Serie B. Rimini, dura prima per Bernardi: arriva Piombino

Serie B. Rimini, dura prima per Bernardi: arriva Piombino

Commenta per primo!

Dopo l’esordio con i CRABS nel 1992/94, l’ultima volta di Massimo Bernardi sulla panchina di Rimini risale al 1999/2000. Si parlava di A1 e perfino di coppa Korac, lasciò la panchina a Dicembre ed ora, per uno strano meccanismo del tempo ha l’opportunità di completare quell’annata ripartendo da questo Gennaio 2016. Tenendo conto che nel 2012 lo trovammo autore dell’ottima salvezza sulla panchina degli ANGELS in DNA possiamo serenamente replicare la famosa frase di un altro Massimo (Troisi): “RICOMINCIO DA TRE” .

L’apertura del girone di ritorno lo vede impegnato contro BGO PIOMBINO, che fu il primo acuto di NTS CRABS di questa stagione, con l’ingrato compito di ribaltare tutto il possibile a partire dalla serenità e dalla coesione del gruppo che è stata la chiave dell’ottima partenza di stagione, prima che si rompesse l’incantesimo che ha “consumato” Mladenov, sia nel corpo che nello spirito. Cosa potrà ottenere in sole 72 ore non lo può prevedere nessuno, saremo tutti al Flaminio mercoledì 6 Gennaio alle 18:00 per vedere coi nostri occhi cosa è venuto fuori e con tutta la fiducia incondizionata che merita.

Sulla Panchina di BGO Piombino, che occupa il quarto posto (in coabitazione) con 10 vittorie e 5 sconfitte c’è proprio Massimo PADOVANO, coach che Bernardi sostituì a Sant’Arcangelo e che ha fatto molto bene sul Tirreno fin dal 2013, dove arrivò “in corsa” ottenendo risultati lusinghieri.

La sua formazione veleggia ad alti livelli guidata dalle mani sicure del famosissimo Mario GIGENA: 14,5 ppg con il 56% da 2 ed il 38% da 3, preceduto dal playmaker VENUCCI: 17,6 ppg e dall’ala GENOVESE: 15,7 ppg (49% nel tiro da 3) e seguito da PERSICO, centro da 9,1 ppg e 6 rimbalzi. Il quintetto è completato da IARDELLA, guardia da 8,4 ppg ed è un quintetto di tutto rispetto. Tra gli altri quattro che completano le rotazioni più significative c’è da tenere d’occhio il secondo playmaker PEDRONI mentre il resto della panchina produce molto meno, ma questo non impedisce loro di realizzare una media di 79,1 punti a partita, subendone 74,1. Realizzano il 52% da 2 ed il 36% da 3 con il 77% ai liberi. Catturano 34,1 rimbalzi di cui 8,5 in attacco. Il saldo perse/recuperate ammonta a 13,5/6,1 con 10,9 assist.

Da parte bianco-rossa ci si aspetta una reazione proporzionale alla qualità di ogni singolo giocatore, alcuni dei quali da oltre un mese sono trasformati e l’impegno discontinuo degli altri non compensa, aumentando la delusione piatta che traspare sia in allenamento che in gara.

I numeri di NTS CRABS Rimini dicono 72,6 ppg con 75,3 subiti. Il tiro da 2 entra il 51% delle volte mentre quello da 3 il 33%. 72% ai liberi con 36,1 rimbalzi di cui 8,8 in attacco con un saldo perse/recuperate di 15,8/6 e 12,6 assist completano la statistica.

Le prestazioni individuali al momento contano poco o nulla, vanno esaltate quando si vince ma non fanno testo quando si perde, perché quando si vince c’è sempre qualcuno che vince un po’ di più degli altri mentre quando si perde lo si fa tutti insieme.

Gli allenamenti di NTS CRABS sono blindati e non c’è ancora stata conferenza stampa, assolutamente ovvio e condivisibile visto che c’è tutto da fare e assolutamente niente da dire, quindi concludo con l’autorevole parere del Coach avversario che ha appena vinto in trasferta a Faenza: “troveremo una squadra con il coltello fra i denti, il cambio dell´allenatore scuoterà sicuramente l´ambiente, i ragazzi vorranno farsi vedere, saranno adrenalinici, sarà così sicuramente tutto più difficile di come sarebbe stato, bisognerà dare il nostro meglio, abbiamo solo due giorni per prepararci e per recuperare le energie sia fisiche che nervose, sicuramente proveremo a proseguire questa striscia positiva.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy