Serie B Playout G3 – Fondi resiste, Maddaloni sotto 1-2

Serie B Playout G3 – Fondi resiste, Maddaloni sotto 1-2

a Pallacanestro San Michele Maddaloni perde gara 3 e va sotto di nuovo nella serie ma ha dimostrato che il PalaVirtus non è affatto inespugnabile.

Virtus Fondi-Pall. San Michele Maddaloni 70-65

Parziali: 21-21; 36-36; 56-49.

Fondi: Mihalich 13, Pietrosanto 7, Romano 21, Cappiello 2, Myers, Lilliu 10, Biordi 8, Di Giacomo 3, Di Manno n.e., Luzza 6, All. Macaro, Ass. Di Fazio, Ass. Borelli.

Maddaloni: Ragnino 2, Zamo n.e., Listwon 4, Caceres 17, Desiato 6, Marini n.e., Rubbera 21, Garofalo 2, Rusciano 5, Florio 8, All. Monda, Ass. Palmisani, Ass. De Maria.

Arbitri: Giuseppe Scarfo’ di Palmi (RC) e Francesco Pratico’ di Reggio Calabria (RC).

Cronaca: La Pallacanestro San Michele Maddaloni perde gara 3 e va sotto di nuovo nella serie ma ha dimostrato che il PalaVirtus non è affatto inespugnabile. Dopo un primo tempo ben giocato, il secondo ha visto i biancazzurri forzare troppi passaggi per trovare l’uomo libero con la soluzione, forse, più complicata. L’arbitraggio a dir poco casalingo, poi, ha compromesso definitivamente la gara.

Gli avversari partono lanciati piazzando subito un 4-0. La reazione dei biancazzurri non tarda però ad arrivare. Con un gioco piuttosto corale e una difesa che sale di colpi man mano che il cronometro scorre si giunge al giro di boa sul 5-9. A Luciano Rusciano viene fischiato il secondo fallo, ma al suo posto entra un Sandro Listwon che in questa serie non ha da invidiare nessuno per intensità. Fondi approfitta di un passaggio a vuoto dei maddalonesi per ricucire il gap, ma un chirurgico Pedro Ignacio Rubbera realizza tutto ciò che manda per aria fissando il parziale al 7′ sul 10-17 e costringendo il coach rivale a chiamare timeout. I pontini tornano meglio sul parquet siglando un break di 8-0 così da ritornare in vantaggio, ma le squadre si equivalgono e al primo mini riposo è parità. Il secondo quarto si apre con l’accelerata di Maddaloni che si porta sul 21-26 grazie alla tripla di Alessandro Florio. Per diversi minuti non si segna e al 15′ Fondi impatta nuovamente a quota 26. Il San Michele ancora una volta sembra attutire il colpo grazie a Juan Manuel Caceres che infila due canestri consecutivi. Fino a quel momento la difesa ospite aveva concesso davvero poco agli avversari, mantenendo per gran parte del primo tempo il naso avanti. Un paio di insufficienze però, permettono a Fondi di ricucire ancora una volta il distacco. La tripla di Florio rilancia l’ambizione di vittoria dei viandanti (31-34) ma proprio al 20′ i pontini impattano nuovamente a quota 36.

Al rientro dagli spogliatoi è Fondi che scatta per prima dai blocchi di partenza (43-38). L’inerzia del match inizia ad essere tutto a favore dei padroni di casa, soprattutto perché Maddaloni commette un paio di palle perse che permettono agli avversari di involarsi in contropiede. L’appoggio al vetro di capitan Nino Garofalo prova a scuotere i suoi, ma i biancazzurri fanno tremendamente fatica a segnare. Intanto gli arbitri ravvisano un tecnico a Di Giacomo, ma quella scelta farà poi cadere la bilancia tutta dalla loro parte. Su una possibile infrazione di campo contro Maddaloni il lungo Biordi tocca palesemente il pallone ma gli arbitri non lo vedono. Il pontino non è sportivo come il suo compagno Mihalich in gara 2, e sarà proprio lui per uno scherzo del destino ad infilare sul possesso la bomba del 48-39 al 25′. Da lì in poi gli arbitri prenderanno la scena, faranno incetta di regali al Fondi ed è chiaro che Maddaloni per vincere deve battere non 5, bensì 7 uomini. Nonostante il -7 di fine terzo quarto il San Michele prova lo stesso a recuperare, ma spesso ci si butta in attacco a capofitto senza trovare la giusta fluidità. Ne escono tiri estemporanei e spesso senza ritmo, e soltanto la freddezza di Caceres dalla linea della carità, che aggiungerà la bellezza di 15 rimbalzi arpionati, fanno muovere con continuità il punteggio degli ospiti che al 35′ sono ancora indietro di 8 lunghezze (64-56). Due giri di lancette senza segnare conducono le squadre al rettilineo finale. Maddaloni piazza un 4-0 interrotto dai liberi degli avversari. Rubbera a 57″ è glaciale e fa 2/2 per il -4; Maddaloni difende bene e recupera palla, l’attacco non porta a nulla di buono e così Rusciano che si ritrova con il pallone tra le mani tenta la tripla che muove soltanto la retina: -1. Fondi segna e coach Giovanni Monda chiama timeout. Con 24″ si tenta un tiro veloce con Desiato che penetra ma la sua conclusione si spegne sul ferro. Fallo sistematico e 2/2 dei pontini che sa tanto di vittoria dato che con 8″ la tripla di Caceres dall’angolo oltrepassa il ferro.

In archivio anche gara 3 e serie che adesso sorride per 2-1 alla Virtus Fondi. Da qui in poi per salvarsi Maddaloni dovrà soltanto vincere. Gara 4 si disputerà sempre al PalaVirtus di Fondidomenica 8 maggio alle ore 18:00, mentre l’eventuale gara 5 è in programma per mercoledì 11 maggio alle ore 20:30 al Pala Angioni-Caliendo di Maddaloni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy