Serie B. Rimini, contro Trecate per il bis

Serie B. Rimini, contro Trecate per il bis

Commenta per primo!

Dopo la convincente vittoria all’esordio in quel di Piombino per 78 a 72, domenica la NTS è attesa da un’altra dura prova: sulle tavole amiche del Flaminio, i ragazzi di Mladenov ospiteranno il neopromosso Basket Club Trecate. Un avversario da non prendere sottogamba, poiché nonostante la poca esperienza e la pesante sconfitta subita ad opera di Faenza, la squadra piemontese resta comunque un avversario insidioso, con tanta voglia di riscatto dopo il brutto esordio in serie B.

Il Basket Club debutta quest’anno in serie B alla quale è arrivato in corsa con un “doppio salto” in due sole stagioni dalla C regionale. Società veterana dei campionati di serie C si presenta con una pesante sconfitta casalinga ad opera della forte Raggisolaris Faenza ed un bottino di soli 58 punti segnati. Assolutamente da non sottovalutare, e non lo faremo.

Perdere la prima può capitare a tutti, particolarmente quando si debutta in una categoria superiore. Dei 12 giocatori del roster pubblicato nel sito web ufficiale, solo 3 sono nuovi e solo 9 di loro sono andati a referto al debutto, ma tutti scesi in campo con un minutaggio significativo ed una buona distribuzione dei 37 rimbalzi catturati. Quattro di loro sono andati in doppia cifra con buone percentuali mentre i restanti 5 hanno prodotto solo 6 punti totali.

Per quanto riguarda Rimini è andato tutto liscio trascurando il pesante saldo perse/recuperate di 21/5 che in altre stagioni ha fatto piangere calde lacrime.  Ma questa volta, prima volta si è potuto contare sulle prestazioni super dei veterani Foiera (100% al tiro) e Tassinari che hanno condotto la danza fin dall’inizio, di Panzini e Romano: entrambi in doppia cifra(13+13), con 13 rimbalzi  e 12 falli subiti in due, coi giovani Perez e Balic (20 punti in due) che pur essendo meno che ventenni hanno giocato con la freddezza e la determinazione dei veterani consumati, per finire con Chiera e Crotta che hanno fornito il loro robusto apporto al bottino di 78 punti segnati e 36 rimbalzi catturati. Otto scesi in campo con ampio minutaggio, pochi secondi per Egbutu e solo panchina per Provesi.

Esclusa la presenza di Davide Meluzzi e ammesso che non recuperi in extremis Giacomo Signorini, questa dovrebbe essere la formazione ampiamente e meritatamente riconfermata che scenderà in campo, rigorosamente in canotta biancorossa come richiesto a furor di popolo, sul parquet dell’amato Flaminio, davanti al suo pubblico che non mancherà di salutare i suoi atleti in questa ambiziosa scalata alle vette più alte.

“Contro Piombino la chiave della vittoria è stata soprattutto l’approccio difensivo che abbiamo avuto fin dall’inizio – attacca Federico Tassinari, capitano dei granchi – con molta intensità messa in campo e buoni aiuti reciproci, che hanno fatto fare molta fatica ai nostri avversari, permettendoci inoltre di colpire in contropiede. Nella metà campo offensiva ci siamo cercati abbastanza, anche se potremmo farlo un po’ di più e con maggiore costanza, per seguire gli schemi e riuscire a prendere tiri ad alta percentuale. Non bisogna poi dimenticare il contributo di ogni giocatore, con anche quelli che sono partiti dalla panchina che hanno portato il loro mattoncino”.

Il ‘Tasso’, classe ’77, è assieme a Foiera uno dei veterani del gruppo, e con l’esperienza maturata in tante stagioni giocate ad alto livello, sarà sicuramente fondamentale per la crescita dei giovani presenti nell’organico della prima squadra: “I giovani si sentono coinvolti – prosegue l’ala biancorossa – e hanno tanta voglia di dire la loro, anche perché con un anno di esperienza in più, possono sicuramente essere molto importanti come già hanno fatto domenica scorsa”.
Nonostante le condizioni fisiche non perfette, Tassinari ha comunque dato il suo contributo alla causa dei Crabs, con 8 punti tirando con il 57% dal campo e sei rimbalzi in quasi 30’ di impiego: “La schiena, che mi ha dato qualche fastidio, va meglio ma ancora non è a posto, quindi la mia condizione atletica non è delle migliori, spero di ritrovarla piano piano con il passare del tempo: ho saltato qualche giorno, ma continuo ad allenarmi perché noi giocatori non possiamo permetterci di fermarci per troppo tempo – conclude il capitano della NTS – quindi se non sono infortuni troppo gravi bisogna continuare a giocare e stringere i denti”.

Dopo anni di ‘esilio’, infine, la sede operativa del Basket Rimini CRABS torna finalmente in città, e ritorna nel luogo dove si sono compiuti gli eventi più entusiasmanti della sua lunga storia.

All’interno del Palasport Flaminio (via Flaminia 28), il luogo più amato da tifosi e sportivi riminesi grazie alla fondamentale opera del vice-presidente biancorosso Moreno Maresi. La segreteria della NTS Informatica BASKET RIMINI CRABS, gestita dall’insuperabile Cinzia Campidelli, sarà aperta tutte le mattine dal lunedì al venerdì, ma non è tutto, a breve seguiranno altre novità per quanto riguarda la fruibilità del servizio internet durante le partite casalinghe.

“Se la nostra sede operativa è tornata in città e addirittura al Flaminio – dichiara Luciano Capicchioni, presidente dei Crabs – il merito è soprattutto di Moreno Maresi, il quale impegnandosi in prima persona e sensibilizzando l’amministrazione comunale di Rimini, che ringraziamo per la disponibilità, è riuscito a riconsegnare ai Crabs una dimensione ancora più riminese”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy