Serie B. Senigallia si arrende a Montegranaro, la capolista passa all’overtime

Serie B. Senigallia si arrende a Montegranaro, la capolista passa all’overtime

Commenta per primo!

Montegranaro rimane capolista solitariaviolando il PalaPanzini dopo 45? di battaglia contro la Goldengas, alla prima sconfitta interna stagionale.

I biancorossi, trasformati rispetto alla partita di Bisceglie, giocano un’ottima partita contro una vera corazzata, con unsecondo quarto memorabile, ma pagano un ultimo periodo contrassegnato da appena due punti realizzati, complici le percentuali al tiro deficitarie di giocatori cardine come Gnaccarini (3-12) e soprattutto Barsanti (2-12).

Il supplementare regala il successo agli ospiti tra mille polemiche ed altrettanta tensione per le decisioni arbitrali.

Ma andiamo con ordine: i biancorossi iniziano con la giusta faccia e al termine del primo quarto sono meritatamente avanti 24-20; capolista però pienamente in partita e padrona nel secondo periodo (vinto con un parziale di 15-22), grazie al quale va al riposo lungo avanti 39-42.

Straordinario però, per scelte offensive e soprattutto intensità difensiva, il terzo quarto dei padroni di casa: un grande Maddaloni guida i suoi al +13 (63-50) con cui si entra negli ultimi 10?, nei quali, però, la squadra di casa praticamente non segna più.

Con 8? da giocare Senigallia conduce ancora 63-50, e nonostante le difficoltà offensive, il pareggio ospite arriva solo con Rossi dalla lunetta a 41” dalla sirena finale (65-65).

Poi, Gnaccarini sbaglia una tripla che avrebbe potuto segnare la svolta del match ma dall’altra parte Gatti e Broglia falliscono sull’ultimo possesso il tiro della vittoria.

Si va al supplementare, dove c’è ancora grande equilibrio. Una palla persa malamente propizia, grande a un libero di Di Trani, il nuovo vantaggio ospite (74-75 a 34” dalla fine), poi unfallo in attacco fischiato a Gnaccarini (sul quale sembra esserci azione scorretta in precedenza) surriscalda gli animi con 23” da giocare.

Sul possesso successivo Tronfo fallisce malamente due tiri liberi ma Gatti è il più lesto a rimbalzo offensivo e deposita il +3 (74-77): quindi segnano due volte dalla lunetta prima Pasquinelli, poi Sanna (76-79 a 7”).

Con meno di 4” da giocare, Maddaloni, dopo aver subito fallo, mette un tiro libero (77-79) e sbaglia, intelligentemente, il secondo: la palla arriva a Barsanti che, praticamente sul suono della sirena conclusiva, finisce sbilanciato per quello che a tutto il pubblico senigalliesesembra un netto fallo che darebbe altri due tiri liberi ai locali.

Gli arbitri, però, non fischiano, e con il pubblico inviperito, se ne vanno in fretta e furia negli spogliatoi.

Vince la Poderosa, che festeggia, mentre alla Goldengas rimangono i rimpianti: qualche istante dopo la fine del match, con la tensione ancora alta per il discusso epilogo, Di Trani – nell’uscire dal campo dopo che i due team si sono già salutati – si sfoga dopo essere stato beccato (anche per vecchie ruggini) e denota ancora una volta scarsa professionalità, sbeffeggiando ripetutamente i tifosi locali e scatenando un nuovo breve parapiglia tra alcuni giocatori delle due squadre nei pressi del tunnel di ingresso agli spogliatoi.

Il finale di una partita iniziata con l’omaggio alle vittime di Parigi.

 

Tabellino
GOLDENGAS SENIGALLIA:
Gnaccarini 7, Barsanti 7, Maddaloni 23, Pierantoni 7, Marinelli 12;
Caverni 5, Diotallevi ne, Pasquinelli 10, Bertoni ne, Catalani 6.
All. Valli

DINO BIGIONI MONTEGRANARO:
Rossi 10, Di Trani 22, Sanna 4, Broglia 5, Rosignoli 15;
Fabi 2, Marzullo ne, Tronfo 9, Catakovic ne, Gatti 12.
All. Steffè
Arbitri: Giovannetti di Torino e Berger di Cuneo
Parziali: 24-20 39-42 63-50 65-65 77-79.
Note: spettatori 650 circa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy