Serie B – Righetti spinge l’Eurobasket, schiantata la Stella Azzurra

Serie B – Righetti spinge l’Eurobasket, schiantata la Stella Azzurra

Commenta per primo!

STELLA AZZURRA ROMA – ROMA GAS & POWER EUROBASKET 51-91 ( 21-31; 26-52; 42-74)

Stella Azzurra: Da Campo 15, L. Nikolic 8,  Radonjic 10, Antonaci 2,  Guariglia 2,  Trapani 5 Iannelli 7, S. Nikolic, Vitale 2, Ulaneo. All. D’Arcangeli

Roma Gas & Power: Dip 9, Casale 3, Fanti 5, Stanic 10, Righetti 20, Romeo 11, Staffieri 10, Tomasello 7, Birindelli 13, Callara 3. All. Bonora

Arbitri: Andretta e Almerigogna

Con una straordinaria prova di forza e grande concentrazione la Roma Gas & Power Eurobasket torna a mietere gioco ed avversarie, chiudendo con un sonoro +40 il temuto derby sul parquet della Stella Azzurra. L’ottava vittoria stagionale su altrettante partite arriva al termine di un match che i biancoblù dominano in lungo e largo, senza mai abbassare un attimo la guardia e non mollando mai la presa soprattutto difensivamente fino all’ultimo minuto.

Le mani sono subito calde su ambo i lati, colpiscono infatti Da Campo e Radonjic da una parte e due volte Righetti dall’altra, ma quando l’ex Nazionale mette la terza conclusione pesante e Stanic va in scorribanda, l’Eurobasket piazza il primo allungo e costringe D’Arcangeli al timeout: 8-15 al 5’. “Rigo” è caldo e sale a quota 14 già a metà del primo quarto e lo ferma solo una pausa dovuta ad un guasto all’apparecchiatura dei 24’’. Si riprende con le palette manuali e Birindelli, subito in campo nel quintetto con cinque piccoli, pesca Stanic in taglio da play aggiunto contro la 1/3/1 mentre il gioco da tre punti di Trapani è l’ultimo sussulto di una partita a senso unico: 15-22 al 7. Anche perché sul terzo fallo a rimbalzo in attacco di Guariglia D’Arcangeli si fa fischiare un tecnico che costa sei punti: 3/3 ai liberi di Stanic e Righetti e la bomba di Staffieri dall’angolo fino al 30-15 all’8’. La Stella recupera un minimo d’inerzia con la zone press e il buon impatto di Iannelli ricuce lo strappo fino al 21-31 della prima pausa.

Un grande assist sulla linea di fondo di Romeo per Birindelli apre il secondo quarto (21-34) e con l’ingresso di Tomasello Bonora ha già ruotato nove uomini sul parquet, proprio il lungo fatto in casa si fa rispettare a rimbalzo d’attacco e lancia Fanti in contropiede (23-38 al 14’) anche perché le squadre adesso faticano nel tiro dai 6.75 e giocano a coprire l’area colorata. Il 2/2 dalla lunetta di Fanti (26-41 al 15’) apre un finale di quarto tutto targato Gas & Power, soprattutto perché la difesa si fa ermetica e non concederà alcun punto fino al riposo lungo. Dall’altra parte, invece, Romeo colpisce dall’angolo e i recuperi difensivi originano contropiedi spesso fermati solo col fallo: l’8/9 combinato da Righetti, Staffieri e Dip firma il “doppiaggio” al 20’.

Proprio gli ultimi due, invertendosi le parti, firmano l’inizio di secondo tempo e l’ala segna dall’angolo il +29. Si scaldano le mani dopo l’1/6 del secondo quarto e Righetti griffa il primo vantaggio oltre i trenta punti (29-60) subito imitato dal bel canestro di Stanic in taglio su assisti di Dip. Proprio il playmaker ex Rieti e Roseto anticipa tutta la difesa volando in contropiede su un lancio baseball strappa applausi di Righetti e lo imita poco dopo, innescando la volata di Birindelli: 36-70 al 28’. C’è spazio per un bel canestro di Nikolic in chiusura per il -30, ma Tomasello replica subito dopo un altro rimbalzo in attacco (cinque in tutta la partita).

Il pivot del ’93 segna anche dalla lunetta e con la rovesciata di Birindelli apre l’ultimo parziale (42-78), mentre gli ultimi minuti sono un continuo aggiornarsi del massimo vantaggio, che passa prima per la bomba del neoentrato Callara (48-85 al 36’) e poi per tre canestri consecutivi di Romeo, i primi due in contropiede e l’ultimo su assist di Birindelli: 48-91, prima dei canestri finali che riportano lo svantaggio finale in cifra tonda.

Un soddisfatto Nicolas Stanic commenta così la partita: “Venivamo da una brutta prestazione (nonostante la vittoria, ndr) in casa contro Scauri e ci tenevamo a dimostrare di essere vivi – conferma il play classe ’84- e di voler arrivare al risultato attraverso una prestazione fatta di sostanza e attenzione per tutti e quaranta i minuti. Il modo migliore per prepararci alla sfida contro una grande squadra come Napoli”.

Si gioca sabato prossimo alle 18.30 al PalAvenali: in palio il primo posto e le prime prove di fuga.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy