Serie B. Poderosa di nome e di fatto, Montegranaro asfalta Senigallia

Serie B. Poderosa di nome e di fatto, Montegranaro asfalta Senigallia

Commenta per primo!

 

Una Dino Bigioni Shoes concentrata, dura, perfetta non lascia scampo alla Goldengas Senigallia e porta a casa un derby che è stato a senso unico fin dai primi minuti. I veregrensi stroncano le velleità senigalliesi cavalcando una fantascientifica prima metà di gara (appena 7 i tiri sbagliati dai gialloneri al 20’ per un incredibile 78% dal campo) e spegnendo così una Goldengas per la quale non può bastare l’assenza di Catalani come alibi. Troppo rinunciatari gli ospiti, che dopo il 2-6 iniziale, non riescono più a trovare il bandolo della matassa. La difesa a zona match-up sembra imbrigliare la Poderosa nei primissimi minuti, nei quali la formazione di coach Steffè fa qualche fatica a trovare buone soluzioni. Ma la difesa biancorossa fa acqua da più parti, specie nel cuore dell’area dove Micevic e Ravazzani iniziano a punire sistematicamente. Non ci sono strappi, è proprio un monologo quella della Dino Bigioni, che già sul finire del primo quarto è a +16 (31-15) con un clamoroso 14/18 dal campo.

A Senigallia mancano i canestri di Pierantoni, cui Ravazzani mette la museruola, e la fisicità giallonera è troppo superiore per una squadra che, quando il suo capitano è in panca, si ritrova senza uomini sopra il metro e 95. La Poderosa dilaga nel secondo quarto, nel quale il divario tocca i 26 punti (59-33 al 20’) per poi continuare a dilatarsi nella ripresa, nella quale c’è spazio anche per i giovanissimi Ortenzi, Quondam e Cernivani (che realizza anche i suoi primi due punti in B).

Finisce 99-59 con Ravazzani a firmare la solita doppia-doppia (19 punti e 15 rimbalzi) e a guidare i ben sette uomini in doppia cifra in maglia giallonera. Per la Goldengas si salva un frizzante Pasquinelli (14 con 4 triple). Per la Dino Bigioni è il 15° successo consecutivo, ma per la certezza del primo posto servirà una vittoria anche a Roma contro l’Eurobasket. Per la Goldengas un ko che invece vale il matematico quarto posto. Con la prospettiva di una possibile rivincita nei playoff.

Queste le parole di coach Steffè: “Eravamo preoccupati di come potesse essere il ritorno dalla sosta, sia per noi che per il pubblico che contro Rieti ci aveva seguito in massa. La gente ha risposto bene sugli spalti e noi sul campo. Abbiamo avuto un buon inizio, facendo sempre canestro ma soprattutto seguendo il piano partita che ci eravamo dati. Sapevamo che avrebbero fatto la zona per rallentare un po’ i ritmi ma siamo stati bravi a non essere egoisti e a girarci la palla, oltre a difendere come si deve. E sono felice di aver potuto dare spazio “vero” anche ai giovani che ci danno una mano”.

DINO BIGIONI MONTEGRANARO – GOLDENGAS SENIGALLIA 99-59

DINO BIGIONI: Micevic 13, Alessandri 12, Ortenzi, Ciribeni 11, Gatti 17, Coviello 15, Cernivani 2, Quondam, Andreani 10, Ravazzani 19. All.: Steffè.

GOLDENGAS: Pierantoni 2, Battisti 10, Diotallevi, Giampieri 8, Bertoni 8, Maddaloni 4, Scrima 1, Cicconi Massi 1, Pasquinelli 14, Casagrande 11. All.: Galli.

ARBITRI: Fabio Ferretti di Nereto e Marco Catani di Pescara.

PARZIALI: 31-15, 28-18, 19-12, 21-14.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy