano sfrutta la transizione veloce con i lay-up in sequenza di De Bettin e Torgano per scappare subito sull’8-1. Crema è stordita dall’inizio Urania e coach Baldiraghi è costretto a chiamare time-out per fermare il parziale dei padroni di casa. Il parziale a metà del primo quarto è impressionante e in contropiede il duo Mariani-Paleari confeziona il canestro del +13 sul 15-1. Crema ottiene la scossa dalla panchina, soprattutto grazie all’energia di Liberati, e si riavvicina sul -10 col canestro da sotto di Zanella. I Wildcats, però, sono infiniti nella prima frazione e grazie all’ennesimo contropiede condotto da Paleari lasciano Crema a due minuti dalla fine sotto di 16 punti. Il distacco rimane invariato fino alla fine del quarto, con l’errore da sotto di De Bettin che chiude la frazione sul 26-11 in favore Urania. L’inizio di secondo quarto vede una nuova linfa per Crema che, con un parziale di 4-0, costringe coach Ghizzinardi a chiamare time-out per parlare coi suoi giocatori. Il primo canestro dei Wildcats porta la firma di Paleari, ridando dopo tre minuti di gioco, 9 lunghezze di vantaggio ai milanesi: 28-19. E’ la scossa che serviva all’Urania per riprendere a macinare punti in attacco, coi ragazzi di Ghizzinardi capaci di piazzare un contro-parziale di 11-0 riportandosi sul 37-19 a metà del secondo quarto. I contropiedisti rossoblu non danno segni di stanchezza, mentre Crema è di nuovo alle corde, e un indemoniato Stijepovic confeziona il canestro+fallo che vale il 43-19 a tre minuti dal termine del quarto. Una pioggia di triple affossa la difesa di Crema, con l’Urania che conduce agevolmente fino alla fine del primo tempo sul punteggio di 51-28. Top scorer per i Wildcats Torgano con 17 punti a referto. Per l’Erogasmet Crema il migliore è Montanari con 7 punti.

Secondo tempo

L’inizio del terzo quarto ricalca ciò ch’era successo nel precedente: Crema parte forte alla ricerca di ricucire lo svantaggio, mentre Milano invece deve ancora ingranare. Ci pensa Mariani a svegliare i compagni, mettendo a segno un mini-parziale di 4-0 che riporta i Wildcats avanti sul 55-33. I ritmi si abbassano notevolmente, ma non le percentuali dei Wildcats, che a metà del terzo quarto conducono il match sul +23 grazie alla tripla di De Min in campo aperto. A piccoli passi gli ospiti si avvicinano, ma la forbice tra le due squadre rimane ampia nonostante la tripla di Cisse dia il -19 a Crema a due minuti dal termine del quarto. L’ultimo possesso del quarto non regala l’ennesima tripla per i Wildcats, causa l’errore di Ganguzza, ma il punteggio è ancora a favore dei rossoblu sul 68-48. Il copione di inizio ultimo quarto, come nei precedenti, vede Crema rientrare a piccoli passi in partita: 68-52 per i Wildcats dopo tre minuti di gioco. In soccorso dei rossoblu, ancora una volta, ci pensa il top scorer di serata Torgano con il canestro in entrata che vale il nuovo +20. Due triple consecutive di Montanari, però, ridanno ossigeno agli ospiti che si riportano sotto sul 74-58 a metà dell’ultimo quarto. L’attacco Urania ricomincia a girare nel modo giusto e col decimo assist di serata di Mariani, raccolto da un solissimo Stijepovic, il vantaggio ritorna sul +20 col punteggio di 80-60. Nel finale coach Ghizzinardi fa esordire sul parquet anche i giovani Sedazzari e Zuffi, lasciando a De Min e Stijepovic la standing ovation del Pala Iseo.

Si torna in campo giovedì 5 maggio al Palazzetto Cremonesi, ore 21, per continuare a far volare un sogno chiamato PLAYOFF!

Urania Milano – Erogasmet Crema 84 – 64 (26-11; 25-17; 17-20; 16-16)

Urania Milano: Daniele Ganguzza 4 (2/2, 0/4), Dusan Stijepovic 14 (4/6, 0/3), Paolo Marra (0/1 da tre), Marco Torgano 20 (5/5, 3/6), Teodoro Zuffi, Andrea Paleari 15 (5/7, 0/2), Jacopo Franco Sedazzari (0/1 da tre), Federico De Bettin 4 (2/4, 0/1), Thomas De Min 10 (1/2, 2/5), Giacomo Mariani 17 (3/5, 1/2). All. Marcello Ghizzinardi.
Tiri Liberi: 22/29 – Rimbalzi: 36 2+34 (Paleari e Stjiepovic 8) – Assist: 19 (Mariani 10)

Erogasmet Crema: Davide Liberati 7 (1/3 da tre), Gabriele Zanella 9 (2/5, 0/3), Pietro Del Sorbo 2 (1/6, 0/4), Sandro Tagliaferri (0/2 da tre), Ibrahim Cissè 11 (3/8, 1/3), Daniele Manuelli 14 (5/8, 0/3), Davide Bozzetto, Luca Tardito 3 (1/5 da due), Igor Fontana, Luca Montanari 18 (3/9, 3/9). All. Massimiliano Baldiraghi.
Tiri Liberi: 19/22 – Rimbalzi: 38 10+28 (Zanella 10) – Assist: 9 (Del Sorbo, Montanari e Manuelli 2)

FONTE: Uff. Stampa Urania Wildcats Milano

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy