Serie B. Rimini, contro San Miniato serve una giusta reazione

Serie B. Rimini, contro San Miniato serve una giusta reazione

Commenta per primo!

Un’altra toscana, sul cammino di Rimini, un’altra matricola per la serie B. Domenica 20 Dicembre ore 18 al Flaminio NTS CRABS Rimini ospita un’altro match inedito affrontando una vicina di classifica con la necessità assoluta di vincere e ritrovare il giusto feeling con il suo pubblico. Coach Mladenov potrà disporre di un innesto importante che gli permetterà di allungare le rotazioni: quel Georgi Sirakov formato nelle giovanili CRABS quando la prima squadra si godeva i fasti della A2 ed alla giovane guardia fu concesso più volte di allenarsi con i compagni più talentuosi. Ora questo ventitreenne bulgaro torna tra le mura amiche con una carriera ampia spesa tra Italia e Bulgaria ed uno score offensivo di tutto rispetto che a Rimini serve come il pane. Arrivato martedì 15, presentato venerdì 18 ed in campo domenica con tutti i buoni propositi del caso ed anche qualcosa di più.

Dall’altra parte ci sarà la BLUKART ETRUSCA SAN MINIATO,  che  precede in classifica i CRABS di soli 2 punti con 6 vinte e 6 perse battendo anche avversarie importanti come ANGELS e CENTO. Fuori casa hanno vinto solo a Torino ed arrivano in riviera col fardello della pesante sconfitta casalinga subita ad opera di UNIEURO Forlì.

La loro statistica dice che hanno rotazioni significative su 8 giocatori tra i quali STEFANELLI è il top-scorer con una media di 15,9 punti e 5,1 rimbalzi che insieme a BERTOLINI con 12,8 e 6,4 rimbalzi costituisce la coppia in doppia cifra. Gli altri sei più produttivi generano bottini variabili tra i 4,8 ed i 9,3 punti con una buona distribuzione anche nella statistica dei rimbalzi. Tra loro non possiamo dimenticare il ben noto riminese Niccolò Rinaldi (1993 per 200 cm di formazione Angels) che ha disputato le ultime stagioni ad alto livello con Orzinuovi, Riva del Garda e gli stessi ANGELS sia in DNA che nella recente promozione dalla C.

Dalle cifre di squadra si ricava  che nelle 12 gare disputate i toscani hanno realizzato 72,4 punti di media subendone 66,4, tirando col 48% da 2 punti e con il 30% da 3. Realizzano il 64% ai liberi catturando 34,3 rimbalzi di cui 11,3 in attacco. Il saldo perse/recuperate è di 17,1/9,9 con 15,8 assist serviti.

Quanto a Rimini, i bianco-rossi si attestando sui 73,7 punti di media (subendone però 74,1) tirando col 52% da 2 punti e con il 35% da 3 realizzando il 70% ai liberi e catturando 36,2 rimbalzi di cui 8,3 in attacco, mentre il saldo perse/recuperate è di 15,3/5,8 con 12,8 assist serviti. Le rotazioni significative dei romagnoli riguardano 7 giocatori con un notevole equilibrio offensivo: Romano 12,2, Foiera e Tassinari 10,7 ciascuno, Perez, Panzini e Chiera ben oltre i 9 e Crotta a quota 7. I tre migliori realizzatori sono anche i migliori rimbalzisti.

Tra le buone notizie in casa bianco-rossa c’è da registrare la precisa volontà di continuare ad alimentare il sogno dei playoff visto che, almeno per ora, sembra più lontano quello della A2 (sono parole del Presidente Luciano Capicchioni pronunciate durante la festa di Natale dell’altro ieri) oltre alla determinata intenzione di fornire soluzioni senza trovare scuse sottolineata da Lorenzo Panzini. L’andamento conferma la necessità di migliorare assolutamente la tenuta difensiva mentre l’arrivo di Sirakov aggiungerà un po’ di sana di competizione interna tra le guardie che dovranno giocarsi ogni giorno i minuti in campo fornendo più del massimo sia in allenamento che in gara.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy