Serie B. Rimini, neanche il tempo di rifiatare…ed è già Livorno

Serie B. Rimini, neanche il tempo di rifiatare…ed è già Livorno

Nuovo atto del derby dei due mari.

Commenta per primo!

Nemmeno il tempo di godersi il successo in terra di Toscana, che subito Rimini torna in campo per un infrasettimanale che rinnova i ricordi delle storiche sfide dei due mari tra Rimini e Livorno con questa edizione dei tirrenici targata Don Bosco con sponsor CFG contro la quale i Crabs vinsero già all’andata. Nelle sfide dei giorni feriali il pubblico è abitualmente più ridotto ma questa volta nessuno vorrà perdere l’opportunità di salutare un altro successo di una NTS CRABS lanciata a tutto vapore.

La situazione appare favorevole perché l’avversaria produce bottini modesti e naviga nelle parte bassa della classifica, ma ci sono due incognite: punto primo è una toscana e sul sottovalutare una squadra toscana Lorenzo Panzini potrebbe scrivere un trattato universitario, punto secondo nella CFG c’è Marco Perin, che lasciò un buon ricordo nella scorsa stagione e non vorrà certo limitare la sua prestazione in questo suo ritorno sull’Adriatico, conclusione: da prendere con le molle.

Dalle sue statistiche l’CFG Livorno ha ottenuto 66,6 punti di media, tirando col 41% da 2 punti e con il 26% da 3. Realizza il 71% ai liberi catturando 41,7 rimbalzi strappandone 13,5 in attacco. Il saldo perse/recuperate è di 15,1/5,8 con 7,7 assist serviti. Infine ricordiamo che nell’ultima uscita di venerdì scorso CFG Livorno ha preso una bella batosta a Monsummano perdendo 84-51.

Il più pericoloso dei livornesi è appunto Marco Perin (guardia da 14,1 punti e 3,7 rimbalzi) che produce la doppia cifra insieme al centro Ravazzani (notare i 12,7 punti e 13,5 rimbalzi) ed alla guardia Giampaoli (12,6 Punti e 1,6 rimbalzi). La statistica da molto peso all’ala Mariani (9 punti e 4,7 rimbalzi) e chiude il miglior quintetto l’ala piccola Artioli (5,5 punti e 4,7 rimbalzi) mentre tutto il resto della formazione ha bottini più modesti da 4,8 punti in giù. Da notare che il minutaggio è ben distribuito tra almeno otto giocatori di una formazione che li vede presenti in campo tutti e 10.

Sponda Rimini si registrano 74,9 punti di media segnati subendone 74,7 ottenuti tirando col 51% da 2 punti e con il 33% da 3. Si realizza inoltre il 75% ai liberi catturando 35,1 rimbalzi di cui 8,2 in attacco mentre il saldo perse/recuperate è di 13,9/5,4 con 12,3 assist serviti. Riassumendo: meglio in attacco che in difesa.

Massimo Bernardi impiega stabilmente otto giocatori con minuti importanti e da loro ottiene un elevato equilibrio sia offensivo che difensivo: Romano (che nell’ultima partita non ha preso nemmeno un tiro dal campo) Foiera e Perez sono in doppia cifra mentre Panzini,Chiera e Sirakov incalzano con oltre 9 a testa. Qualcosa di meno (ma poco) da Crotta e Tassinari che compensano con i rimbalzi dove comandano comunque Foiera e Romano. Equilibrio, determinazione ed umiltà per tutto l’arco dei 40 minuti sono la chiave di questo nuovo corso riminese, non è certo il caso di  fermarlo. Segnate la data: 17 Febbraio 2016 ore 20:30 al Flaminio, non mancate.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy