Serie B. Rimini, è tempo di big match contro Forlì

Serie B. Rimini, è tempo di big match contro Forlì

Commenta per primo!

UNIEURO Forlì: caduta più volte, anche con effetti devastanti e situazioni economiche delle quali non ci si può vantare, ritorna sempre a galla trovando fondi cospicui che le permettono di presentarsi in posizioni di vertice. Hanno perduto solo a domicilio dall’imbattuta Cecina ed usufruito del “regalo Piacenza” causato dalla rottura dei tabelloni che ha dato loro la vittoria a tavolino. A parte questo hanno regolato tutte le altre con facilità sulle più deboli e senza troppi patemi sulle altre. Si presentano in riva all’Adriatico per rinnovare il Derby con la D maiuscola. Con buona pace di Imola, Lugo, Faenza e SantArcangelo i tifosi riminesi DOC riconosco solo questo come unico e vero derby di Romagna. L’ultima volta andò in onda nel 2010/11, ultima presenza riminese in A2, noi terzi e loro 12mi con entrambe le gare a nostro favore. Come andrà questa volta sembra già scritto, ma non si può mai dire. NTS CRABS ha quotazioni inferiori ed una classifica che lo conferma, ma se di derby si tratta (io sono di Bologna e so cosa vuol dire derby) ogni risultato è possibile.

In questo primo terzo di campionato l’UNIEURO ha prodotto una media di 75,7 punti, tirando col 55% da 2 punti e con il 35% da 3. Realizza l’81 % ai liberi catturando 34,8 rimbalzi di cui 9,2 in attacco. Il saldo perse/recuperate è di 8,9/5,2 con 15,8 assist serviti.

Il più pericoloso di loro è la guardia VICO con 16,2 PPG, il maggior numero di palloni giocati nonché di tiri presi, oltre a tre ali da due metri in doppia cifra: PEDERZINI, PIGNATTI, ARRIGONI; con il centro ROTONDO che ne mette 9,8 ed è il miglior rimbalzista con 6,1 si chiude il quintetto più prolifico. A questi va aggiunto il play titolare FERRI, con 6.9 PPG ed un minutaggio importante poi IATTONI 6.7 PPG e RODOLFO ROMBALDONI classe 1976 che conosce a memoria tutti i parquet d’Italia con 5,6 PPG. L’ultimo con un minutaggio significativo è BONACINI, playmaker in seconda, con 4.4 PPG.

NTS CRABS, da parte sua, deve cancellare una serie novembrina poco gradita durante la quale ha vinto solo tre delle cinque partite che erano largamente alla sua portata ed affronta questo pesante momento contro una pretendente alla promozione sapendo che poi andrà in trasferta contro gli Angels che pagherebbero qualsiasi cifra per fare polpette dei biancorossi , ma ora affrontiamo un problema alla volta visto che anche quelle che seguiranno dopo sono belle toste.

La statistica conferma il sostanziale equilibrio leggermente in favore di Forlì, visto che NTS CRABS realizza 74,4 punti di media, tirando col 54% da 2 punti e con il 36% da 3. Meno confortante il 69% ai liberi ma ottimo il 36,2 rimbalzi di cui 7,7 in attacco. Il saldo perse/recuperate, che ci penalizza ampiamente, è di 15,9/6,3 con un buon 13,4 di assist serviti.

Al momento il coach che non dorme sonni tranquilli ottiene presenza e punti importanti solo da sette giocatori a partire da Panzini leader per oltre 31 minuti fino a Crotta che ne spende solo 16:50. Ben quattro garantiscono un bottino in doppia cifra: Romano 12,4 PPG + 6,7 rimbalzi, poi Foiera 12,2 + 6,8, Tassinari 10,3 + 4,8 e Chiera 10 tondi +3,2. A seguire ci sono i 9,7 di Panzini ed i 9,3 di Perez. Crotta ne produce 6,5 e compensa parzialmente con 4,8 rimbalzi. Più bassi i punti ed i minuti di Meluzzi e Balic oltre al decimo di turno che cambia spesso senza quasi mai vedere il campo.

Conclusione: se i numeri significano qualcosa ce la possiamo giocare, poi la tensione e le emozioni sul parquet faranno il resto. Da parte nostra possiamo solo affollare le tribune del nostro amato Flaminio, dal momento che i tifosi forlivesi arriveranno in massa chiassosa e non vorrei provare la sensazione di essere fuori casa. Palla a due domenica, ore 18:00.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy