Serie B – Staffieri in difesa, Osmatescu e Lagioia in attacco: Teramo torna alla vittoria su Nardò

Serie B – Staffieri in difesa, Osmatescu e Lagioia in attacco: Teramo torna alla vittoria su Nardò

Il capitano e l’ultimo arrivato in maglia biancorossa sengnano 44 punti su 85 totali, l’ala romana prende per mano la squadra nel momento di massima difficoltà. Teramo trova una vittoria che vuol dire salvezza e ancora speranze per i playoff.

di Marco Di Egidio

Sono passati esattamente 42 giorni dall’ultima vittoria del Teramo Basket 1960: l’80 a 60 in casa contro Val di Ceppo sembra appartenere a secoli fa, dato che poi sono seguite ben tre sconfitte consecutive in un mese di Marzo da dimenticare per i biancorossi. Ora però è tempo di pensare al presente, e il presente dice che a tre giornate dalla fine Teramo è distante quattro punti dai playoff e due punti dai playout: la vittoria di ieri sera di Giulianova in casa contro Porto Sant’Elpidio ancora non chiude il discorso spareggi retrocessione, in un Girone C davvero incerto fino all’ultimo. Comunque non è il caso di fare troppi calcoli per i ragazzi di coach Di Francesco, ma di concentrarsi sul prossimo avversario, da non prendere affatto sottogamba: la Pallacanestro Nardò arriva al PalaScapriano, infatti, a pari punti con i biancorossi, che dovranno sudarsi certamente i due punti.

Gli ospiti schierano un quintetto composta da Provenzano, Ingrosso, Potì, Zaharie e Bjelic. Rispondono i padroni di casa con Salamina, Piccinini, Lagioia, Staffieri e Osmatescu. Ad aprire le danze c’è l’ultimo arrivato in casa biancorossa Victor Osmatescu, che mette in campo fin da subito la giusta grinta su entrambe le metacampo. I pugliesi rispondono giocando una pallacanestro piuttosto essenziale con cinque uomini fuori e un penetra-e-scarica dinamico, che mette in difficoltà i biancorossi, già in bonus dopo 5 minuti di gioco. La fine del primo quarto vede gli ospiti avanti 24 a 19. Nel secondo quarto Teramo continua ad inseguire nel punteggio, principalmente a causa di una serie di palle perse banali che fanno volare in contropiede i granata: l’approccio mentale alla partita finora non è stato dei migliori per i ragazzi di coach Di Francesco. Fortunatamente per i tifosi di casa Valerio Staffieri inizia a carburare anche in attacco, facendo cambiare marcia anche al resto della squadra: Teramo trova finalmente il primo vantaggio della partita. Da qui in poi il match si accende per entrambe le compagini: Nardò risponde colpo su colpo, ma è ancora uno straordinario Staffieri a dettare la via per i biancorossi, che a metà incontro si trovano avanti per 40-35. Nella terza frazione di gioco iniziano a venire fuori i limiti offensivi di Nardò, che pur continuando ad avere grande dinamismo spesso pecca di eccessiva frenesia, che raramente porta a tiri facili: il risultato è che i padroni di casa toccano la doppia cifra di vantaggio. L’inerzia agonistica del match adesso è esattamente l’opposto del primo quarto, sono i padroni di casa a tenere in mano le redini del gioco, mentre gli ospiti sembrano in affanno. La risposta granata non si fa attendere troppo: una zone press asfissiante e  cinque punti in fila della coppia Dell’Anna-Ingrosso rimettono tutto in discussione, ma all’ultimo minibreak gli ospiti sono ancora sotto di 7 lunghezze. Il quarto quarto si apre con una serie di decisioni arbitrali abbastanza dubbie, che generano due tiri liberi e possesso di palla per Nardò, causa un fallo tecnico fischiato a coach Di Francesco. I granata sfruttano bene l’occasione e si riportano a -3, ma Teramo risponde alla grande in difesa non concedendo praticamente l’area agli avversari. Protagonisti di questo frangente di partita sono il solito, monumentale, Valerio Staffieri e la strana coppia Osmatescu-Lagioia. Nel finale di match i pugliesi non trovano le energie mentali per rispondere e rimontare ulteriormente. Teramo porta a casa una partita che nel primo quarto sembrava mettersi male, ma che, con pazienza in attacco ed energia in difesa, è riuscita a girare a suo favore.

TERAMO BASKET 1960 85  – 68 PALLACANESTRO NARDÒ

Parziali: 19-24 ; 21-11; 21-19; 24-14

Tabellini
Teramo: Salamina 8, Musso 9, Lagioia 22, Staffieri 8, Milojevic, Osmatescu 22, Nolli, Piccinini, Errera, Di Eusanio 2, Ceci n.e. All. Di Francesco.
Nardò: Polonara 6, Provenzano 13, Dell’Anna 4, Zaharie 9, Scattolin 2, Potì 12, Ingrosso 11, Bjelic 11, Cannoletta n.e., Muci n.e. All. Olive.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy